FLoC

Google testa i FLoC su Chrome, cosa sono e come funzionano

È l’alternativa ai cookie, e Google inizia a sperimentarli all’interno del suo browser
Google testa i FLoC su Chrome, cosa sono e come funzionano FASTWEB S.p.A.

Google ha annunciato oggi che sta lanciando i “Federated Learning of Cohorts” (FLoC), una parte cruciale del suo progetto Privacy Sandbox per Chrome, come test iniziale per sviluppatori.

I FLoC vogliono essere un'alternativa al tipo di cookie che le società di tecnologia pubblicitaria utilizzano oggi per tracciare gli utenti sul web.

Invece di un cookie che identifica l’utente personalmente, il FLoC viene eseguito localmente e analizza il comportamento di navigazione per raggruppare l’utente in un determinato gruppo di persone che la pensano allo stesso modo e con interessi simili (e non condivide la cronologia di navigazione con Google). Quel gruppo sarà così abbastanza specifico da consentire agli inserzionisti di mostrare annunci pertinenti, ma senza essere così specifico da consentire agli operatori di marketing di identificare personalmente l’utente.

Questa "pubblicità basata sugli interessi", come piace chiamarla a Google, consente di nascondere la nostra identità personale tra la folla di utenti con interessi simili. Il browser visualizza un ID di gruppo, mentre tutta la cronologia di navigazione e altri dati rimangono in locale.

La sperimentazione inizierà negli Stati Uniti, Australia, Brasile, Canada, India, Indonesia, Giappone, Messico, Nuova Zelanda e Filippine. Nel tempo, Google prevede di ridimensionarlo a livello globale. Come abbiamo appreso all'inizio di questo mese, Google non sta eseguendo alcun test in Europa a causa delle preoccupazioni relative al GDPR e ad altre normative sulla privacy (in parte, perché non è chiaro se gli ID FLoC debbano essere considerati dati personali ai sensi di questi regolamenti).

Gli utenti potranno rinunciare a questo test iniziale, proprio come potranno farlo con tutte le altre prove di Privacy Sandbox. Non sorprende che, dato il modo in cui il FLoC sconvolge molti dei sistemi di pubblicità online esistenti, non tutti amano questa idea. Gli inserzionisti ovviamente vorrebbero poter continuare a scegliere come target singoli utenti, anche se i dati preliminari di Google mostrano che l'utilizzo di questi gruppi porta a risultati simili."

Google osserva che i propri prodotti pubblicitari avranno lo stesso accesso agli ID FLoC dei suoi concorrenti nell'ecosistema degli annunci.

Ma non è solo l'industria della pubblicità a guardare con scetticismo a questo progetto. Anche i sostenitori della privacy non sono completamente d'accordo sull'idea. L'EFF, ad esempio, sostiene che i FLoC renderanno più facile, per le società di marketing che lo desiderano, acquisire le impronte digitali degli utenti in base ai vari ID FLoC che espongono, ad esempio. Questo è un punto che Google sta affrontando, ma resta da vedere quanto bene funzionerà.

Nel frattempo, gli utenti probabilmente preferirebbero semplicemente navigare sul web senza vedere annunci (indipendentemente da ciò che l'industria pubblicitaria potrebbe volerci far credere) e senza doversi preoccupare della propria privacy. Ma gli editori online continuano a fare affidamento sugli introiti pubblicitari per finanziare i loro siti.

Con tutti questi interessi divergenti, è sempre stato chiaro che le iniziative di Google non possono piacere a tutti. È un attrito che è sempre stato parte integrante del processo. E mentre altri fornitori di browser possono bloccare completamente annunci e cookie di terze parti, il ruolo di Google nell'ecosistema pubblicitario rende tutto un po' più complicato.

"Quando altri browser hanno iniziato a bloccare i cookie di terze parti per impostazione predefinita, eravamo entusiasti della direzione, ma preoccupati per l'impatto immediato", scrive nell'annuncio di oggi Marshall Vale, product manager di Google per Privacy Sandbox. "Entusiasti perché abbiamo assolutamente bisogno di un web più privato e sappiamo che i cookie di terze parti non sono la risposta a lungo termine. Preoccupati perché oggi molti editori fanno affidamento sulla pubblicità basata sui cookie per supportare i loro sforzi sui contenuti, e avevamo già visto che il blocco dei cookie stava già generando soluzioni alternative invasive per la privacy (come il fingerprinting) che erano ancora peggiori, per la privacy degli utenti. Nel complesso, abbiamo ritenuto che bloccare completamente i cookie di terze parti senza valide alternative per l'ecosistema fosse irresponsabile, e persino dannoso per il web libero e aperto di cui tutti godiamo".

Vale la pena sottolineare che i FLoC, così come le altre iniziative sandbox per la privacy di Google, sono ancora in fase di sviluppo. L'azienda afferma che l'idea è di imparare da queste prove iniziali e far evolvere il progetto di conseguenza.
 

Fonte: techcrunch.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail