Safer Internet Day

Safer Internet Day, in aumento i furti d'identità su Internet

A lanciare l'allarme in occasione del Safer Internet Day (Giornata per un web più sicuro) la Polizia postale. Intanto il Moige avvisa: solo 3 genitori su 10 sono attenti all'uso che i loro figli fanno di internet. E dall'Ue il monito: alcuni contenuti di YouTube sono scioccanti per i minori
Safer Internet Day, in aumento i furti d'identità su Internet FASTWEB S.p.A.

"Abbiamo un enorme aumento di furti di identità su internet e ad esserne vittime sono soprattutto minori". Lo ha detto il direttore della Polizia Postale e delle Comunicazioni, Antonio Apruzzese, presentando il progetto "per un web sicuro", promosso dal Movimento italiano genitori (Moige) in collaborazione con la Polizia Postale in occasione del Safer Internet Day (Giornata per un web più sicuro), che si celebra oggi in tutto il mondo.

Apruzzese ha sottolineato "quanto sia necessario far capire ai ragazzi, ma anche ai genitori e ai nonni, quali insidie può celare la Rete, in particolare per quanto riguarda la pedopornografia e il cyberbullismo, che sono reati gravi e non virtuali e che possono danneggiare in maniera grave l'integrità e l' incolumità dei nostri figli". 

Il furto d'identità, ha quindi ricordato Apruzzese, "è un reato grave" e "certi giochini, come la pubblicazione di alcune fotografie, possono essere di una cattiveria terribile e causare importanti danni". "Il cyberbullismo - ha concluso - amplifica il male rispetto al bullismo tradizionale ed è per questo motivo che noi, in quanto Polizia Postale, abbiamo l'obiettivo di allacciare un dialogo con con i ragazzi e gli insegnanti per sensibilizzarli su questo tema".

Minori e Internet. Intanto da una ricerca del Moige condotta su un campione di mille minorenni e presentata oggi al Viminale risulta che solo 3 genitori su 10 sono attenti all'uso che i loro figli fanno di internet. Il 57,6% dei ragazzi naviga in rete da solo. Uno su 4 'soffre' dell'impossibilità di connettersi anche solo per un giorno. Sei minori su 10 sono iscritti a social network. 

YouTube. '' Preoccupazione e fastidio'' sono i termini con cui i ragazzi descrivono i contenuti che ogni giorno trovano online. A spiegarlo è il report annuale EU Kids Online, finanziato dal Programma per la sicurezza di Internet della Commissione Europea, secondo il quale il materiale pubblicato su piattaforme di condivisione video come Youtube è' '' troppo realistico, cruento è scioccante''.

Bambini e YouTube

L'indagine, condotta su circa 10 mila giovani, è stata condotta da OssCom, il Centro di ricerca sui media e la comunicazione dell'Università Cattolica di Milano sempre in occasione del Safer Internet Day.

Secondo i giovani ''le piattaforme di video-sharing come YouTube - riporta l'indagine - sono in cima alla classifica delle piattaforme più rischiose. Le associano a contenuti violenti o pornografici, insieme a una varietà di altri rischi di contenuto. Il 32% ha citato siti di video-sharing come YouTube, il 29% siti web, il 13% i social network e il 10% giochi online. YouTube è fonte di preoccupazione o fastidio perche' reale o troppo realistico, e perché facilmente e immediatamente condivisibile nel gruppo dei pari. I ragazzi raccontano di essere scioccati o turbati da immagini cruente, come l'uccisione o il maltrattamento di animali, e perfino dalle notizie''.

5 febbraio 2013

La Redazione
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail