Fastweb

La storia di Samsung dal pesce essiccato agli smartphone

smartphone Smartphone & Gadget #smartphone #5g Mercato mobile, scenari ed evoluzioni Ericsson ha pubblicato il Mobility Report 2019, uno studio dedicato al mondo mobile, Entro il 2024 saranno 1,9 miliardi i clienti con connessioni 5G
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
La storia di Samsung dal pesce essiccato agli smartphone FASTWEB S.p.A.
Samsung
Web & Digital
Tutto iniziò con del pesce essiccato e i noodle. Ora l'azienda, una delle prime nell'alta tecnologia, vive una fase di stallo

Quando si pensa alla storia di una grande azienda dell'hi-tech si è abbastanza sicuri che fin dalla nascita il settore principale su cui ha puntato la società sono stati i computer, i telefoni/smartphone, Internet o qualsiasi altra cosa che ha a che fare con la tecnologia. È stato così per Google, per Apple e per Microsoft, ad esempio. Ma se la storia da raccontare è quella di Samsung, si dovrà per forza di cose iniziare parlando di spaghetti cinesi e pesce affumicato commercializzato in Manciuria e a Pechino. Potrà sembrare strano, ma l'azienda che ora conosciamo per essere il primo produttore mondiale di smartphone è stata creata per commercializzare i noodle, ovvero gli spaghetti cinesi. L'azienda fu creata il 1° marzo del 1938, ma solo parecchi anni dopo si interessò anche all'elettronica di consumo.

Bisogna aspettare le metà degli anni '60 per vedere la nascita di diverse unità produttive dedicate alla tecnologia: Samsung Electronics Devices, Samsung Electro-Mechanics, Samsung Corning e Samsung Semiconductor & Telecommunications. Queste quattro divisioni sono state la base per costruire quello che adesso è uno dei più grandi imperi del mondo dell'elettronica. Nonostante tanti passi falsi (il Samsung Galaxy Note 7 è il più recente) e i problemi giudiziari che hanno coinvolto direttamente il capo della divisione smartphone, Samsung ha basi abbastanza solide da poter assorbire qualsiasi tipo di urto. Anzi, dalle crisi ne è uscita sempre più forte, come dimostra il fallimento del Galaxy Note 7. Per far dimenticare i problemi legati alla batteria dello smartphone, l'azienda sudcoreana ha lanciato dopo un paio di mesi il Galaxy S8, uno degli smartphone più innovativi degli ultimi dieci anni.

Dalla fondazione agli anni '70

Samsung apre i battenti in Corea il 1 marzo del 1938 e, su input del suo fondatore Lee Byung-chull, si occupa di commercializzare noodle (gli spaghetti cinesi, per intendersi) oltre a pesce, frutta e verdura secchi nel sud est asiatico – Manciuria e Pechino in particolare.

 

La prima sede Samsung a Daegu

 

In meno di un decennio, Samsung possiede un mulino di proprietà e diversi stabilimenti produttivi. Nel 1947 la sede principale viene spostata da Daegu a Seoul ma, causa la Guerra di Corea, è costretta a fare il percorso inverso pochi anni dopo. Al termine della guerra (inizio anni '50), Lee diede il là ad una serie di grossi investimenti che segnarono l'ingresso di Samsung nel campo delle assicurazioni, del tessile e del commercio internazionale. Nel 1953 venne inaugurata la sede di Tokyo, nel 1954 apre i battenti la Cheil Industries, branca tessile dell'azienda sudcoreana.

Nella seconda metà degli anni '60 Samsung inizia la sua ascesa anche nel campo dell'elettronica, con la creazione di diverse divisioni produttive. Nascono così la Samsung Electronics Devices, Samsung Electro-Mechanics, Samsung Corning e Samsung Semiconductor & Telecommunications. I primi stabilimenti produttivi vennero impiantati a Suwon, Corea del Sud, e nel 1969 iniziò la produzione di massa di televisori in bianco e nero.

Il decennio del bianco e nero

Per Samsung, gli anni che vanno dal 1970 al 1980 assunsero due tinte: quelle del bianco e nero. Quella che una volta era un'azienda alimentare cambiò repentinamente pelle e si trasformò nella prima produttrice mondiale di apparecchi televisivi. Nel 1974 gli stabilimenti Samsung sfornarono il milionesimo televisore prodotto, nel 1978 questa cifra era quadruplicata e il gigante sudcoreano diveniva la prima azienda al mondo a superare la soglia dei 4 milioni di TV prodotti.

Nel frattempo, l'azienda creata circa 40 anni prima da Lee iniziava ad espandersi anche nel campo dell'elettronica. Nel 1974 venne acquistata la Hankook Semiconductor, primo passo verso la produzione di massa di semiconduttori e altri componenti elettronici da parte di Samsung. Nel 1977 venne avviata la produzione di televisori a colori, due anni dopo è l'ora dei forni a microonde.

 

SmartTV di Samsung

 

Il gigante sudcoreano, naturalmente, non focalizzò la propria produzione esclusivamente nel campo dell'elettronica, come dimostrano altri investimenti portati avanti a cavallo degli anni '70. Nel 1974, ad esempio, vengono la Samsung Industrie Pesanti (attiva soprattutto nel settore navale) e la Samsung Petrolchimica; nel 1977 apre i battenti la Samsung Costruzioni.

Insomma, un vero e proprio universo produttivo, che spazia dall'alta tecnologia sino ad arrivare all'edilizia e alla cantieristica navale e che rese Samsung vero e proprio traino della crescita economica e dello sviluppo della Corea del Sud.

Lo sbarco nella telefonia

Con l'acquisto della Hanguk Jeonja Tongsin (datato 1980) Samsung fa finalmente il suo ingresso nel mondo della telefonia. Inizialmente la produzione era focalizzata esclusivamente su centralini industriali, per poi aggiungere anche telefoni fissi e fax. Sarà questo il "nocciolo duro" della telefonia sudcoreana dal quale nascerà la divisione mobile.

Nel 1982 le fabbriche Samsung produssero il 10milionesimo televisore, mentre l'anno successivo iniziò anche la produzione di personal computer. Il 1987 fu l'anno in cui Samsung diede vita al suo reparto di Ricerca e Sviluppo, che rivestì un ruolo fondamentale negli anni successivi per la crescita esponenziale nel settore della tecnologia e della telefonia in particolare.

Gli anni '80 segnano l'inizio dell'espansione mondiale di quella che era stata, sostanzialmente, una compagnia regionale. Nel 1982 viene aperto uno stabilimento produttivo in Portogallo, il 1984 è il turno di New York, l'anno successivo a Tokyo.

Il 1987 segna, però, una svolta fondamentale nel processo di crescita ed evoluzione di Samsung. Lee Byoung-chull, fondatore e padre di Samsung, muore il 19 novembre di quell'anno e le attività di Samsung vengono scorporate in 4 società indipendenti l'una dall'altra (oltre a Samsung, Shinsegae Group, CJ Group, e Hansol Group). Nel portafogli Samsung restano elettronica, ingegneria, costruzioni e alta tecnologia, mentre le tre "sorelle" si dividono i restanti settori produttivi.

Gli anni dell'espansione internazionale

A cavallo tra gli anni '90 e i primi anni del nuovo millennio, la nuova Samsung conosce una crescita senza precedenti sul mercato mondiale. Merito anche della riorganizzazione avviata a partire dal 1993, che permette al colosso di Daegu di concentrarsi su soli tre ambiti produttivi: elettronica, ingegneria e chimica.

 

Samsung Galaxy S4, smartphone di punta di Samsung

 

Tra il 1992 e il 1993 Samsung diventa il primo produttore mondiale di chip di memoria e secondo produttore mondiale di microchip (dopo Intel); nel 1995 creò il suo primo display a cristalli liquidi e nel giro di qualche anno si affermò come primo produttore mondiale di questo componente. Soprattutto, sfruttò al massimo i laboratori di ricerca e sviluppo impiantati nel decennio precedente così da poter lanciare sul mercato prodotti sempre innovativi e vincenti.

A partire da cellulari e smartphone, apparsi per la prima volta su una catena di montaggio Samsung tra il 1992 e il 1993.

Gli anni dei record

Dal 2005 in poi Samsung fa registrare un'impressionante serie di record, che la proiettano direttamente nell'Olimpo delle maggiori case produttrici di dispositivi elettronici. Nel 2005 diventa il maggior produttore mondiale di televisori (posizione che tutt'ora detiene); nel 2012 compie un incredibile sorpasso nei confronti di Nokia, divenendo il primo venditore mondiale di telefonia mobile (sia cellulari sia smartphone) al mondo, con un giro d'affari di svariati miliardi di dollari.

Nel 2010 Samsung ha annunciato la sua strategia di sviluppo per il decennio successivo. La società coreana si concentrerà su cinque business principali, tra i quali telefonia mobile, elettronica e biofarmaceutica. In questo settore, in particolare, ha già investito diversi miliardi di dollari, chiudendo anche un accordo di collaborazione con il gigante del settore Biogen.

Fase di stallo

Il 1 dicembre 2015 l'annuncio del cambio del responsabile telefonia mobile del gruppo, alle prese con una crescita in fase di stallo. L''unità è stata affidata a Koh Dongjin, rimpiazzando così Shin Jong-Kyun a partire dal prossimo anno. Il primato di Samsung nelle vendite di smartphone è stato frenato dalla concorrenza di Apple nei mercati più avanzati e delle aziende cinesi nei Paesi in via di sviluppo.
Shin si focalizzerà sulle strategie di lungo periodo, mantenendo comunque la carica di Ceo della divisione It e mobile. Koh, che è un ingegnere, ha svolto tutta la sua carriera in Samsung e ha guidato lo sviluppo del Galaxy S6 e del Galaxy Note 5, usciti quest'anno. Shin aveva assunto il comando della divisione mobile nel 2010: tre anni più tardi, la casa sudcoreana aveva conquistato il primato mondiale, ma negli ultimi anni quota di mercato e profitti hanno imboccato una fase calante.

Il peggior flop della storia

 

Samsung galaxy note 7

 

Con un mercato degli smartphone stagnante e una quota che continua a calare, Samsung ha cercato di giocare il jolly lanciando con qualche settimana di anticipo rispetto alla tabella di marcia il nuovo Samsung Galaxy Note 7. Il top di gamma dell'azienda sudcoreana doveva essere il punto di svolta che avrebbe rilanciato Samsung nel mobile. Purtroppo le cose non sono andate esattamente come voleva l'azienda asiatica. Infatti, fin dai primi giorni dopo il lancio, alcuni utenti hanno iniziato ad avere problemi di surriscaldamento che portavano all'esplosione dello smartphone. In meno di un mese, Samsung è stata costretta prima a richiamare tutti i device nella speranza che cambiando la batteria si sarebbe risolto il problema e successivamente ha bloccato la produzione e obbligato tutti gli utenti a spegnere il loro nuovo Samsung Galaxy Note 7. Il motivo per il quale lo smartphone esplode ancora non si conosce, ma è molto probabile che sia legato a qualche problema di fabbricazione. Il danno per le casse dell'azienda è stato quantificato i diversi miliardi di dollari e anche in borsa il titolo ha sofferto con ribassi piuttosto elevati.

Il rilancio

Dopo il flop del Samsung Galaxy Note 7, l'azienda coreana è tornata a far parlare di sé, ma questa volta in positivo. A novembre 2016 è stata annunciata l'acquisizione di Harman Kardon, società specializzata negli impianti audio e nella produzione di dispositivi per le auto connesse. Per acquistare Harman Kardon, Samsung è stata costretta a sborsare oltre otto miliardi di dollari, una cifra che l'azienda sudcoreana non aveva mai speso per un'acquisizione. L'obiettivo di Samsung è di riabilitare la propria immagine dopo la figuraccia internazionale e allo stesso tempo conquistare una fetta importante dei dispositivi IoT montati sulle auto smart, infatti Harman Kardon è una delle aziende leader del settore.

Nello stesso periodo, Samsung ha anche annunciato l'acquisto di Viv, una startup formata da ex-ingegneri Apple che hanno lavorato allo sviluppo di Siri. Anche se è passata in secondo piano, l'acquisizione di Viv è molto importante per il futuro mobile dell'azienda sudcoreana. Infatti, la startup ha sviluppato Bixby, un assistente personale che è pronto a sfidare sia Siri sia Google Assistant. È molto probabile che Bixby sarà montato sui prossimi top di gamma di Samsung e offrirà un servizio aggiuntivo a tutti gli utenti della società asiatica.  

La vicenda giudiziaria e l'uscita dei nuovi smartphone

 

galaxy s9

Superata la crisi creata dal Samsun Galaxy Note 7, l'azienda sudcoreana ha dovuto affrontare un altro grande problema. A seguito di un'inchiesta della giustizia sud-coreana che ha coinvolto anche il presidente del Paese asiatico e che lo ha portato alle dimissioni, il presidente della divisione smartphone e di fatto il presidente in-pectore dell'azienda è stato accusato di corruzione, falsa testimonianza e appropriazione indebita. Il proseguo delle indagini ha portato il tribunale della Corea del Sud ad arrestare Lee Jae-yong. Per Samsung si è trattato di un duro colpo, dato che Lee Jae-yong era il designato per ereditare la società di famiglia, ma l'arresto ha complicato tutto.

Per superare quest'altro duro colpo, l'azienda si è concentrata su quello che sa fare meglio: produrre smartphone. Tra il 2017 e l'inizio del 2018 sono stati lanciati sul mercato tre telefonini top di gamma che hanno riscosso il plauso della critica e del pubblico. Il Galaxy S8, il Galaxy Note 8 e il Galaxy S9 sono stati i precursori della nuova moda che ha colpito il mondo della telefonia: smartphone con bordi sempre più sottili e schermi con rapporto d'aspetto 18:9. Nonostante i tanti scandali che l'hanno colpita, l'azienda non sembra risentirne e i bilanci continuano a mostrare il segno più.   

20 marzo 2018

30 agosto 2013 (aggiornato il 2 gennaio 2017)

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #samsung #storia #smartphone

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.