Fastweb

Con il machine learning, Google migliora le traduzioni offline

Neurone artificiale Internet #intelligenza artificiale #machine learning Reti neurali "portatili" rese possibili da un nuovo chip Un gruppo di ricerca del MIT ha messo a punto un chip che permetterebbe di implementare reti neurali negli smartphone senza problemi di durata batteria
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Con il machine learning, Google migliora le traduzioni offline FASTWEB S.p.A.
Google Traduttore
Web & Digital
59 lingue supportate in modalità offline, una nuova funzionalità molto utile quando si viaggia

Attualmente c'è una grande differenza nell'utilizzo delle app di Google Translate su iOS e Android online e offline. Quando è possibile collegarsi a Internet le traduzioni sono di gran lunga migliori rispetto a quando sono offline.

Questo succede perché le traduzioni offline funzionano su un sistema di frasi, il che significa che usano una tecnica di traduzione automatica più vecchia rispetto ai sistemi basati sul machine learning nel Cloud a cui l'app ha accesso quando è online. Tutto questo cambierà, infatti Google sta implementando il supporto Neural Machine Translation (NMT) offline per 59 lingue nella sua app Translate.

Ad oggi solo un piccolo numero di utenti vi avrà accesso, ma verrà distribuito a tutti gli utenti nelle prossime settimane.

Di seguito l'elenco delle lingue supportate:

afrikaans, albanese, arabo, bielorusso, bengalese, bulgaro, catalano, cinese, croato, ceco, danese, olandese, inglese, esperanto, estone, filippino, finlandese, francese, galiziano, georgiano, tedesco, greco, gujarati, haitiano, creolo, ebraico, hindi, ungherese, islandese, indonesiano, irlandese, italiano, giapponese, jannada, coreano, lettone, lituano, macedone, malese, maltese, marathi, norvegese, Persiano, polacco, portoghese, rumeno, russo, slovacco, sloveno, spagnolo, swahili, svedese, tamil, telugu, thailandese, turco, ucraino, urdu, vietnamita e gallese.

In passato la questione non si sarebbe nemmeno presentata, in quanto i telefoni cellulari non avevano l'hardware giusto per questi modelli di apprendimento approfondito. Adesso invece grazie ai progressi in campo di hardware e software, questo non è più un problema e Google, Microsoft e altri hanno trovato anche il modo di comprimere questi modelli a una dimensione gestibile.
Il pacchetto, che va scaricato preventivamente, nel caso di Google ha una dimensione di 30-40 megabyte per lingua.

È giusto sottolineare che anche Microsoft ha annunciato una funzionalità simile per  la sua app Translator che usa una tecnica molto simile, ma per ora supporta solo una dozzina di lingue.

13 giugno 2018

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #google #intelligenza artificiale #reti neurali

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.