Doug Engelbart

La madre di tutte le demo 50 anni fa predisse il nostro futuro tecnologico

Doug Engelbart diede al mondo il suo primo assaggio di ipertesto, mouse, networking e altro ancora
La madre di tutte le demo 50 anni fa predisse il nostro futuro tecnologico FASTWEB S.p.A.

L'innovazione avviene di solito in passi lenti e misurati per molti anni, ma una dimostrazione datata 1968 trasformò il mondo dei personal computer in soli 90 minuti. In una presentazione soprannominata "la madre di tutte le demo", Douglas Engelbart mostrò la tecnologia che avrebbe portato direttamente al Macintosh di Apple, a Internet, a Windows, a Google Docs, al mouse del computer e molto altro ancora. La parte più assurda è che è accaduto 50 anni fa, quando i microchip erano solo un barlume negli occhi degli scienziati.

Engelbart, scomparso nel 2013, lavorava allo Stanford Research Institute (SRI) di Menlo Park quando presentò la demo durante una videoconferenza a San Francisco. Già quella era un'impresa tecnica impressionante (che mostrava essenzialmente la prima versione di Skype), ma quello che sarebbe accaduto nei successivi 90 minuti cambiò le cose per sempre.

L'intera dimostrazione fu eseguita dal vivo, per mostrare, invece di spiegare a voce, la tecnologia e dimostrare che i computer avrebbero potuto essere effettivamente "responsive". È stata una mossa coraggiosa considerando lo stato della tecnologia: il team ha dovuto costruire il proprio display con circa 90.000 dollari degli anni '60. "Il driver del display era un pezzo di elettronica da 3 piedi a 4 piedi", ha aggiunto Engelbart, secondo un nuovo libro intitolato " Valley of Genius ". Sottolineò, tuttavia, che il team di Stanford non stava solo sviluppando i sistemi, ma li stava utilizzando per i propri progetti.

Per prima cosa utilizzò una semplice lista della spesa per mostrare come i database avrebbero potuto semplificare la vita di tutti i giorni formattando e visualizzando informazioni per categoria. Da lì, creò nuove forme di controllo degli input (lo schermo bitmap, mouse e tastiera), mostrò un modo per passare da soggetto a soggetto facendo clic su un testo collegato (collegamenti ipertestuali), presentò un progenitore di Google Docs e dimostrò come effettuare una ricerca attraverso parole chiave.

Oltre a ciò, mostrò anche un'anteprima di semplici grafici collegati, meta tag, software open source e ARPA, il predecessore di Internet. In effetti, l'ARPA in realtà pagò per la demo la somma di 175.000 dollari dell'epoca, circa 1,2 milioni di oggi.

Il team di Stanford aveva ambizioni più elevate del semplice sviluppo della tecnologia. Il loro obiettivo dichiarato era "aumentare l'intelletto umano", migliorare la collaborazione e rendere più facile per individui e team raggiungere il loro pieno potenziale. Engelbart immaginò che, man mano che la società diventava sempre più complessa, gli umani avrebbero dovuto migliorare il loro apprendimento e le loro conoscenze il più rapidamente possibile.

All'epoca, il team SRI non era molto apprezzato dagli altri ricercatori di informatica, e i coordinatori della conferenza in cui fu mostrata erano "titubanti" riguardo alla demo. Niente di tutto ciò scoraggiò Engelbart, comunque. "Nel 1968 cominciavo a sentire che potevamo mostrare molte cose", disse. "Avevo questo senso avventuroso di 'Bene, proviamoci allora', che spesso finiva in un disastro".

Ovviamente no, e il resto è storia. "Alla fine è passato a Xerox PARC e poi a Apple per conquistare il mondo", dichiarò il collaboratore di Engelbart, Bill Paxton. "Ma, a quei tempi, Doug era una voce che urlava nel deserto."

11 dicembre 2018

Fonte: engadget.com
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail