Fastweb

La storia di Symantec

spear phishing Social #phishing #sèear phishing Spear phishing, attacco ai social, come difendersi I criminali si affidano ai social network per migliorare i propri attacchi di spear phishing. Ecco che cosa sono e come difendere la propria privacy
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
La storia di Symantec FASTWEB S.p.A.
Symantec
Web & Digital
Dall'intelligenza artificiale agli antivirus. Questi i due estremi che racchiudono la storia ultratrentennale di Symantec

Per molti era (e resta tutt'oggi) una delle maggiori software house nel settore degli antivirus. La realtà, però, è ben altra: Symantec è tra le maggiori aziende del comparto della sicurezza informatica, capace di produrre non solo uno degli antivirus ad oggi più utilizzati (Norton Antivirus, per l'appunto), ma di affermarsi come la maggiore Certificate Authority (traducibile in intaliano con autorità certificatrice, ovvero quegli enti indipendenti autorizzati a certificare la sicurezza o l'autenticità dei siti web) del panorama Internet mondiale.

I primi anni di vita

Symantec viene fondata nel 1982 da Gary Hendrix, allora uno dei massimi esperti nell'elaborazione computerizzata del linguaggio naturale e intelligenza artificiale. Saranno proprio questi – elaborazione del linguaggio naturale e intelligenza artificiale – i settori nei quali la neonata Symantec muoverà i suoi primi passi. Senza troppa fortuna, però. Nel 1984 la società di Hendrix viene acquistata dalla C&E Software, piccola software house guidata con grande spirito imprenditoriale da Gordon Eubanks. Quest'ultimo, appena 38enne, diviene il nuovo CEO della Symantec – anche dopo la fusione tra le due entità venne mantenuto questo nome – e dà il là ad una piccola rivoluzione societaria. Integrando i due team di sviluppo e ricerca Eubanks riesce a correggere i piccoli difetti delle due realtà, che si scoprono incredibilmente complementari. Da una parte troviamo i dipendenti originari di Symantec, specializzati in settori ad alto "contenuto tecnologico"; dall'altra troviamo gli abili programmatori della C&E Software, capaci di realizzare programmi dal codice snello e lineare.

 

Suite di programmi d'utilità di Symantec Norton di qualche anno fa

 

Da questa collaborazione nasce il primo prodotto a sbarcare sul mercato con il logo Symantec: si tratta di un programma per database dalle funzioni molto avanzate per il tempo. Nel 1985 Symantec rilascia Q&A (Question and Answer, domanda e risposta in italiano), software di gestione delle basi di dati in grado di "rispondere" a comandi impartiti con il linguaggio naturale (grazie ad un vocabolario interno di circa 600 parole).

Q&A, però, non ottiene il successo sperato – in due anni mette assieme appena 8 milioni di dollari di ricavi – ed Eubanks si convince che è ora di cambiare tattica e, soprattutto, marcia. Inizia così la campagna acquisti, che porterà Symantec ad espandere notevolmente il proprio campo d'azione

La campagna acquisti

Nei primi mesi del 1987 Symantec inizia a fare shopping. Nei piani di Eubanks, le varie acquisizioni dovevano permettere alla società sia di allargare la propria linea di prodotti, sia di ingrossare le fila dei programmatori sotto contratto. L'obiettivo finale era quello di creare un gruppo di lavoro specializzato nello sviluppo e nella manutenzione di un singolo programma. C'era quindi bisogno di un gran numero di sviluppatori.

 

Windows 8 in primo piano e Symantec sullo sfondo

 

La prima software house ad entrare nell'orbita di influenza della società diretta da Eubanks è Breakthrough Software, seguita in rapida successione da Living Videotext e Think Technologies. Grazie a queste tre acquisizioni, il fatturato annuo di Symantec raddoppia e tocca quota 18 milioni nel 1988. Nonostante alcuni problemi iniziaili, nel 1989 le prime acquisizioni di Symantec possono ritenersi un successo, avendo permesso di allargare il raggio d'azione e di aver portato in positivo il saldo di bilancio per la prima volta in sei anni di attività.

L'acquisizione più importante, però, era ancora di là dal venire. Bisognerà attendere, infatti, l'agosto 1990 prima che Symantec porti a termine la fusione con la Peter Norton Computing Inc., una delle maggiori software house nel settore degli utility software (traducibile in italiano con utilità, si tratta di programmi che permettono di facilitare la gestione di sistemi informatici). Questa acquisizione, che in futuro verrà ricordata come una delle fusioni di maggior successo della storia dell'informatica, permise a Symantec di fare il proprio ingresso nel campo degli utility software – compreso quello degli antivirus – per sistemi IBM e di controllarne una fetta del 30%.

La stabilizzazione

Symantec, che era già leader di mercato nel settore utility per sistemi Macintosh, decide di stabilizzare la propria posizione dominante con una serie di acquisizioni strategiche. Da un lato decise di rafforzarsi nel comparto programmazione, acquisendo diverse software house produttrici di compilatori per i linguaggi PASCAL, C e C++; dall'altro decide di puntare con forza sul settore della sicurezza informatica, rendendo Norton Antivirus uno dei migliori software antivirus degli anni '90.

Dopo lunghi anni di silenzi e di avvicendamenti al vertice, Symantec torna a far parlare di sé nel 2009, quando porta a termine l'acquisizione di Verisign, maggior autorità certificatrice del web.

Problemi societari

Prima dell'acquisizione di Verisign's Certificate Authority, Symantec è scossa da una serie di cambiamenti societari che hanno portato all'avvicendamento di ben quattro CEO: ad aprile 2009 John Thompson, che ha guidato l'azienda dal 1999 al 2009, viene sostituito Enrique Salem, dirigente storico della società. Ma a causa dei risultati disastrosi dell'azienda, Salem viene cacciato nel 2012 ed è rimpiazzato da Steve Bennett. Il nuovo CEO si mette al lavoro per rilanciare l'azienda e decide di riorganizzarla completamente e di cambiare il piano di marketing aziendale. La scelta di Steve Bennett si rivela fallimentare e nel 2013 viene licenziato e sostituito da Michael Brown.

Separazione

Nel 2014 Symantec si divide in due società differenti: Symantec si specializza nella produzione di software per la sicurezza dei dispositivi informatici, e Veritas, una nuova azienda, si occupa dei software per la gestione dei dati e delle informazioni. Nell'agosto del 2015 Veritas viene venduta a un fondo d'investimento per una cifra di circa 8 miliardi di dollari.

Smart car

 

symantec iot

 

Dopo la cessione di Veritas, il core business dell'azienda diventa la sicurezza informatica: nel luglio del 2016 Symantec lancia un nuovo software dedicato esclusivamente alle smart car: Symantec Anomaly Detection for Automotive permette di difendere la propria auto dall'attacco di virus zero day. Il nuovo programma utilizza il machine learning per essere sempre pronto a rispondere agli attacchi informatici di hacker e pirati informatici.

 

11 novembre 2013 (aggioranato il 2 marzo 2017)

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #symantec #norton #storia #antivirus #sicurezza informatica #crittografia #certificato

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.