Gli smartphone uccidono la radio in Am

Gli smartphone uccidono le frequenze radio Am

Oltre alle nuove forme di fruizione di musica e news, a minacciare la radiofrequenza arrivano le interferenze dei cellulari evoluti
Gli smartphone uccidono le frequenze radio Am FASTWEB S.p.A.

Video Killed the Radio Star, intonavano i Buggles nei primi anni ‘80, celebrando l’avvento dei videoclip e inaugurando MTV. Oggi invece è l'era digitale a darle il colpo di grazia. In particolare a soffrirne sarebbe la modulazione AM, fulcro della diffusione delle notizie locali, sportive e religiose, un tempo protagonista negli anni d’oro della radio. Alla base dell’estinzione della radio AM ci sarebbero il web e le radio satellitari, oltre a Pandora e le tecnologie digitali. Ma non solo, ci sarebbe una nuova minaccia: l'aumento delle interferenze da smartphone e dell’elettronica di consumo, che riducono moltissimo il segnale.

Ajit Pai, membro della commissione federale Usa delle comunicazioni si sarebbe rivolto persino alla FCC, proponendo un piano  per salvare le radio locali statunitensi.

"Quando non si ha più carica, quando si perde il segnale o Internet va giù, le persone si affidano alla radio AM per ottenere le informazioni di cui hanno bisogno ", ha sottolineato Pai per giustificare l’importanza delle radio locali oggi.

Nel 1970 le stazioni AM negli Stati Uniti hanno rappresentato il 63% delle trasmissioni radio, oggi scese al 21%. Nemmeno la radio FM se la passa benissimo, con un 44% di share rispetto al 35% delle web radio.

10 settembre 2013

Fonte: nytimes.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail