Orbital Reef, stazione spaziale commerciale si Blue Origin

Orbital Reef, stazione spaziale commerciale di Blue Origin

La società di Jeff Bezos prevede di lanciare la prima stazione spaziale commerciale entro la seconda metà di questo decennio
Orbital Reef, stazione spaziale commerciale di Blue Origin FASTWEB S.p.A.

Blue Origin ha piani più ambiziosi del semplice turismo spaziale. Oggi, la compagnia di volo spaziale di proprietà di Jeff Bezos ha annunciato che sta lavorando alla creazione di una propria stazione spaziale. Chiamata Orbital Reef, promette di essere una sorta di hub industriale e commerciale, e dovrebbe iniziare a funzionare nella seconda metà di questo decennio. 

Sarà sviluppata, posseduta e gestita in collaborazione con Sierra Space, una consociata della società Sierra Nevada. Sierra Space è forse meglio conosciuta per Dream Chaser, un veicolo spaziale che entrerà in funzione nel 2022 e trasporterà merci alla Stazione Spaziale Internazionale. Orbital Reef è anche supportato da Boeing, Redwire Space, Genesis Engineering Solutions e Arizona State University. La compagnia spera di utilizzare lo Starliner di Boeing e il già citato Dream Chaser di Sierra Space per trasportare sia merci che passeggeri su Orbital Reef.

Immaginate Orbital Reef essenzialmente come ad un "centro commerciale", ma nello spazio.

In un comunicato stampa, Blue Origin ha affermato che la destinazione "offrirà ai clienti di ricerca, industriali, internazionali e commerciali, servizi end-to-end competitivi in termini di costi di cui hanno bisogno, tra cui trasporto spaziale e logistica, abitazione spaziale, sistemazione delle attrezzature e operazioni anche a bordo equipaggio". Chiunque voglia “stabilirsi con un proprio indirizzo in orbita” potrà farlo.

Blue Origin ha affermato che Orbital Reef potrà essere abitabile per un massimo di 10 persone, che è quasi la capienza della Stazione Spaziale Internazionale. Sarà caratterizzato da una "architettura spaziale incentrata sull'uomo" con "servizi e comfort di livello mondiale". Ci saranno più porte per visitare veicoli spaziali e moduli. Orbital Reef apparentemente presenterà un sistema aperto che consentirà a qualsiasi cliente o nazione di usarlo. Man mano che il mercato di tali strutture cresce, Blue Origin promette che Orbital Reef scalerà i servizi e le utenze per adeguarsi.

"Agenzie spaziali, consorzi high-tech, nazioni sovrane senza programmi spaziali, media e compagnie di viaggio, imprenditori finanziati ed inventori sponsorizzati e investitori orientati al futuro avranno tutti un posto su Orbital Reef", ha affermato la società in un comunicato stampa.

"Per oltre sessant'anni, la NASA e altre agenzie spaziali hanno sviluppato voli spaziali orbitali e abitazioni spaziali, preparandoci per il decollo delle attività commerciali in questo decennio", ha affermato Brent Sherwood, vicepresidente senior dei programmi di sviluppo avanzato per Blue Origin. “Amplieremo l'accesso, ridurremo i costi e forniremo tutti i servizi necessari per normalizzare il volo spaziale. Un vivace ecosistema aziendale crescerà nell'orbita terrestre, generando nuove scoperte, nuovi prodotti, nuovi intrattenimenti e consapevolezza globale".

Il progetto di maggior successo di Blue Origin è il programma turistico suborbitale che invia i passeggeri ai confini dello spazio (e ritorno) sul New Shepard. Ha già trasportato otto persone, tra cui Bezos e William Shatner (il Capitano Kirk di Star Trek). Altri progetti, come il razzo New Glenn (che l'azienda spera di utilizzare per lanciare alcuni dei moduli di Orbital Reef) e il lander lunare Blue Moon sono ancora in fase di sviluppo.
 

Fonte: engadget.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail