Fastweb

Windows 10, aggiornamento aprile 2019: quali novitÓ aspettarsi

Chromebook Acer 11 Web & Digital #chromebook #chrome os Come far funzionare App Windows su Chromebook Esiste un semplice programma sul Google Play Store, chiamato Crossover, che ci permette di installare e lanciare applicazioni Windows anche su sistema operativo Chrome OS
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Windows 10, aggiornamento aprile 2019: quali novitÓ aspettarsi FASTWEB S.p.A.
Windows 10
Web & Digital
Tra qualche mese Microsoft inizierÓ a distribuire sui nostri PC il nuovo major upadte di Windows 10. Ecco le novitÓ che ci aspettano

Obiettivo principale: dimenticare il mezzo flop dell'Octobe Update 2018. Con questa idea in mente, gli ingegneri Microsoft sono impegnati in queste settimane nello sviluppare le nuove funzionalità e i nuovi strumenti dell'aggiornamento primaverile di Windows 10. Come ormai d'abitudine, infatti, la casa di Redmond rilascia major update per il suo sistema operativo a cadenza semestrale, in ottobre e in aprile. E, come accennato inizialmente, ora Microsoft dovrà fare le cose per bene ed evitare che possa ripetersi lo stesso casino accaduto con l'October Update del 2018 (più volte ritirato perché cancellava file dalla memoria del PC).

Forse anche per non strafare e farsi cogliere nuovamente in fallo, le novità di Windows 10 che dovrebbero arrivare con l'aggiornamento di aprile 2019 non sarebbero eclatanti. Niente nuove funzionalità di primissimo piano né strumenti imperdibili, ma una costante opera di "pulizia" e rifinitura che dovrebbe aiutare a migliorare le prestazioni di Windows 10 anche su PC con più di qualche anno sulle spalle. A questo, poi, si unirebbero alcune migliorie a livello grafico che potrebbero far piacere a chi ama il bianco predominante del Material Design di Google.

Come sarà la nuova interfaccia di Windows 10

Quando esce l'aggiornamento primaverile 2019 di Windows 10

A oggi non esiste ancora una data certa sul lancio dell'aggiornamento primavera 2019 di Windows 10. Microsoft, infatti, non ha ancora annunciato alcun evento ufficiale per i prossimi mesi, né dalle segrete stanze di Redmond sono trapelate informazioni che, in qualche modo, ipotizzare una data. L'unica certezza viene dal fatto che sarà lanciato a sei mesi di distanza dall'October Update 2018 e, quindi, ad aprile 2019.

Windows 10 più veloce

Grazie a nuove patch per correggere i problemi di sicurezza scaturiti da Spectre e Meltdown (i due bug di sicurezza che riguardano la gran parte dei processori e SoC oggi in commercio), Microsoft è riuscita a rendere più veloce e prestazionale il suo sistema operativo. Le prime correzioni, infatti, avevano l'effetto collaterale di rallentare pesantemente tutti i PC sulle quali erano installate: le nuove patch, invece, consentiranno di recuperare tutta la potenza di calcolo persa in precedenza e, allo stesso tempo, proteggere da eventuali tentativi di attacco pensati per sfruttare le vulnerabilità dei processori.

7 gigabyte di spazio bloccati

Lo spazio riservato per i futuri aggiornamenti

Secondo i tecnici Microsoft, parte dei problemi dell'aggiornamento di ottobre 2018 sono stati causati dalla mancanza di spazio a sufficienza per installare in maniera corretta tutti i pacchetti previsti. Proprio per evitare che ciò possa ripetersi anche in futuro, la casa di Redmond ha deciso di introdurre con l'aggiornamento di aprile 2019 una misura quanto meno singolare: riservare 7 gigabyte di spazio sul disco rigido per gli aggiornamenti di sistema futuri. In questo modo gli ingegneri avranno la certezza che ci sarà spazio a sufficienza per scaricare i pacchetti e installarli correttamente.

Un nuovo tema

Tema chiaro di Windows 10

Come dicevamo, con l'aggiornamento di aprile 2019 Microsoft introdurrà anche alcune novità grafiche. Dopo che l'October Update del 2018 aveva introdotto elementi del tema scuro, ad aprile 2019 sarà introdotto un tema più chiaro, con sfondo tendente al celeste e finestre e schede bianche o semitrasparenti. Insomma, un bel gioco di contrasti rispetto al dark mode da molti richiesto perché permetterebbe di risparmiare un po' di carica della batteria e, quindi, avere una maggiore autonomia con i laptop.

Un nuovo menu Start

Il nuovo menu Start

Le novità a livello grafico, però, riguarderanno anche il menu Start. Le tile, introdotte con Windows 8 nel tentativo di creare un'interfaccia utente utilizzabile sia su desktop sia su smartphone, saranno quasi del tutto messe da parte. Nel nuovo menu Start resterà solamente una colonna dedicata alle piastrelle, regalando così un aspetto più pulito e lineare all'intero menu.

Arriva il sandbox

Il Sandbox di Windows

L'aggiornamento di aprile 2019, infine, introdurrà anche il Windows Sandbox, ossia un ambiente protetto all'interno del quale gli sviluppatori e gli utenti potranno eseguire file sospetti e potenziali virus senza che il sistema informatico venga compromesso. Un ambiente sperimentale, insomma, che sfrutta la virtualizzazione hardware per garantire prestazioni elevate e sicurezza assoluta. Una volta che il sandbox sarà chiuso, infatti, tutti i file e le impostazioni modificate saranno cancellate, riportando così il PC allo stato precedente alla sua attivazione.

Cortana e la barra di ricerca si separano

La nuova posizione di Cortana

Che Cortana non abbia più l'importanza di un tempo non si evince solamente dalle parole di Satya Nadella, che ha recentemente annunciato che Microsoft cercherà un'integrazione del suo assistente con Alexa e Google Assistente, ma anche dal nuovo ruolo che le è stato ritagliato in Windows 10 con l'aggiornamento di aprile 2019. Se finora l'icona dell'assistente vocale di Microsoft è stata integrata all'interno del campo di ricerca del menu Start, dalla prossima primavera ne verrà "distaccato" e finirà con l'affiancarlo.

Login senza password

Login senza password

Nell'ottica di riuscire a liberare il mondo dalla "piaga" delle password (e dei furti sempre più frequenti), Microsoft darà la possibilità di creare nuovi account senza password ma legati a doppio filo a un numero di telefono cellulare. Ogni volta che dovremo fare il login nel nostro profilo (e quindi anche al PC), l'utente riceverà una password temporanea sul proprio cellulare, che dovrà inserire prima che la sessione scada. Insomma, esattamente come accade oggi con l'autenticazione a due fattori, ma con una password in meno da dover ricordare.

 

30 gennaio 2019

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #windows 10 #spectre

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.