Fastweb

Quanto ti resta da vivere? Te lo dice l'intelligenza artificiale

tecnologie e medicina Web & Digital #medicina #tecnologia Come la tecnologia cambierà il mondo della medicina Dai big data fino ai visori VR, le nuove tecnologie porteranno grosse novità anche nel mondo della medicina, migliorando i servizi offerti agli utenti
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Quanto ti resta da vivere? Te lo dice l'intelligenza artificiale FASTWEB S.p.A.
L'intelligenza artificiale per prevedere l'aspettativa di vita dei pazienti
Web & Digital
Un team di ricercatori è al lavoro per creare un sistema di intelligenza artificiale in grado di calcolare l'aspettativa di vita di un paziente, attraverso lo studio delle immagini dei suoi organi interni

Un team dell'Università di Adelaide, in Australia, è al lavoro per creare un sistema di intelligenza artificiale in grado di predire l'aspettativa di vita di una persona semplicemente analizzando le immagini dei suoi organi, e i primi risultati mostrano previsioni fedeli tanto quanto quelle fornite dai medici.

Nella prima parte dello studio, sono state utilizzate le immagini mediche del petto di ben 48 pazienti. La AI (dall'inglese Artificial Intelligence) ha predetto che i pazienti sarebbero morti entro 5 anni con una precisione del 69%, dato che poi è stato comparato e confermato dalle previsioni redatte dai medici.

Nonostante questo tipo di studi rischi di avere delle serie implicazioni etiche e giuridiche riguardo alla possibilità di limitare o negare le cure a quei pazienti "ad alto rischio di decesso", i ricercatori pensano possa essere un modo per offrire migliori indicazioni sulle possibilità di cura.

"Predire il futuro di un paziente è utile, perché può aiutare i medici a personalizzare e migliorare le cure individuali" dice l'autore dello studio, il Dott. Luke Oakden-Rayner. "Anziché focalizzarsi sui problemi delle diagnosi, il sistema può prevedere e suggerire soluzioni mediche a cui i dottori non possono arrivare, grazie all'enorme quantità di dati rilevati."

Questo studio arriva a seguito delle dichiarazioni di una startup cinese, che ha rivelato di aver sviluppato un sistema di AI in grado di esaminare le scansioni toraciche per diagnosticare il cancro ai polmoni. Inoltre, solo l'anno scorso, il sistema di intelligenza artificiale della IBM, Watson, è stato inserito in alcuni programmi ospedalieri per aiutare i pazienti a rispondere a tutte le loro domande. Questo rende chiaro come le macchine intelligenti stiano diventando sempre più una realtà, negli ambienti medici.

Questa ricerca è stata pubblicata sul giornale scientifico Scientific Reports.

8 giugno 2017

Fonte: newatlas.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #intelligenza artificiale #medicina #watson

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.