Fastweb

Internet, Google responsabile del 40% del traffico mondiale

BrandZ Top 100 Most Valuable Global Brands Web & Digital #brand #amazon La classifica dei brand di maggior valore nel 2019 Amazon guida la classifica dei brand di maggior valore del 2019. In seconda posizione Amazon, seguita da Google e da Microsoft
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Internet, Google responsabile del 40% del traffico mondiale FASTWEB S.p.A.
Google
Web & Digital
Sabato notte Google Search e altri servizi del gigante di Mountain View hanno improvvisamente smesso di funzionare per un paio di minuti. Crolla il traffico sul web

Un paio di giorni fa Google è crashato e per qualche minuto è risultato irraggiungibile in tutto il mondo. Sarà forse la prima volta (o una delle poche) dal giorno della sua creazione che il motore di ricerca di Larry Page e Sergey Brin resta offline per così tanto tempo. Questo evento, però, ci ha aiutato a capire due cose: tutti sono fallibili e possono commettere qualche errore, anche Google; l'importanza del motore di ricerca per eccellenza nel generare traffico nella Rete.

Due minuti d'inferno

Lo stop a Google (e altri servizi di Big G, come Gmail, YouTube e Google Drive, ad esempio) non è durato più di due, tre minuti. Ma in questo lasso di tempo più di qualche persona ha rischiato seriamente una crisi di nervi. Lo si capisce, ad esempio, analizzando il grafico rilasciato da Topsy, tool statistico per Twitter. Nei minuti in cui Google Search e altri servizi della società di Mountain View risultavano irraggiungibili, i tweet contenenti la parola Google hanno fatto registrare un'impennata improvvisa, passando da una media di circa 200 post al minuto a oltre 1.200 post al minuto (2 al secondo) quando il problema ha iniziato a manifestarsi.

 

Il grafico di Topsy

 

Pur avendo riconosciuto il problema (era davvero difficile provare a nasconderlo o fare finta di nulla), Google non ha ancora spiegato a cosa sia dovuto il black out.

Internet goes banana

Stando ad Alexa Ranking (leader mondiale nelle rilevazioni statistiche sul web), Google è responsabile del 40% circa del traffico mondiale. Anche qualche punto percentuale in più. Se qualcuno, fino ad oggi, avesse nutrito dubbi su questa rilevazione, deve suo malgrado ricredersi. GoSquare, altra società di rilevazioni statistiche online, nel corso del blackout che ha colpito i servizi Google, ha registrato un notevole calo nel traffico di Rete. Un calo approssimativamente del 40%, segno che i numeri forniti da Alexa Ranking sono tutt'altro che errati.

 

I dati di GoSquare sul calo del traffico sul web

 

Notevole anche il rimbalzo registrato non appena tutti i servizi sono tornati funzionanti: un balzo in avanti del 100% circa, con il volume di pagine visualizzate tornato molto presto ai livelli pre-crash.

Leggendo questi dati, qualche commentatore statunitense si è divertito a dire che, in quei minuti, Internet goes banana, un'espressione colloquiale traducibile con Internet è andato a farsi benedire. Per non voler essere più volgari.

 

19 agosto 2013

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #larry page #sergey brin #google #google search #motore di ricerca #internet #web #online #rete #crash

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.