I dieci motivi per cui Ubuntu sta avendo un enorme successo nel Cloud

I dieci motivi per cui Ubuntu sta avendo un enorme successo nel Cloud

Ubuntu, il sistema operativo semplice ed elegante nato nel 2004, è usato da 20 milioni di persone in tutto il mondo ogni giorno, anche se all'inizio nessuno ci avrebbe mai creduto
I dieci motivi per cui Ubuntu sta avendo un enorme successo nel Cloud FASTWEB S.p.A.

Microsoft si sarebbe prefissata l'obiettivo ambizioso di portare Windows 10 su 1 miliardo di dispositivi. Ma il sistema operativo che sta facendo meraviglie nel cloud, desktop, mobile e IoT è Ubuntu. Questo OS open source basato su Debian ha avuto molto successo da quando IaaS è diventato il sistema comune per eseguire carichi di lavoro del server nel cloud. Da AWS a OpenStack, Ubuntu è l'OS preferito dagli amministratori di sistema e dai professionisti DevOps. Qui ci sono alcune informazioni interessanti su Ubuntu che spiegano il suo grande successo.

1 Gli utenti Docker amano Ubuntu 

Da gennaio 2016, oltre 37,5 milioni di utenti di Docker hanno lanciato un contenitore di Ubuntu, che include diverse versioni che vanno dal più popolare 14.04 al recente 16.04.

2 Ubuntu è il preferito Vagrant Box

Il popolare strumento open source DevOps che rende più facile configurare ambienti dev e test. Nel dicembre 2015, Ubuntu ha superato i 10 milioni di download attraverso Vagrant.

3 Nel 2015, oltre 2 milioni di processi Ubuntu sono stati lanciati nel cloud

Sulla base delle loro statistiche, 67 mila nuovi processi cloud di Ubuntu vengono lanciati ogni giorno! Ubuntu domina le implementazioni LaMP nel cloud.

4 Il 51% delle implementazioni OpenStack sono alimentate da Ubuntu 

La OpenStack Foundation svolge ogni anno un'indagine per ottenere un'istantanea sull'adozione di OpenStack. L'ultimo sondaggio ha dimostrato che Ubuntu domina la scena con il 51% delle implementazioni di OpenStack. Di cui il 33% eseguite in produzione. CentOS è al secondo posto con il 28 % delle implementazioni.

5 Wikipedia e Wikimedia sono alimentati da Ubuntu

Con oltre 18 miliardi di view al mese, Wikipedia è senza dubbio la più grande proprietà di content-driven del web. Sia Wikipedia e Wikimedia girano su uno stack LaMP basato su Ubuntu e Debian OS.

6 Il cloud di Walmart gira su Ubuntu

Walmart, il gigante del retail, è il simbolo dell'impresa di OpenStack. Il suo cloud privato alimentato da OpenStack gira su un computer layer da 150 mila core. Ubuntu è l'OS scelto per far eseguire l'intero stack eCommerce e il cloud OpenStack sottostante.

7 PaaS è alimentato da Ubuntu

Ogni sviluppatore che lancia la sua app su Cloud Foundry, o Heroku usa Ubuntu. Cloud Foundry è il cuore dei principali cloud ed è basata su Ubuntu.

8 Il supercomputer più avanzato esegue Ubuntu

Tianhe - 2, il progetto di supercalcolo sostenuto dal governo cinese è considerato il più potente supercomputer. Consuma 17.808 kW di energia equivalente alle esigenze di potenza di una piccola città. Ubuntu Kylin alimenta il supercomputer Tianhe – 2.

9 Snappy Ubuntu può connettersi al cloud da mobile

Snappy Ubuntu Core è la versione in miniatura di Ubuntu che è stata progettata per funzionare su qualsiasi cosa, da un telefono cellulare ad un cloud altamente scalabile.

10 Ubuntu gestisce alcune delle più grandi implementazioni cloud

Cos'hanno in comune Netflix, Uber, Lyft, Dropbox, Paypal, Snapchat, Pinterest, Reddit, e Instagram? Non sono solo gli esempi di implementazioni web-scale di successo, ma anche casi di studio per Canonical. Eseguono tutti Ubuntu.

13 gennaio 2016

Fonte: forbes.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail