MIT Emerald

Emerald, un box per rilevare il respiro dei pazienti affetti da coronavirus

Il MIT ha sviluppato un box wireless in grado di rilevare in casa il movimento e la respirazione dei pazienti COVID-19
Emerald, un box per rilevare il respiro dei pazienti affetti da coronavirus FASTWEB S.p.A.

La pandemia COVID-19 ha presentato una sfida senza precedenti per gli operatori sanitari. Tra le maggiori sfide vi sono le questioni di distanziamento sociale, che hanno richiesto nuovi approcci per diagnosticare e curare le malattie.

Per molti che hanno già ottenuto risultati positivi, i soggiorni a casa sono l'opzione migliore per evitare di affollare un sistema ospedaliero già estremamente sovraccaricato in molte aree e per evitare di infettare altri. La domanda, quindi, è come i medici e gli infermieri possano continuare a fornire il trattamento in remoto con gli attuali limiti della telemedicina.

Il CSAIL del MIT questa settimana hanno fatto luce sugli studi in corso condotti su un nuovo dispositivo progettato per tenere sotto controllo i pazienti a casa. Questo sistema, chiamato Emerald, assomiglia superficialmente a un router Wi-Fi, montato su una parete di casa del paziente.

Utilizza segnali wireless per rilevare una vasta gamma di attività diverse, inclusi i movimenti dei pazienti, i modelli di sonno e persino - soprattutto - la respirazione. Emerald è in grado di distinguere tra persone diverse, usando l'intelligenza artificiale per tracciare il movimento.

Il sistema è attualmente in fase di test presso la struttura Heritage Assisted Living fuori Boston. "È chiaro che, specialmente i pazienti anziani ad alto rischio, trarrebbero grandi benefici dal fatto che siamo in grado di raccogliere passivamente i dati medici nel tempo quando non è possibile interfacciarsi direttamente con ogni persona", ha detto il capo della salute mentale della struttura William McGrory in una liberatoria.

Alla domanda sul perché un sistema wireless sia preferibile a un semplice dispositivo indossabile, un rappresentante CSAIL ha dichiarato a TechCrunch che la natura della tecnologia è autonoma una volta installata, ovvero non richiederebbe alcuna interazione da parte del paziente dopo la configurazione iniziale.

15 aprile 2020

Fonte: techcrunch.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail