Ricerca Google

Il nuovo formato degli annunci Google è sostanzialmente un risultato di ricerca

Google ha riprogettato i suoi risultati di ricerca in modo da presentare risultati supportati da pubblicità, senza indicare che si tratti di annunci, anziché di risultati organici
Il nuovo formato degli annunci Google è sostanzialmente un risultato di ricerca FASTWEB S.p.A.

Google cerca di confonderci? Sembrerebbe di sì.
La novità è di diminuire la differenza tra normali risultati di ricerca e quelli supportati dagli inserzionisti, in modo che l'unica differenza visiva tra un risultato organico e un annuncio sia la parola "Ad" minuscola, in grassetto.

Questo nuovo formato di annuncio lo mantiene come primo risultato in una ricerca su Google. Dopo un rapido test abbiamo trovato molti risultati di ricerca che non si presentavano come "Ad", anche se spesso erano visibili i risultati "sponsorizzati" nella parte superiore della pagina, che sembrano comunque diversi dai nuovi risultati di cui parliamo.

Sembrerebbe che il nuovo formato dei risultati degli annunci sia un modo per indurre i consumatori a fare clic sugli annunci. Certo, sembra strano che Google stia attivamente cercando di ingannarci, sebbene tutte le prove portino a questa conclusione.

Gli annunci online funzionano solo per un breve tempo

La questione infinita di convincere i consumatori a vedere e a cliccare sulla pubblicità è vecchia quanto i media. Sin dai tempi delle riviste cartacee, gli inserzionisti facevano di tutto per ottenere posizioni frontali o addirittura pubblicavano pubblicità impaginata in maniera simile agli articoli. La cosa veniva gestita, ma non prima di aver cambiato il font, il design, l'aver messo attorno ad essi una cornice e magari la parola "Pubblicità" in alto.

Con gli anni, gli annunci sulle riviste si spostarono direttamente sulla copertina. A volte erano false copertine, che erano redditizie per gli editori e, probabilmente, efficaci per gli inserzionisti. E per il lettore si creava confusione tanto quanto questi nuovi annunci di Google.

Nel regno digitale, dove ogni interazione online può essere misurata, gli inserzionisti possono notare l'interazione dell'utente praticamente con ogni forma di pubblicità online. Ogni nuovo formato di annuncio ha avuto il suo periodo di gloria. Anche i banner pubblicitari erano efficaci una volta, sebbene ora facciano solo parte della storia di Internet.

Presto seguirono annunci pop-up, che erano attacchi furtivi digitali che oscuravano la vista online e costringevano a chiuderli con non poco nervosismo. Le persone spesso facevano clic su di essi per errore, il che aumentava solo il numero di popup. Subire un assalto pop-up potrebbe sembrare, nella vita reale, come essere ripetutamente preso a schiaffi in faccia dall'e-commerce. Alla fine, la tecnologia ha aiutato a bloccare i popup e quella strada pubblicitaria è quasi scomparsa. La moderna pubblicità online è, grazie al monitoraggio e ai cookie (anche ora sotto attacco), molto più sofisticata. Gli annunci e le offerte mirate di oggi sono incredibilmente puntuali. I pubblicitari ci conoscono perché tutto quello che facciamo lo mettiamo online. È come se disegnassimo loro una mappa verso il nostro portafoglio.

La struttura economica di base del web, molti servizi gratuiti supportati da attività pubblicitarie a caricamento laterale non è cambiata molto negli ultimi 25 anni. Google è iniziato come un servizio gratuito supportato da annunci pubblicitari e, nonostante tutte le altre attività commerciali, è ancora più o meno lo stesso. Fornisce risultati di ricerca, posta, spazio di archiviazione, app per la produttività e molto altro gratuitamente perché visualizziamo e talvolta clicchiamo sugli annunci Google.

Google, tuttavia, non è diverso da qualsiasi altro business online. Le strategie pubblicitarie che prima funzionavano lentamente ma in maniera sicura perdono la loro efficacia quando i consumatori diventano saggi e iniziano a ignorarli. I formati degli annunci nei risultati di ricerca di Google sono una prova di come i consumatori online siano cambiati, poiché abbiamo imparato ad ignorare gli annunci nella colonna di destra e poi siamo passati rapidamente ad ignorare quelli nella parte superiore dei risultati di ricerca di Google.

Google, probabilmente, è in grado di misurare il rendimento degli annunci secondo per secondo (e forniscono tali risultati ai loro partner inserzionisti). Probabilmente hanno già una dozzina o più di idee di stile per gli annunci, alcuni molto più aggressivi di questi. Ma devono provarli, almeno quelli che credono possano essere convincenti.

Rimuovere completamente la parola "annuncio" andrebbe oltre quella linea di fiducia (e di legalità) e non ci aspettiamo che Google lo faccia. È chiaro però che Google cercherà di giocare sul filo del rasoio. In questo caso, misurerà i risultati e terrà d'occhio le reazioni dei consumatori. Se non dovesse andare bene, Google potrebbe ripristinare la modifica, ma non prima di raccogliere dati di telemetria critici che dicono loro quanto bene o male hanno funzionato questi nuovi annunci.

Teniamo sempre a mente che Google è un'azienda, non un ente di beneficenza. Funzionerà nel suo migliore interesse, e garantirà, nel contempo, di non danneggiare i consumatori.

Forse la prossima settimana Google tornerà a uno stile di annunci più evidente, il che muoverà alcune critiche. Quindi, settimane o mesi dopo, proverà qualcos'altro. Deve farlo, non tanto ingannarci, ma perché l'azienda lo richiede e forse la nostra confusione aiuta a supportarlo.

31 gennaio 2020

Fonte: lifewire.com
Condividi
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail