Fastweb

Un selfie a regola d'arte? Ecco qualche consiglio

Samsung A80 Smartphone & Gadget #samsung #fotografia Arriva il Samsung A80 con la fotocamera rotante! La fotocamera scorrevole permette di non avere il notch sullo schermo e fotografie di alta qualità
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Un selfie a regola d'arte? Ecco qualche consiglio FASTWEB S.p.A.
Le regole fondamentali per un selfie perfetto
Web & Digital
Ecco alcuni consigli e piccoli accorgimenti per fare dei selfie da professionista, senza comprare nessuna attrezzatura

Farsi un selfie può sembrare un'operazione relativamente facile, ma la verità è che riuscire a catturare l'umore giusto, centrare la composizione e l'illuminazione è una vera e propria sfida. Di seguito alcuni suggerimenti per i selfie migliori.

Sono tre le componenti fondamentali di un selfie: illuminazione, inquadratura e posizione. Ognuno di questi aspetti si intreccia con gli altri e sommati danno come risultato l'immagine definitiva.

La migliore illuminazione

L'illuminazione gioca il ruolo più importante nella qualità complessiva di un selfie, infatti dopotutto la parola fotografia vuol dire proprio dipingere con la luce.
La cosa migliore è una luce morbida e uniforme, dato che una luce dura può accentuare le caratteristiche indesiderate e nel complesso tende a produrre un'estetica meno attraente, anche se ci sono delle eccezioni a questa regola.
Il modo più semplice per ottenere una luce morbida, è fare il selfie vicino a una finestra di giorno, seguendo la direzione della luce che entra. Nel complesso la luce naturale ha molte più probabilità di produrre un'immagine migliore di una con illuminazione artificiale, che sia in casa o fuori.
Se si è all'aperto e non c'è ombra per coprirsi, la soluzione migliore è scattare col sole alle spalle aumentando l'esposizione per il viso.
Ancora meglio sarebbe usare il corpo o la testa per coprire il sole, riducendo così al minimo i bagliori. Questo dovrebbe dare come risultato un'immagine decisamente più fruibile di una col sole in faccia, per non parlare del fatto che il soggetto non avrà gli occhi strizzati causa troppa luce del sole.
Se non c'è luce naturale, meglio trovare una fonte di luce ampia e diffusa, preferibilmente che non sia rivolta direttamente verso il basso dal soffitto, perché creerebbe delle ombre innaturali e poco attraenti sopratutto sotto naso e occhi.
Un consiglio è quello di giocare un po' col flash di riempimento che aiuta ad illuminare il viso in situazione di controluce.

Miglior inquadratura

Un selfie potrebbe non avere la stessa importanza della "Moon over Hernandez" di Ansel Adam, ma ciò non significa che composizione e inquadratura siano meno importanti.
Ci sono diverse regole di composizione, ma ognuna è valida a modo suo e alcune sono più utili di altre da ricordare, come la "regola dei terzi".
Sostanzialmente la regola dei terzi vuole che, se si divide l'immagine in tre sezioni sia verticali che orizzontali, l'oggetto della fotografia deve essere su una delle quattro intersezioni in cui le linee si incontrano.
La maggior parte dei telefoni di oggi offre dei setup a griglia nelle app di fotocamere, quasi tutti basati sulla regola dei terzi, rendendo il processo ancora più semplice.
Un altro elemento fondamentale della composizione è riconoscere dove sia posizionato il soggetto all'interno della cornice. Una buona regola empirica è quella di evitare di tagliare la foto al livello delle articolazioni, come gomiti, fianchi, ginocchia e spalle.
Stessa importanza ha lo sfondo, infatti bisogna stare attenti ai vari rami, lampioni o simili che interferiscono nello sfondo; infatti a meno che non si stia cercando di inviare una candidatura a The Walking Dead, un palo che spunta dalla propria testa non è proprio il massimo in una foto.

Mettersi in posa

Trovare la postura perfetta per un selfie può sembrare banale, ma ci sono alcuni piccoli trucchetti che aiutano molto.
Si tende a credere che scattando dall'alto si riducano difetti come il doppio mento, ma questo è solo parzialmente vero quando si parla di selfie.
La cosa migliore è tenere la fotocamera al livello degli occhi e inclinare la testa, sporgendo mento e fronte verso la fotocamera, questo dovrebbe allungare il collo e mantenere invariati i tratti del viso.
Quando un selfie coinvolge del cibo ci si imbatte in ulteriori regole di comportamento: piuttosto che scattare mentre si sta masticando, meglio trattenersi un attimo e avvicinare la forchetta alla bocca. Così si mette in risalto il cibo che si sta per mangiare e non si rischia di venire pieni di briciole nella foto.
Per i selfie allo specchio invece meglio evitare scatti frontali, meglio girare un po' la vita e piegare leggermente il ginocchio, mettere la mano libera sul fianco e inarcare un po' la schiena. La posa potrebbe sembrare un po' innaturale, ma è un buon metodo per valorizzare la propria figura.

16 luglio 2018

Fonte: digitaltrends.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #selfie #fotografia #illuminazione #inquadratura

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.