Software pirata in calo in Italia

Pirateria software in calo in Italia

Il Paese si attesta a quota 45% con un calo del 2%, ben al di sopra della media europea del 28%
Pirateria software in calo in Italia FASTWEB S.p.A.

Nonostante il numero sia ben al di sopra della media europea (28%), in Italia la produzione e l'utilizzo dei software pirata è calato, dal 2013 al 2015, del 2%, arrivando a quota 45% del totale.

Il dato arriva dall'ultimo Global Survey della Business Software Alliance (Bsa), l'alleanza mondiale dei produttori di software. "Si tratta di un risultato che ci fa molto piacere in quanto premia il lavoro svolto da BSA nel Paese in questi anni", ha commentatp Paolo Valcher, presidente del comitato italiano di BSA. Soprattutto se si pensa che nel 2010 più di una coppia su due di software nello Stivale era illegale.

Rimane comunque il fatto che "per una nazione evoluta e moderna quale l'Italia un tasso di illegalità del 45% è un dato inaccettabile, oltre che un freno in più alla ripresa della nostra economia e dell'occupazione qualificata", ha aggiunto Valcher.

A guidare la speciale classifica della pirateria informatica è l'Asia Pacifica, con il 61%. Seguono l'Europa centro-orientale (58%) e l'Africa-Medio Oriente (57%). Il primato per il tasso di software illegale più basso è del Nord America con il 17%.

25 maggio 2016

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail