Intelligenza artificiale

Furhat Robotics da un nuovo volto all'intelligenza artificiale

Il sistema Furhat utilizza la retroproiezione per mostrare un volto umano su una maschera
Furhat Robotics da un nuovo volto all'intelligenza artificiale FASTWEB S.p.A.

Nonostante un futuro con robot umanoidi realistici in stile Westworld potrebbe ancora essere molto lontano, il mondo della robotica nel 2018 è arrivato ad un punto piuttosto affascinante. Gli assistenti vocali ad intelligenza artificiale stanno diventando sempre più sofisticati e i robot su larga scala stanno diventando sempre più dinamici e mobili. Tuttavia, riunire tutti questi elementi disparati in un unico robot socialmente avanzato con cui sentirci a nostro agio, è ancora uno dei maggiori ostacoli per i produttori. In generale, i robot sono strani giochini androidi che assomigliano a animali da sci-fi o i loro tentativi di essere veramente realistici spesso li rendono un po' inquietanti.

La startup di Stoccolma, Furhat Robotics, ha lavorato per creare la prossima generazione di social robot. La sua soluzione, progettata per superare gli attuali limiti meccanici nella creazione di un'interfaccia umanoide davvero realistica, consiste nell'utilizzare la tecnologia di proiezione per trasferire una faccia su una base a forma di testa mobile.

Il sistema Furhat incorpora il motore di conversazione AI personalizzato sviluppato dall'utente in un'unità che contiene sistemi di tracciamento visivo in tempo reale. Una telecamera tiene traccia di chiunque stia comunicando con Furhat, consentendo alla testa, con tre gradi di libertà, di inclinarsi e mantenere il contatto visivo.

Attualmente sono state sviluppate tre maschere facciali standard per il sistema di retro-proiezione. È possibile utilizzare normali visi umani, maschili o femminili, proiettati su di essa, ma il video di lancio suggerisce che tutto è possibile, con esempi che vanno dai volti di animali a personaggi simili agli alieni di Avatar.

Il sistema sembra voler evitare di assomigliare esplicitamente alla struttura fisica di un volto umano. Piuttosto offrire una sorta di simulacro di una faccia che interagisce in tempo reale con gli umani. Questo offre un'interessante via di mezzo tra le facce di robot alieni e i goffi tentativi di assomigliare alle teste umane usando elementi in ??lattice e meccanici.

Abbiamo raggiunto il culmine dopo molti anni di ricerca e sviluppo dedicati sia internamente che attraverso il lavoro con partner industriali e tecnologici", afferma Samer Al Moubayed, CEO di Furhat. "Fin dai suoi inizi al KTH (Royal Institute of Technology) abbiamo portato Furhat a un punto in cui i social robot non sono più una speranza per il futuro ma una realtà di oggi."

Non è chiaro dove vedremo questa tecnologia apparire nel mondo reale. In questa fase l'azienda si occupa solo dei clienti aziendali, quindi non è possibile acquistarne uno privatamente. Disney, Merck e Honda sono tutte organizzazioni che secondo Furhat Robotics mostrano interesse per questa nuova interfaccia.
È possibile, quindi, che questa sia la prossima generazione di robot che vedremo nei parchi a tema nei prossimi anni o che seguiranno l'orientamento dei nuovi dipendenti delle grandi aziende.

8 novembre 2018

Fonte: newatlas.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail