L’archiviazione 5D: 10mila volte più potente del Blu-Ray

L’archiviazione 5D: 10mila volte più potente del Blu-Ray

La tecnologia di archiviazione dati 5D offre una densità di ben 10.000 volte superiore a quella del Blu-Ray. Come salvare l’intera Bibbia in una scheda delle dimensioni di un francobollo
L’archiviazione 5D: 10mila volte più potente del Blu-Ray FASTWEB S.p.A.

Durante lo sviluppo di laser all'avanguardia, gli scienziati dell'Università di Southampton hanno raggiunto una svolta nell'archiviazione dei dati che offre sia una densità incredibile che capacità di archiviazione a lungo termine. Si dice che la tecnologia sia in grado di memorizzare 500 terabyte su un singolo disco delle dimensioni di un CD, con i creatori che immaginano che possa trovare impiego nel preservare tutto, dalle informazioni per musei e biblioteche ai dati sul DNA di una persona.

La tecnologia è nota come archiviazione ottica a cinque dimensioni (5D) ed è una soluzione che il team dell'Università di Southampton sta ricercando da tempo. È stato dimostrato per la prima volta nel 2013, con gli scienziati che hanno utilizzato con successo il formato per registrare e recuperare un file di testo di 300 kb, sebbene nutrissero ambizioni molto più elevate.

I dati vengono scritti utilizzando un laser a femtosecondi, che emette impulsi di luce incredibilmente brevi ma potenti, forgiando minuscole strutture in vetro che vengono misurate su scala nanometrica. Queste strutture contengono informazioni sull'intensità e la polarizzazione del raggio laser, oltre alle loro tre dimensioni spaziali, motivo per cui gli scienziati si riferiscono ad essa come memorizzazione dei dati 5D.

Nel 2015, il team ha dimostrato i propri progressi utilizzando la tecnologia per salvare copie digitali di documenti importanti come la Dichiarazione universale dei diritti umani, la Bibbia di Re Giacomo e la Magna Charta. A differenza della tipica memoria del disco rigido che è vulnerabile alle alte temperature, all'umidità, ai campi magnetici e ai guasti meccanici, questa "eterna" memoria di dati 5D prometteva un'incredibile stabilità termica e una durata praticamente illimitata a temperatura ambiente.

Una cosa che gli scienziati hanno dovuto affrontare, tuttavia, è la capacità di scrivere dati a velocità e densità sufficientemente elevate per le applicazioni nel mondo reale. Ora affermano di aver raggiunto questo obiettivo utilizzando un fenomeno ottico chiamato potenziamento del campo vicino, che consente loro di creare le nanostrutture con pochi deboli impulsi di luce invece di scrivere direttamente con il laser a femtosecondi. Ciò consente di scrivere i dati a 1.000.000 di voxel al secondo, il che equivale a 230 kb di dati o più di 100 pagine di testo al secondo.

"Questo nuovo approccio migliora la velocità di scrittura dei dati a livello pratico, in modo da poter scrivere decine di gigabyte di dati in un tempo ragionevole", afferma Yuhao Lei dell'Università di Southampton nel Regno Unito. “Le nanostrutture altamente localizzate e di precisione consentono una maggiore capacità di dati perché è possibile scrivere più voxel in un volume unitario. Inoltre, l'utilizzo della luce pulsata riduce l'energia necessaria per la scrittura”.

Il team ha dimostrato questa tecnica scrivendo 5 GB di dati di testo su un disco di vetro di silice delle dimensioni di un CD con una precisione di lettura di quasi il 100%, anche se i ricercatori affermano che un disco del genere sarebbe in grado di contenere 500 TB di dati, quindi 10.000 volte più denso di un disco Blu-ray. I ricercatori immaginano che la tecnologia possa essere utilizzata per preservare le informazioni dal DNA di qualcuno o per l'archiviazione di dati a lungo termine per archivi nazionali, musei e simili. Ma prima, dovranno sviluppare metodi più veloci per leggere i dati.

"Individui e organizzazioni stanno generando set di dati sempre più grandi, creando il disperato bisogno di forme più efficienti di archiviazione dei dati con un'elevata capacità, un basso consumo energetico e una lunga durata", afferma Lei. "Mentre i sistemi basati su cloud sono progettati più per i dati temporanei, riteniamo che l'archiviazione dei dati 5D in vetro potrebbe essere utile per l'archiviazione dei dati a lungo termine per archivi nazionali, musei, biblioteche o organizzazioni private".

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Optica.

Fonte: newatlas.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail