scooter sharing

I servizi per noleggio motorini o noleggio elettrico in Italia

I servizi di scooter sharing permettono di affittare un motorino e di arrivare a destinazione superando il traffico della città. Ecco i servizi presenti nelle principali città italiane
I servizi per noleggio motorini o noleggio elettrico in Italia FASTWEB S.p.A.

Muoversi in città rispettando l'ambiente è più semplice con i servizi di scooter sharing. In Italia, dopo il car sharing, alcune startup hanno investito nel noleggio dei motorini, anche elettrici. Si tratta di servizi molto simili al car sharing: ci si registra, si inseriscono i propri dati personali, una patente di guida valida e tramite l'applicazione è possibile prenotare lo scooter più vicino. Sempre tramite lo smartphone si sblocca il motorino e si termina la corsa, pagando con la carta di credito collegata al proprio profilo.

I servizi di car sharing sono presenti soprattutto nelle grandi città: Milano, Roma e Torino. In futuro arriveranno anche in altri capoluoghi di Regione come Bologna. La maggior parte delle aziende sono arrivate in Italia solamente negli ultimi anni: GoVolt è sbarcata a Milano a ottobre 2018 e Cityscoot è arrivata in Lombardia a fine 2018. A Roma, invece, è attiva eCooltra con una flotta di scooter elettrici piuttosto numerosa. Scooterino, invece, non è un servizio di scooter sharing, ma di scooter pooling. Il funzionamento è molto simile a BlaBlaCar. Ecco come funzionano i servizi di noleggio motorini in Italia.

Cityscoot

cityscoot

Tra i servizi di scooter sharing presenti in Italia, Cityscoot è l'ultimo arrivato. Per il momento è presente solamente a Milano, ma nel secondo semestre 2019 arriverà anche a Roma. Cityscoot è un'azienda francese che offre un servizio di noleggio scooter elettrici: a Milano è arrivata con una flotta di ben 500 motorini dislocati in vari punti della città. La copertura geografica è molto ampia e per ora copre l'intera circonvallazione 90/91 e alcuni punti strategici come Bicocca, Rogoredo e la zona intorno allo IULM. Sarà possibile utilizzare lo scooter anche fuori dalla zona geografica consentita, purché al termine del servizio vengano riportati al suo interno. Il servizio può essere utilizzato da qualsiasi persona munita di patente e con un'età superiore ai 18 anni.

Utilizzare Cityscoot è molto semplice: basta scaricare l'applicazione dal Google Play Store o dall'App Store, registrarsi e controllare dalla mappa i motorini elettrici presenti nelle vicinanze. Una volta prenotato, si avranno 10 minuti di tempo per raggiungere il mezzo. Per il momento l'affitto dei motorini è gratuito.

eCooltra

ecooltra

eCooltra è un altro servizio di scooter sharing elettrico attivo a Milano e Roma. In Italia l'azienda spagnola ha portato una flotta di 800 scooter elettrici che possono essere prenotati facilmente tramite l'applicazione. Il modello presente in Italia è l'Askoll eS2 e dispone anche di due caschi presenti all'interno del bauletto. Sia a Roma sia a Milano, eCooltra copre gran parte del centro della città, permettendo all'utente di muoversi in agilità e con un occhio rivolto alla sostenibilità ambientale. Anche i prezzi sono molto competitivi: è possibile acquistare dei pacchetti di minuti che di volta in volta vengono scalati, oppure pagare la tariffa piena di 26 centesimi al minuto. I pacchetti, invece, sono di 100 minuti (23 centesimi al minuto), 250 minuti (21 centesimi al minuto) e 500 minuti (19 centesimi al minuto). L'applicazione è disponibile sul Google Play Store e App Store.

Zig Zag

zig zag

Disponibile a Milano e Roma, Zig Zag è un servizio di scooter sharing che permette di noleggiare motorini a 3 ruote per muoversi velocemente in città. Utilizzare uno degli scooter della flotta Zig Zag è molto semplice: basta scaricare l'app dal Google Play Store o dall'App Store e registrarsi al servizio. È necessario essere maggiorenni, avere una patente di guida valida e aggiungere la propria carta di credito. Una volta effettuata l'iscrizione, si potrà prenotare lo scooter Zig Zag direttamente dallo smartphone. Tramite l'applicazione si può controllare anche lo stato del motorino, il livello di benzina e la presenza del casco. Gli scooter Zig Zg possono essere parcheggiati sugli spazi delimitati da strisce bianche e blu senza nessun costo aggiuntivo.

Il costo del noleggio è di 0,29 centesimi al minuto, mentre il prezzo per l'affitto di un'ora è di 14,90 euro. È possibile noleggiare lo scooter per un'intera giornata pagando 59 euro.

GoVolt

govolt

Da Berlino a Milano. GoVolt è uno degli ultimi servizi di noleggio elettrico degli scooter sbarcato a Milano. Finora la flotta è composta da 150 scooter elettrici, ma l'obiettivo è arrivare a 300 entro la fine del 2019. Per il futuro l'obiettivo è arrivare anche a Torino e Bologna. Il funzionamento di GoVolt è molto semplice: innanzitutto è necessario scaricare l'app dal Google Play Store o App Store ed effettuare l'iscrizione. Una volta completata questo passaggio, sarà possibile prenotare lo scooter GoVolt più vicino. Si avranno 15 minuti per raggiungere il motorino. All'interno del bauletto sono presenti anche due caschi. Una volta completato il noleggio basta premere su "Termina". Il prezzo dell'affitto dello scooter è di 20 centesimi al minuto, ma è possibile anche acquistare dei pacchetti da 50, 100, 250 e 500 minuti che permettono di abbassare notevolmente il prezzo del noleggio.

MiMoto

mimot

Torino e Milano sono le città coperte dal servizio di scooter sharing elettrico MiMoto. L'azienda è stata creata da un gruppo di ragazzi italiani con l'obiettivo di migliorare la vita nelle grandi città rispettando l'ambiente. Per utilizzare il servizio di scooter sharing MiMoto bisogna registrarsi alla piattaforma e scaricare l'applicazione dallo store di Google e di Apple. Per noleggiare lo scooter elettrico basta utilizzare l'app, prenotarlo e una volta raggiunto, accenderlo. L'area operativa copre gran parte del centro città di Torino e Milano. Il costo del noleggio è di 23 centesimi al minuto, mentre la tariffa oraria è di 6,90 euro. L'affitto per un'intera giornata è di 29,90 euro. Ci sono delle convenzioni per gli studenti del Politecnico di Milano, dello IULM, della Cattolica e dello IED. È possibile acquistare anche dei pacchetti da 50, 100, 250 e 500 minuti.

Scooterino

Non è un servizio di scooter sharing, ma di scooter pooling. Scooterino è il BlaBlaCar dei motorini: un utente può richiedere un passaggio per arrivare in una zona di Roma e se trova uno scooterista che deve percorrere lo stesso tragitto possono condividere le spese per il carburante. Il servizio è disponibile per il momento solamente nella Capitale e copre un'ampia zona di Roma (arriva fino ad Ostia).

Scooterino mette al primo posto la sicurezza degli utenti. Gli scooteristi devono rispettare delle stringenti norme di sicurezza, avere almeno 21 anni, un'assicurazione e un mezzo in perfette condizioni. Inoltre, prima di accettare il passaggio è possibile consultare anche i feedback degli altri utenti. L'applicazione di Scooterino può essere scaricata dal Google Play Store e App Store.

Acciona

L'ultimo servizio di scooter sharing arrivato in Italia è Acciona: la società di ingegneria civile, energia e grandi opere ha infatti portato a Milano 250 scooter elettrici di colore bianco e rosso, con potenza equivalente ad un 125 cc, dotati di bauletto posteriore. Le due ruote a batteria di Acciona possono essere usate in modalità "S", cioè standard con velocità fino a 50 chilometri orari, o "C", cioè custom con velocità massima che sale a 80 orari. È possibile viaggiare sugli scooter Acciona anche in due e l'energia per la ricarica è certificata 100% rinnovabile. Le corse si prenotano e si gestiscono tramite l'app per Android e iOS, previa registrazione e le moto vanno parcheggiate in un'area ben precisa della città che corrisponde alla Cerchia filoviaria 90/91 più l'area del Politecnico Bovisa, Città Studi, Lambrate e Piazzale Accursio. La tariffa va da 29 a 34 centesimi al minuto e ci sono pacchetti prepagati a prezzo agevolato nei tagli di 50, 100, 300 e 500 minuti.

 

20 febbraio 2020

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c'è da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail