Fastweb

Cornee umane stampate in 3D: l'ultima novità in campo sanitario high-tech

Web & Digital #medicina #salute Explorer, il primo scanner medico a corpo intero che genera immagini 3D Il nuovo scanner a corpo intero promette immagini più veloci e più dettagliate
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Cornee umane stampate in 3D: l'ultima novità in campo sanitario high-tech FASTWEB S.p.A.
Le prime cornee umane stampate in 3D
Web & Digital
Il prof. Connor e il suo team hanno sperimentato una tecnica per la stampa in 3D di cornee umane che potrebbe risolvere numerosi probemi

I ricercatori dell'Università di Newcastle hanno ideato un'innovativa tecnica sperimentale che potrebbe aiutare milioni di persone in lista d'attesa per un trapianto di cornee.

Utilizzando una bio-stampante 3D, il professore di Ingegneria dei tessuti Che Connon e il suo team di scienziati sono riusciti a combinare cellule staminali corneali sane con collagene e alginato (un tipo di zucchero usato talvolta nella rigenerazione dei tessuti) per creare un bio-inchiostro, una soluzione stampabile che gli ha consentito di riprodurre la forma di una cornea umana in 10 minuti.

La cornea ha la funzione di mettere a fuoco e proteggere gli occhi da sporco e batteri, ma essendo sul lato più esterno dell'occhio è anche più esposta alle lesioni.
In tutto il mondo circa 10 milioni di persone rischiano la cecità corneale a causa di disturbi infettivi come il tracoma ma c'è una estrema scarsità di organi utili per i trapianti.

Poiché le cornee stampate in 3D del prof. Connor utilizzano cellule staminali, le repliche corneali potrebbero potenzialmente costituire un rifornimento illimitato di materiale per i trapianti.

"Il nostro gel, una combinazione di alginaio e collagene, mantiene in vita le cellule staminali mentre produce un materiale abbastanza rigido da mantenere la sua forma, ma abbastanza morbido da essere schiacciato dall'ugello di una stampante 3D", ha detto Connor.
 
Prima di stampare le repliche corneali, i ricercatori hanno scansionato gli occhi dei pazienti per accertare le dimensioni e le coordinate necessarie. É probabile che i pazienti debbano aspettare diversi anni prima che le cornee stampate siano realmente disponibili, ma in ogni caso questo progetto rappresenta un'incredibile speranza per le persone alle prese con gravi problemi corneali.

1 giugno 2018

Fonte: engadget.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #stampa 3d #cellule staminali #sanità

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.