Ecco il Raspberry Pi Zero 2 W: aumento delle prestazioni rispetto al suo predecessore

Ecco il Raspberry Pi Zero 2 W: aumento delle prestazioni rispetto al suo predecessore

Le funzionalità Wi-Fi e Bluetooth sono state aggiunte all'inizio del 2017 e per cinque dollari in più e ora lo Zero W è entrato nella sua seconda generazione
Ecco il Raspberry Pi Zero 2 W: aumento delle prestazioni rispetto al suo predecessore FASTWEB S.p.A.

Nel 2015, la Raspberry Pi Foundation ha lanciato un project board da cinque dollari chiamato Pi Zero per i principianti. Le funzionalità Wi-Fi e Bluetooth sono state aggiunte all'inizio del 2017 per cinque dollari in più e ora lo Zero W è entrato nella sua seconda generazione.

Lo Zero è stato progettato come una versione più piccola, più economica e ovviamente meno capace della serie di schede Raspberry Pi, immensamente più popolari e delle dimensioni di una carta di credito rilasciate per la prima volta nel 2012. Il motivo è che, in molte parti del mondo, alcuni riparatori potrebbero dover lavorare con budget estremamente ridotti. La funzionalità wireless integrata è seguita circa 15 mesi dopo.

Sembrando molto simile al suo predecessore, il Pi Zero 2 W utilizza lo stesso Broadcom BCM2710A1 del system-on-chip BCM2837 trovato nella versione di lancio del Pi 3, sebbene per questa uscita i core Arm del processore Cortex-A53 siano stati ridotti a 1 GHz. Questo è stato quindi combinato con un Micron LPDD2 da 4 Gb per 512 MB di RAM di sistema integrata, per un potenziale aumento delle prestazioni fino a cinque volte rispetto alla prima generazione W.

La piccola scheda è dotata delle stesse funzionalità Wi-Fi 802.11n di prima, ma il Bluetooth ottiene un aggiornamento a 4.2 BLE, ottieni anche un'intestazione I/O a 40 pin come prima, un connettore per fotocamera CSI-2, un host OTG USB 2.0 interfaccia, porta mini HDMI e slot per schede microSD.

La nuova scheda utilizza spessi strati interni di rame per allontanare il calore dal processore, il che rende lo Zero 2 W un po' più pesante del suo predecessore. Ma la Fondazione afferma che praticamente tutte le custodie e gli accessori progettati pensando all'originale Zero W sono compatibili con il nuovo modello, quindi dovrebbe essere possibile effettuare un upgrade hardware senza troppi problemi.

Lo Zero 2 W è ora disponibile per 15 dollari, cinque dollari in più rispetto allo Zero W ancora sul mercato. Il nuovo modello debutta anche con un nuovo alimentatore USB simile a quello utilizzato nel Pi 4, ma con un connettore micro-B invece di un connettore USB-C e una corrente di picco di 2,5 A. Questo nuovo alimentatore costerà 8 dollari in più ed è disponibile con attacchi specifici a seconda del paese. Il breve video qui sotto mostra maggiori dettagli.

Fonte: newatlas.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail