Doodle

Google, un doodle sul test della personalità Rorschach

Big G celebra così il 129esimo anniversario della nascita dello psichiatra svizzero che ideò il test
Google, un doodle sul test della personalità Rorschach FASTWEB S.p.A.

E' dedicato ai 129 anni dalla nascita dello psichiatra svizzero Hermann Rorschach, l'ideatore delle macchie alla base del famoso test della personalità, il doodle di Google di oggi. E' possibile scorrere tra diverse immagini premendo le frecce all'interno dell'animazione o usando la tastiera. Cliccando sul link 'Condividi quello che vedi' si apre invece un popup che mostra i collegamenti ai social network Facebook, Twitter e G+ per condividere la propria interpretazione.

Nato a Zurigo l'8 novembre 1884,  Rorschach si appassionò di un gioco all'epoca assai diffuso, la Kleksografia, che consisteva nel versare macchie d'inchiostro colorato su un foglio di carta che veniva poi ripiegato in due per ottenere effetti simmetrici. Da quella passione nacque negli anni successivi il test che ancora oggi porta il suo nome e che consiste in dieci immagini, all'apparenza formate da macchie di inchiostro perfettamente simmetriche. In realtà non sono macchie casuali, ma disegni dello stesso Rorschach. Rorschach notò che i pazienti malati di schizofrenia facevano associazioni radicalmente diverse dal resto delle persone ed elaborò il suo test, che presentò nel 1921, per diagnosticare la malattia. Più avanti fu utilizzato in modo più ampio come test della personalità.

8 novembre 2013

 

La Redazione
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail