Fastweb

I nativi digitali sono i più avventati in fatto di sicurezza online

CamScanner Smartphone & Gadget #app #malware CamScanner, l'app da eliminare immediatamente! Se siete tra quelli che hanno scaricato ed installato su Android l'app CamScanner, vi consigliamo di eliminarla subito, perché piena di malware. Ecco alcune valide alternative
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
I nativi digitali sono i più avventati in fatto di sicurezza online FASTWEB S.p.A.
I nativi digitali sono i più avventati in fatto di sicurezza online
Web & Digital
A rivelarlo un rapporto Norton Cybersecurity Insights su un campione di 17mila consumatori di tutto il mondo

Sono i cosiddetti nativi digitali i più avventati in fatto di sicurezza: non chiudono gli account che sono stati violati, condividono password e non le scelgono efficaci. A rivelarlo un rapporto Norton Cybersecurity Insights su un campione di 17mila consumatori di tutto il mondo.

Il 32% dei Millennial italiani è stato colpito da criminali informatici rispetto al 15% della generazione nata negli anni '50 e '60. Questi ultimi online sono più cauti: ad esempio condividono meno facilmente password (il 13% contro il 19% della generazione Y) e scelgono parole chiave più sicure (47% contro 37%). Un quarto degli appartenenti alla generazione Y ammette di aver abbandonato un account anziché chiuderlo in seguito a una violazione dei dati. Tuttavia i migliori a curare le impostazioni privacy sui vari dispositivi sono invece i Millennial. I genitori italiani sono risultati particolarmente prudenti rispetto a quelli di altri Paesi. Il 92% si preoccupa della sicurezza online dei propri figli e tre su quattro hanno dichiarato di aver preso precauzioni per proteggerli. Le misure più utilizzate sono state le limitazioni all'accesso ad alcuni siti web (53%) e alle informazioni che postano su di loro sui propri social (51%), insieme a quelle che i loro figli possono condividere con le cerchie di amici online (47%).

Nell'ultimo anno quasi un italiano su due ha vissuto episodi di cybercrime in prima persona: il 45% contro il 40% della media europea e il 46% nel mondo. La maggior parte, 1 su 6, è stato oggetto di attacchi di tipo ransomware. Il 12% ha dichiarato di aver subito un furto d'identità e il 13% la perdita di informazioni finanziarie dopo acquisti online. Nel nostro Paese le situazioni che più spesso hanno minato la sicurezza dei consumatori riguardano la compromissione della password degli account (17%), gli accessi non autorizzati alle caselle di posta elettronica (14%), i furti di dispositivi mobili (13%).

1 dicembre 2015

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #nativi digitali #sicurezza #cybercrime

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.