Fastweb

Malware Mac cresciuti del 230% in un anno

smartphone con google maps Web & Digital #google #sicurezza informatica Come bloccare il tracciamento da parte di Google Quando utilizziamo uno smartphone Android oppure uno dei tanti servizi di Google, l'azienda di Big G ottiene informazioni sulla nostra posizione. Ecco come fare per cancellare i dati e bloccare il tracciamento da parte di Google
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Malware Mac cresciuti del 230% in un anno FASTWEB S.p.A.
Virus Mac
Web & Digital
Crescono a dismisura le minacce informatiche nei confronti degli utenti Apple. I virus Mac diventano un pericolo sempre più tangibile

Un tempo era considerato una sorta di Eden per gli amanti della sicurezza informatica. I malware rilasciati annualmente potevano essere contati sulle dita di una mano (o quasi), mentre gli attacchi informatici "di massa" erano merce rara. Una situazione idilliaca che oggi non esiste più: al pari di computer Windows, anche i Mac sono diventati un obiettivo degli hacker e di chi sviluppa virus e malware di ogni genere. A certificare questa tendenza arriva anche il report di Malwerbytes, software house attiva nel settore della sicurezza informatica.

Stando ai dati aggiornati a luglio 2017, il numero di nuove infezioni malware per sistemi macOS è cresciuto mediamente del 230% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Alcune categorie di malware Mac, come gli adware e i cosiddetti potentially unwanted programs ("programmi potenzialmente non voluti", quei software che si installano in maniera poco chiara, a volte senza chiedere un esplicito consenso all'utente) hanno fatto registrare un trend di crescita addirittura superiore. Insomma, se non è un'emergenza poco ci manca.

Il pericolo arriva dall'App Store

Stando a quanto si legge nelle righe del report Malwarebytes, gli hacker utilizzerebbero l'App Store del Mac per diffondere virus e infettare un numero sempre maggiore di utenti. A differenza dell'omologo (e omonimo) per iPhone, infatti, lo store di software e applicativi per computer della mela morsicata sembra contenere sorprese poco piacevoli per gli utenti.

È tutt'altro che raro, infatti, imbattersi in veri e propri specchietti per le allodole, creati appositamente per far cadere in trappola utenti poco attenti e poco esperti. Tra false app gratis, software con nome similare e altri trucchetti del genere, i cyber criminali "forzano" ignari utenti a installare malware sui loro iMac e Macbook e traendone vantaggi di ogni tipo.

Antivirus Mac necessari

Anche se il report di Malwarebytes offre solo uno spaccato sulla situazione dei malware nel mondo Apple, è significativo su quello che è il trend attuale e quello che sarà l'andamento nel futuro. Nei prossimi mesi e nei prossimi anni, dunque, gli utenti dovranno fare l'abitudine con infezioni malware sempre più frequenti e dovranno agire di conseguenza per difendersi. Insomma, è facile ipotizzare che da qui a breve si assisterà a una sorta di "corsa all'oro" alla ricerca del miglior antivirus Mac sul mercato per proteggere il proprio sistema e i propri file.

 

25 agosto 2017

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #sicurezza informatica #apple #macos #virus

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.