DuckDuckGo

DuckDuckGo pubblica la lista dei web tracker più diffusi

I produttori di browser utilizzeranno un elenco accuratamente creato e condiviso di aziende che tracciano l'attività online
DuckDuckGo pubblica la lista dei web tracker più diffusi FASTWEB S.p.A.

DuckDuckGo, il produttore del motore di ricerca e della tecnologia del browser che non traccia le attività online degli utenti, sta condividendo i dati raccolti sui tracker online con altre società in modo che possa proteggere la vostra privacy in rete.

La società ha riferito che giovedì avrebbe iniziato a condividere un set di dati chiamato Tracker Radar che dettaglia 5.326 domini Internet utilizzati da 1.727 aziende e organizzazioni che tracciano le attività online. I dati sono disponibili a chiunque, e il produttore di browser Vivaldi ha dichiarato martedì di aver già iniziato a farlo. "Ce ne saranno altri che lo useranno, compresi i browser più ampiamente utilizzati rispetto a Vivaldi", ha dichiarato il fondatore di DuckDuckGo e amministratore delegato Gabriel Weinberg in un'intervista esclusiva a CNET.com

I dati e la sua adozione riflettono la crescente importanza della protezione della privacy. Il settore della pubblicità online è uno dei più grandi nemici della privacy, in quanto crea profili di utenti in modo che possa indirizzare gli annunci in modo più efficace. Apple ha da tempo spinto per una migliore tutela della privacy. Ora anche le più grandi compagnie pubblicitarie online, tra cui Google e Facebook, affermano che è una priorità.

Circa il 32% di noi ha intrapreso alcune azioni per proteggere la propria privacy online, secondo un sondaggio di Cisco. Ciò include l'adozione di browser che bloccano i tracker come Safari, Brave, Mozilla Firefox, Microsoft Edge o i browser mobile offerti da DuckDuckGo per telefoni Android e iPhone. Ci sono anche estensioni per browser come Ghostery, Privacy Badger e le opzioni di DuckDuckGo.

Gli utenti web hanno scaricato i browser di DuckDuckGo e le estensioni del browser 20 milioni di volte nel 2019 e lo stanno facendo a una velocità di circa 100.000 al giorno, ha rivelato Weinberg. DuckDuckGo, un'azienda redditizia con 83 dipendenti che ha alimentato 3,3 miliardi di ricerche finora quest'anno, sta decisamente incassando da questa tendenza. I risultati di ricerca di DuckDuckGo mostrano gli annunci forniti da Microsoft, ma basa tali annunci sui termini di ricerca, non su altre attività online o raccogliendo informazioni personali.

Quindi, se sta facendo soldi attraverso la privacy, perché dare via i suoi dati Radar Tracker?  Weinberg riconosce che il rilascio dei dati potrebbe "cannibalizzare" il proprio prodotto di estensione del browser, ma questa non è l'unica priorità dell'azienda. "La nostra visione è quella di elevare lo standard di fiducia online", ha detto Weinberg. "Questa visione supera il potenziale di profitto."

Chiunque può utilizzare i dati del Radar Tracker, che DuckDuckGo aggiorna una volta al mese. Ma per coloro che desiderano l'aiuto dell'azienda utilizzando i dati, DuckDuckGo lo autorizza anche a pagamento per coprire i costi, ha affermato.

Arrestare i tracker bloccando le interazioni del browser con i siti di monitoraggio potrebbe sembrare semplice, ma ci sono complicazioni nella tecnologia.

In particolare, il blocco del tracker può causare problemi con i siti web, come impedire la riproduzione di video, impedire di completare le transazioni e-commerce e interrompere i processi di accesso. DuckDuckGo verifica la presenza di tali problemi e, nei propri browser ed estensioni, cerca di aggirarli con il codice che risolve i problemi senza rilasciare informazioni personali.

Esistono anche altri elenchi di tracker, come il Disconnect, e alcuni browser come Edge e Firefox li utilizzano già. DuckDuckGo compila i suoi dati Tracker Radar analizzando numerosi siti web. Annota i dati con altre informazioni, se ad esempio è probabile che il blocco di un tracker possa rompere un sito, in modo che chiunque lo utilizzi può scegliere il miglior equilibrio tra privacy e convenienza.

6 marzo 2020

Fonte: cnet.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail