Here One gli auricolari per manipolare il mondo

Here One, ecco gli auricolari wireless di Doppler Labs

Arrivano gli auricolari wireless che consentono di filtrare e alterare i suoni circostanti
Here One, ecco gli auricolari wireless di Doppler Labs FASTWEB S.p.A.

Sono a New York City ed è febbraio, sono nel seminterrato di un locale di Brooklyn. Sto aspettando che i Chumped, uno dei miei gruppi punk preferiti, si esibisca in uno dei loro ultimi concerti. Il gruppo spalla suona bene, pezzi indie un po' lenti, cosa che mi starebbe anche bene se non fosse che sembra un'introduzione inappropriata all'esibizione mozzafiato dei Chumped: è come se i loro sound non c'entrassero nulla l'uno con l'altro. Quindi ho deciso di cambiare.

Così ho indossato i miei auricolari wireless, ho tirato fuori il telefono e ho iniziato a giocare con un'app. Ho inserito un filtro audio e improvvisamente ho iniziato a sentire le chitarre produrre suoni metallici, la musica è in qualche modo migliorata. Anche se il trio che stava suonando di fronte a me non aveva cambiato nemmeno una singola nota, nelle mie orecchie la differenza era radicale.

Questo è il genere di potere a cui alludeva la Doppler Labs quando ha lanciato Here Activate Listening System sulla piattaforma KickStarter, nel 2015. Auricolari smart e wireless, che permettono di filtrare e alterare i suoni del mondo circostante. A metà 2016, poi, Doppler ha annunciato anche il suo nuovo prodotto: gli auricolari Here One. Essenzialmente una versione più potente degli Here Active, che consentono anche di trasmettere musica dal telefono. Questo è il tipo di prodotto che potrebbe far avvicinare la Doppler all'obiettivo di riuscire a "mettere un computer nelle orecchie".

Il nuovo modello ha anche un design decisamente innovativo. Noah Kraft, l'amministratore delegato della Doppler Labs ha affermato che gli Here One non sono significativamente più leggeri, ma semplicemente più equilibrati. L'interno di questi auricolari è più sagomato, dando una piacevole sensazione di comfort e una tenuta migliore. Per quanto riguarda la capacità di filtrare i suoni esterni, invece, questi auricolari sono in grado di catturare suoni provenienti da direzioni diverse. Kraft ha ribaltato la convinzione che i suoni che le cuffie erano in grado di catturare potessero essere soltanto quelli provenienti da davanti, mentre invece, vengono percepiti anche quelli alle spalle.

La app consente inoltre di poter regolare il volume del suono proveniente da qualsiasi direzione utilizzando un'interfaccia che è simile a quella di un grafico radar. La schermata principale dell'app è pensata per essere la cosa su cui gli utenti dovrebbero soffermarsi di più. Infatti da qui è possibile controllare i livelli di volume dei suoni esterni, dei suoni prodotti da altre app o di qualsiasi rumore per cui abbiate attivato un filtro.

Ma le sorprese non sembrano finire qui. Doppler, infatti, sta lavorando su una versione di Here One in grado di svolgere traduzioni simultanee, sebbene Kraft abbia dichiarato che è ancora presto per poter pensare di consegnare questo tipo di prodotto al mercato. Un obiettivo più raggiungibile, invece, sembrerebbe essere l'app che è in grado di suggerire filtri audio, come ad esempio la sirena di un'ambulanza o il pianto di un bambino e che l'utente potrebbe istantaneamente percepire.

Doppler presta sempre molta attenzione ai dettagli quando parla di ciò che sono in grado di fare gli auricolare Here Active. Il rullante è troppo forte? È possibile regolare il volume attraverso la app. Non si sente bene la voce del cantante? È possibile aumentarne la frequenza. La nostra applicazione e questi auricolari possono assolutamente realizzare queste modifiche, come sostiene Liz Lopatto, l'editor scientifica di Verge, la quale ha testato questi auricolari durante il Coachella, notandone la capacità di rendere meno impattante un evento così grande.

"In un certo senso, questo sembra proprio il modello di auricolari wireless che stavo aspettando. E anche se filtrano i suoni, non potranno mai isolarmi completamente dal mondo esterno. Offrono semplicemente la possibilità di controllare i suoni che mi circondano, questo è qualcosa che io ho desiderato sin dalla prima volta che provato gli auricolari Bragi Dash", ha affermato.

Con questo prodotto Doppler sta costruendo le basi per una piattaforma audio smart, grazie alla quale sarà legittimo dire che c'è dell'intelligenza artificiale nelle nostre orecchie. Il fatto che questo tipo di tecnologia possa essere disponibile per tutti solleva un sacco di domande. Ma anche se sembra qualcosa di lontano, sarebbe giusto iniziare a cercare delle risposte, poiché gli Here One inizieranno il loro viaggio il mese prossimo e saranno disponibili sul mercato mondiale all'inizio del 2017.

27 ottobre 2016

Fonte: theverge.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail