Scrivere a mano e con tastiera, quale opzione è la migliore?

Scrivere a mano o con tastiera, quali vantaggi?

Queste due attività incidono su diverse aree cerebrali e favoriscono lo sviluppo di alcune facoltà cognitive invece che altre. Ecco come
Scrivere a mano o con tastiera, quali vantaggi? FASTWEB S.p.A.

Un dualismo un po' nascosto e sotterraneo ma che, invece, ha effetti tutt'altro che secondari sulla nostra quotidianità e, addirittura, sul nostro cervello. Anche se può apparire strano, scrivere a mano e scrivere digitando sulla tastiera sono due operazioni "concorrenziali" e "opposte", capaci di rafforzare alcuni collegamenti cerebrali piuttosto che altri e modellare così il cervello. Non si tratta, ovviamente, di supposizioni o congetture: alle spalle di queste affermazioni ci sono ricerche e studi scientifici che legano la psicologia alla neurologia.

Si scopre, così, che chi è abituato a scrivere a penna i propri appunti ha un cervello votato alla creatività, con una memoria più sviluppata e pronta a fornire informazioni e dati dal passato. Chi digitalizza gli appunti tramite tastiera, invece, compie azioni più meccaniche e meno legate alla fantasia e alla creatività: si tratta di movimenti ripetuti costantemente che, spesso e volentieri, non hanno nemmeno bisogno di essere "studiati" o preimpostati. Si va semplicemente a memoria.

 

I vantaggi della tastiera

 

Perché scrivere con la tastiera

Se si va di fretta e non si ha molto tempo a disposizione per prendere appunti, allora la tastiera del computer è la soluzione ideale. Come evidenziato da vari studi, ma anche dall'esperienza quotidiana, digitare testi e appunti con un computer (o, per gli amanti del vintage, con una macchina da scrivere) aiuta a risparmiare tempo. La disposizione fissa dei tasti e il layout mandato a memoria, infatti, portano lo scrivente a digitare in fretta i tasti e risparmiare così tempo. Si tratta, però, di un'operazione ripetitiva e quasi "automatizzata", incapace di stimolare le aree della creatività e della fantasia del cervello.

I vantaggi della scrittura a mano

Se si opta per carta e penna, invece, si ha a che fare con un'operazione multisensoriale in grado di sviluppare la creatività, il pensiero critico e le capacità di risoluzione dei problemi. La scrittura a mano, infatti, è un processo cognitivo complesso che coinvolge il tatto (sia per "sentire" la superficie su cui si vuole scrivere, sia per tenere saldamente tra le mani la penna o l'oggetto utilizzato per scrivere) e la capacità del cervello di dirigere e controllare, attraverso la vista, movimenti precisi e coordinati.

 

Scrivere a mano stimola la creatività

 

La scrittura, dunque, incide sulla capacità di lettura e comprensione avanzata del testo (studi scientifici dimostrano che i bambini capaci di riprodurre mentalmente il simbolo grafico di una lettera o di una parola sono facilitati nella comprensione del significato della parola stessa e dell'intero testo) e sul richiamo mnemonico delle informazioni e delle conoscenze. La scrittura a mano, dunque, svolge un ruolo primario nella formazione delle abilità di pensiero critico e creatività: potendo contare su una maggior capacità di comprensione del testo (e, soprattutto, del cosiddetto "sottotesto" o significato implicito) si possono organizzare le informazioni a disposizione in maniera più funzionale e sfruttare tutto questo per proporre soluzioni alternative all'insegna della creatività.

 

Scrivere a mano è più lento

 

La tecnologia in aiuto

Grazie alla tecnologia, fortunatamente, è possibile avere sia la botte piena sia la moglie ubriaca. O, fuor di metafora, sfruttare la velocità e la comodità di appunti digitali e digitalizzati senza dover però rinunciare al "pungolo cognitivo" della scrittura a mano. Sul mercato, infatti, sono disponibili sempre più smart pen in grado di digitalizzare automaticamente gli appunti scritti a mano: è sufficiente scaricare un'applicazione sul proprio smartphone e tablet, sincronizzare via Bluetooth e iniziare a scrivere. Man mano che si prenderanno appunti sul foglio di carta questi saranno convertiti in appunti digitali pronti per essere archiviati e consultati all'occorrenza.

 

 

Nel caso in cui non si vogliano spendere alcune centinaia di euro per un gadget di questo tipo, si può sempre optare per Evernote. Questa app multipiattaforma, disponibile sia per smartphone (Android e iOS) sia per computer (via web ma non solo), permette di scansionare documenti cartacei (come gli appunti), aggiungere note digitali e catalogare il tutto sul cloud.

copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail