Fastweb

Il browser Chrome si arricchirà di un Ad Blocker a partire dal 15 febbraio

Google Web & Digital #google #privacy Come difendere i dati personali su Google La società di Mountain View offre molti servizi gratuiti in cambio del libero accesso ai propri dati personali. Ecco gli strumenti di difesa più efficaci
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Il browser Chrome si arricchirà di un Ad Blocker a partire dal 15 febbraio FASTWEB S.p.A.
In arrivo l'Ad Blocker nativo di Chrome
Web & Digital
Novità nel campo degli annunci pubblicitari nel web in arriso sul browser Chrome

Dopo aver aderito alla coalizione per delle Pubblicità migliori nel giugno di quest'anno, e aver promesso un Ad Blocker nativo entro l'inizio del 2018, Google Chrome ha annunciato il momento in cui questo lancio avverrà sulle piattaforme mobile e desktop. Questa funzionalità dovrebbe essere implementata su tutti i sistemi operativi compatibili a partire dal 15 febbraio 2018.

Google, con un post sul blog, aveva annunciato che Chrome era entrato a far parte della Coalition for Better Ads, un gruppo industriale che si concentra sul miglioramento degli annunci pubblicitari (advertisements, spesso abbreviato in ads) online. Allo stesso tempo, Chrome aveva introdotto anche alcuni strumenti come l'Ad Experience Report, per far sì che gli editori potessero abituarsi a seguire i nuovi standard.

Un'altra feature, chiamata Funding Choices, è stata rilasciata in versione beta all'inizio di quest'anno. Questa funzione consente ai web editor di offrire ai visitatori del proprio sito la possibilità di abilitare gli annunci o di pagare un pass per rimuoverli tutti. Su questo fronte, però, non ci sono grandi aggiornamenti.

Lunedì scorso la Coalition for Better Ads ha annunciato il Better Ads Experience Program, che mira a certificare i web editor che accetteranno di non utilizzare gli annunci più aggressivi. Questo programma accrediterà anche i browser e le società pubblicitarie che risulteranno conformi agli standard e che filtreranno gli annunci digitali in modo appropriato.

Google ha anche rilasciato un ulteriore aggiornamento, in merito a questo annuncio. "A partire dal 15 febbraio, in linea con le style guides della Coalizione, Chrome rimuoverà tutti gli annunci dai siti che presentano uno stato "in errore" nel report dell'esperienza degli utenti".

I nuovi standard Better Ads verranno inizialmente implementati su piattaforme desktop e mobile nei mercati in Europa e Nord America. Secondo i nuovi standard, gli annunci desktop che potrebbero essere ritirati gradualmente includono alcuni pop-up, annunci video a riproduzione automatica con audio, annunci con conto alla rovescia e annunci persistenti di grandi dimensioni.

Per quanto riguarda il mobile, invece, gli annunci che potrebbero non rientrare negli standard sono i pop-up, annunci di grandi dimensioni e ads animati e lampeggianti, oltre che quelli in auto-play con audio.

La spinta di Google verso il blocco delle ads native aiuterà gli utenti a ridurre la necessità di installare blocker di terze parti. Considerando che la maggior parte delle entrate di Google provengono proprio dalle ads online, è improbabile che gli editori che offrono contenuti ad alta qualità possano essere pesantemente impattati dalla decisione.

20 dicembre 2017

Fonte: gadgets.ndtv.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #chrome #google #ad blocker #pubblicità

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.