Smart Home

Il progetto Connected Home, un'alleanza per la smart home

Amazon, Apple e Google insieme per un nuovo standard di connettività per migliorare i prodotti per la smart home
Il progetto Connected Home, un'alleanza per la smart home FASTWEB S.p.A.

Centinaia di dispositivi intelligenti chiedono la nostra attenzione, in questi giorni, tra cui altoparlanti a comando vocale, luci e altri dispositivi per risparmiare lavoro. Eppure la smart home rimane più un sogno che una realtà.

Ciò è in parte dovuto al fatto che questi dispositivi intelligenti sono raramente compatibili tra loro, lasciando sia i produttori che i consumatori alle prese con un miscuglio confuso di tecnologie concorrenti.

Ad esempio, lampadine intelligenti progettate per funzionare con Siri e HomeKit di Apple, una videocamera di sicurezza che funziona con Amazon Alexa e un aspirapolvere robot che fa le sue cose in autonomia. Ogni dispositivo richiede un diverso set di app e dispositivi mobili per controllarli, il che non è pratico per gli utenti finali, che tendono magari a preferire una particolare piattaforma - che si tratti di Alexa, Siri o Google Assistant. Inoltre, è anche difficile e costoso per i produttori supportare più tecnologie concorrenti durante lo sviluppo dei loro dispositivi intelligenti.

Tutto questo, però, potrebbe cambiare, se una nuova iniziativa industriale decollerà. Il progetto si chiama Connected Home over IP, o CHIP, e l'obiettivo è di "sviluppare e promuovere l'adozione di un nuovo standard di connettività esente da royalty per aumentare la compatibilità tra i prodotti per la smart home". Ciò significa che i produttori saranno in grado di costruire dispositivi intelligenti che funzionano con tutti e tre i principali assistenti vocali di Amazon, Apple e Google. Il sito web CHIP conferma questo obiettivo, affermando che "gli utenti possono essere certi che il loro dispositivo funzionerà e che saranno in grado di installarlo e controllarlo con il loro sistema preferito".

Questo, ovviamente, significa che il progetto CHIP ha realizzato l'improbabile impresa di riunire Amazon, Apple e Google in una rara collaborazione. Ciò, forse, è in parte dovuto all'influenza del quarto membro chiave di questo gruppo: Zigbee.
Zigbee potrebbe essere meno noto di Alexa, Siri e Google, ma la tecnologia wireless a 2,4 GHz è nata da un precedente tentativo di creare standard di compatibilità per l'Internet of Things (IoT). Zigbee ha attirato l'interesse di numerosi produttori di dispositivi intelligenti, tra cui Samsung con la sua gamma di dispositivi SmartThings, Signify (proprietario delle famose luci intelligenti Philips Hue) e persino gli specialisti del flat-pack di Ikea.

Il progetto CHIP, quindi, è un tentativo di coinvolgere i tre principali attori al fine di creare uno standard di compatibilità a misura di consumatore che abbia il supporto di tutti i grandi giganti della tecnologia. 

"L'idea alla base del progetto CHIP è qualcosa su cui stiamo lavorando da molto tempo", ha detto a ZDNet Tobin Richardson, CEO di Zigbee Alliance. "Con lo sviluppo dell'IoT, ormai da tempo è chiaro che abbiamo bisogno di una più forte unità tra marchi ed ecosistemi per portare questa evoluzione tecnologica al livello successivo".

Il mercato delle case intelligenti è attualmente una battaglia a tre vie tra Amazon, Apple e Google, con Amazon che gode di un vantaggio grazie al successo della sua gamma di altoparlanti intelligenti Echo e dell'assistente vocale Alexa. Amazon ha fatto un buon lavoro nell'incoraggiare i produttori di dispositivi intelligenti a supportare la tecnologia e Alexa può ora essere utilizzato per controllare una vasta gamma di dispositivi intelligenti in casa.

Google ha tentato di emulare il successo di Amazon Echo con la propria gamma di altoparlanti Google Home, che includono la tecnologia vocale Google Assistant. E, in coda, c'è Apple, con Siri e il suo software HomeKit. Ironia della sorte, Siri e HomeKit sono in giro da più a lungo rispetto ai concorrenti Amazon e Google, ma il ritardo di Apple nel rilasciare il suo altoparlante intelligente HomePod - e il suo prezzo tipicamente elevato - ha significato che Apple non è riuscita a sfruttare ciò che avrebbe potuto essere un vantaggio per la prima mossa che cambia il gioco.

La concorrenza tra Alexa, Siri e Google Assistant significa che qualsiasi produttore che sta attualmente tentando di sviluppare dispositivi intelligenti per la casa dovrà lottare con tre tecnologie concorrenti - o semplicemente optare per una di loro nella speranza che questa vincerà sui suoi concorrenti. Gli analisti del settore di Euromonitor International concordano sul fatto che la mancanza di compatibilità è una barriera allo sviluppo di dispositivi intelligenti e Internet Of Things.

"Attualmente, la barriera chiave verso l'adozione di massa di prodotti per la smart home è la mancanza di interoperabilità tra diversi dispositivi e marchi", afferma Hiromi Yamaguchi, consulente per la casa e tecnologia di Euromonitor. "Se il gruppo di lavoro riesce a riunire tutte le diverse aziende, i clienti possono essere certi che i loro dispositivi funzioneranno sempre perfettamente ".

Questo è proprio l'obiettivo del Progetto CHIP, conferma Richardson di Zigbee Alliance: "le aziende partecipanti stanno lavorando fianco a fianco per unire le tecnologie esistenti". Ciò non significa che le voci di Alexa, Siri e Google Assistant scompaiano e saranno sostituite da un nuovo assistente vocale che governa tutti i dispositivi domestici intelligenti. Al contrario, il nuovo standard CHIP consentirà ai futuri dispositivi smart di funzionare con tutti i principali assistenti vocali. Ciò renderà più semplice e meno costoso per i produttori lo sviluppo di nuovi dispositivi e consentirà inoltre ai consumatori di acquistare nuovi dispositivi intelligenti per la propria casa senza doversi preoccupare se quel dispositivo funzionerà con l'assistente vocale che stanno già utilizzando: Siri, Alexa o Assistente di Google.

I consumatori apprezzeranno una maggiore compatibilità tra i loro dispositivi intelligenti, ma in molti stanno anche diventando sempre più preoccupati per i problemi legati alla privacy, sollevati dalla presenza di altoparlanti intelligenti che possono ascoltare tutto ciò che si dice in casa. Il progetto CHIP mira anche a rispondere a queste preoccupazioni, affermando che il nuovo standard di compatibilità includerà anche la "sicurezza come principio di progettazione fondamentale". Ciò, tuttavia, è valido per quanto riguarda la dichiarazione pubblica: non sono disponibili dettagli specifici sulle funzionalità di sicurezza che CHIP fornirà in futuro.

I nuovi standard del settore possono spesso richiedere anni per raggiungere il mercato, ma il progetto CHIP spera di vedere i risultati entro la fine del 2020. Richardson afferma che riunire Amazon, Apple e Google e utilizzare le loro tecnologie esistenti - anziché iniziare da zero "aiuterà a far avanzare rapidamente lo standard". E sebbene potranno esserci "conversazioni aggressive" tra i titani della tecnologia rivali tra loro, si pensa che "l'industria sarà migliore grazie a questo progetto. Si tratta di una svolta - quindi rimanete sintonizzati".

18 marzo 2020

Fonte: zdnet.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail