%MAINIMGALT%

Microsoft contro il revenge porn su Bing

La casa di Redmond ha semplificato la procedura con cui le vittime possono chiedere la cancellazione, tra i risultati delle ricerche, di link che collegano alle immagini
Microsoft contro il revenge porn su Bing FASTWEB S.p.A.

Dopo Google e Twitter, anche Microsoft mette al bando su Bing il revenge porn, cioè la pubblicazione su Internet per vendetta di immagini hard di ex partner, senza il loro consenso. La casa di Redmond ha semplificato la procedura con cui le vittime possono chiedere la cancellazione, tra i risultati delle ricerche, di link che collegano alle immagini. L'accesso sarà rimosso anche quando i contenuti sono condivisi su IneDrive o Xbox Live.

Va sottolineato però che Microsoft non rimuoverà le immagini ma impedirà di creare link condivisibili che rimandano a quelle immagini. "Sfortunatamente il revenge porn è in crescita nel mondo. Può danneggiare praticamente ogni aspetto della vita di una vittima: relazioni, carriera, attività sociali. Nei casi più gravi e tragici ha anche portato al suicidio", ha spiegato in un post Jacqueline Beauchere, a capo dell'ufficio di Microsoft per la sicurezza online.

23 luglio 2015

A cura di LA REDAZIONE
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail