Mark Zuckerberg in Italia

Facebook, Mark Zuckerberg Ŕ arrivato in Italia. Alle 16 la diretta

Mark Zuckerberg ha incontrato gli studenti dell'UniversitÓ Luiss di Roma. Ecco tutte le novitÓ emerse nella giornata romana
Facebook, Mark Zuckerberg Ŕ arrivato in Italia. Alle 16 la diretta FASTWEB S.p.A.

Lo aveva annunciato con un post sulla sua pagina Facebook, ma ora Mark Zuckerberg è ufficialmente sbarcato in Italia. Prima è andato a Modena, poi sino a Roma dove è stato accolto dagli studenti dell'Università Luiss di Roma. La direttà dell'incontro è stata trasmessa dal social network alle ore 16.00, cliccando qui potete riviverla.

Prima dell'incontro con gli studenti Zuckerberg, domenica 28 agosto 2016, ha visitato Ghirlandina, con tappa, insieme alla moglie Priscilla Chan, all'Osteria Francescana dello chef stellato Massimo Bottura. Il creatore di Facebook si è anche fermato ad Acetaia Villa San Donnino per conoscere i segreti della produzione dell'aceto balsamico.

L'arrivo in Italia di Zuckerberg è stato programmato anche per partecipare al matrimonio sul Lago di Como di Daniel Ek, fondatore e amministratore delegato di Spotify.

L'incontro col Papa


Poi l'arrivo in Vaticano dove ha incontrato Papa Francesco. "Sua santità e il giovane Ceo di Facebook hanno parlato di come usare le tecnologie di comunicazione per alleviare la povertà, incoraggiare una cultura dell'incontro, e fare arrivare un messaggio di speranza, specialmente alle persone più disagiate", ha spiegato il direttore della Sala stampa vaticana, Greg Burke.

Insieme a Matteo Renzi


Infine la stretta di mano con Matteo Renzi con il quale l'inventore di Facebook ha parlato "del terremoto della scorsa settimana e della foltà comunità degli utenti italiani che utilizzano il social", ha dichiarato in un post apparso sulla sua pagina.

Beneficenza per i terremotati


Durante l'incontro con gli studenti dell'Università Luiss di Roma Zuckerberg ha anche annunciato che Facebook Italia "donerà 500 mila euro sotto forma di AD credits alla Croce Rossa che potranno essere utilizzate sulla piattaforma Facebook per promuovere le attività di cui c'è maggiore bisogno: raccolta fondi, ricerca di volontari, richiesta di donazione di sangue, mettersi in contatto con le persone che hanno bisogno di un posto in cui stare".

I temi trattati


Oltre all'opera benefica annunciata, Mark Zuckerberg ha parlato anche di altre importanti tematiche riguardanti Facebook e più in generale le tecnologie.

1) In tema di sicurezza ha voluto ribadire l'importanza del Safety Check ultimamente introdotto dal social network. Con 300 mila persone che lo hanno utilizzato il servizio si è rivelato un vero e proprio successo. Ma al di là del Safety Check, Facebook è stato usato, durante il terremoto, anche e soprattutto per mettersi in contatto e per aiutare chi ha bisogno. Ad esempio un ristorante ha utilizzato la sua pagina Facebook per chiedere agli uenti del social di donare un euro per ogni piatto di pasta all'amatriciana consumata. Una iniziativa che ha visto l'adesione di oltre 700 ristoranti.

2) Mark Zuckerberg ha poi voluto parlare anche di imprenditorialità legata alle nuove tecnologie. In Italia più di 28 milioni di persone usano Facebook ogni mese (citca l'80% ha quindi un accesso a Internet). Questo consente un maggiore sviluppo dell'e-commerce. Tanto nello Stivale come negli altri Paesi europei e negli Usa. Da qui anche la volontà di creare Facebook Start, un programma ideato dal social network per aiutare le startup di telefonia ad avere maggiore successo. "Se vuoi costruire qualcosa, dovresti focalizzarti su quali cambiamenti vorresti fare nel mondo. Io vedo troppi imprenditori che decidono di voler avviare un'azienda prima ancora di sapere cosa vogliono costruire. Per me è necessario sapere prima qual è l'impatto che si vuole avere e cosa si vuole fare", ha spiegato durante l'incontro con gli studenti romani.

3) Poi la questione più cara, quella legata alla realtà virtuale. "La VR, ed eventualmente la realtà aumentata, ha il potenziale per essere la piattaforma più social mai costruita", ha spiegato Zuckerberg. Secondo il Ceo di Facebook questa nuova tecnologia ha un enorme potenziale sociale: "Perché si sta creando presenza. Ti senti come se fossi con qualcuno anche se sei dall'altra parte del mondo. È diverso da qualcosa come guardare la Tv", ha aggiunto. Eppure per la realtà aumentata ci vorrà ancora un po' di tempo prima che prenda piede e sia soprattutto ottimizzata.

4) Entro la fine di settembre 2016 Mark Zuckerberg ha inoltre promesso di svelare al mondo il suo maggiordomo virtuale. Il progetto si inserisce in un sistema di riconoscimento facciale e vocale che permetterà al Ceo di Facebook di comandare comodamente seduto in poltrona la sua abitazione. "Posso controllare le luci, le porte, la temperatura con grande dispiacere di mia moglie perché il sistema è programmato per ascoltare solo la mia voce", ha scherzato Zuckerberg.

29 agosto 2016

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail