Fastweb

I migliori siti per monitorare i terremoti

Google Chrome su Mac Web & Digital #chrome #browser Come velocizzare Chrome La velocità di navigazione può essere influenzata anche dal browser. Ecco alcuni trucchi che ti permetteranno di velocizzare Chrome e navigare senza intoppi
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
I migliori siti per monitorare i terremoti FASTWEB S.p.A.
Sismografo
Web & Digital
Ogni giorno nel mondo avvengono centinaia e centinaia di scosse di terremoto. Ecco i siti per monitorarle

Ogni giorno la crosta terrestre è smossa da centinaia di fenomeni sismici di ogni entità. Tutti questi movimenti delle zolle tettoniche sono registrati dalla rete di sismografi sparsi per il mondo e registrati dai centri di geofisica e vulcanologia mondiali. Sia il terremoto di magnitudo 2 appena percettibile dall'uomo, sia il terremoto di 8 gradi della scala Richter distruttivo e mortale possono essere visualizzati (differiti di mezz'ora o poco più)

INGV

 

INGV

 

Il sito dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia offre una panoramica piuttosto dettagliata degli ultimi terremoti avvenuti sia in Italia, sia nel resto del Mondo. Collegandosi al portale dell'INGV si può consultare sia l'elenco degli ultimi movimenti tellurici registrati, sia la mappa del mondo. Nel primo caso, ad ogni riga corrisponde un diverso fenomeno sismico: cliccandoci sopra si potranno avere informazioni più dettagliate, una mappa più precisa della zona coinvolta e tutti i comuni in cui il terremoto è stato avvertito. Nel secondo caso, invece, i terremoti sono segnalati con pallini, quadrati o stelle a seconda della magnitudo: clic,cando sopra ogni icona, si scopriranno i dettagli del terremoto selezionato.

Seismon

 

Seismic Monitor

 

Crasi di Seismic Monitor (monitor sismologico in italiano), il portale Seismon offre una mappa interattiva dove poter visualizzare i movimenti più recenti che hanno scosso la crosta terrestre. Ogni terremoto è indicato da un cerchio: i diversi diametri indicano le diverse magnitudo dei fenomeni (maggiore il diametro, maggiore la magnitudo), mentre i diversi colori indicano la datazione della scossa (in rosso i terremoti delle ultime 24 ore, in arancio i terremoti accaduti ieri, in giallo quelli delle ultime 2 settimane, in fucsia i terremoti degli ultimi cinque anni).

CSEM

 

CSEM

 

Il Centro Sismologico Euro-Mediterraneo sfrutta le API di Google Earth e di Google Maps per offrire ai propri utenti una panoramica completa sugli ultimi movimenti tellurici avvenuti tanto nell'area del Mediterraneo, sia nell'intera area mondiale. Agendo sulle impostazioni si può decidere se visualizzare gli ultimi terremoti in ordine temporale o i terremoti più potenti accaduti di recente.

USGS

 

USGS

 

L'ente sismologico statunitense sfrutta la sua potente e fitta rete di postazioni sismografiche per rilevare i movimenti tellurici di ogni magnitudo, anche inferiore ai 2,5 gradi della scala Richter. I dati vengono poi visualizzati sulla mappa a seconda delle preferenze degli utenti. Andando ad agire sulle impostazioni, si può decidere se vedere i terremoti mondiali delle ultime 24 ore, dell'ultima settimana e degki ultimi trenta giorni.

Twitter

Pur non possedendo una rete di sismografi in giro per il mondo, Twitter è probabilmente il miglio sito per monitorare i movimenti tellurici che accadono nel mondo. Grazie alle segnalazioni che arrivano quasi istantaneamente dagli utenti, hanno dovuto ammettere gli stessi sismologi, Twitter è più veloce di qualsiasi rete sismografica e assicura un buon livello di precisione geografica.

Si può decidere, ad esempio, di seguire gli account dei vari istituti di geofisica nazionali (come quello dell'INGV) ed essere aggiornati con un tweet non appena viene registrato un terremo di una certa rilevanza. Oppure creare delle liste e degli alert per alcuni hashtag (#terremoto, #earthquake, ecc.) e attendere che il feed venga aggiornato.

 

17 maggio 2014

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #terremoto #web

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.