Fastweb

Diritto all'oblio, Google rimuove 440 mila link

HarmonyOS Smartphone & Gadget #huawei #harmony Huawei lancia HarmonyOS, l'ecosistema operativo per smartphone e IoT Si concretizza la soluzione "anti-Android" di Huawei. Si chiama HarmonyOS e punta a essere installato su dispositivi di ogni tipo, da smartphone a TV
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Diritto all'oblio, Google rimuove 440 mila link FASTWEB S.p.A.
Diritto all'oblio, Google rimuove 440 mila link
Web & Digital
Da maggio 2014 ricevute 348 mila richieste, 26 mila solo da italiani

Sono in tutto 440 mila i link cancellati da Google a un anno e mezzo dalla sentenza della Corte di Giustizia Ue sul diritto all'oblio che garantisce la possibilità di cancellare sui motori di ricerca i link a notizie ritenute inadeguate o non più pertinenti.

Lo rende noto Big G nel Report sulla trasparenza, in cui spiega che dal maggio 2014 a oggi ha ricevuto 348 mila richieste da parte degli europei (26mila da utenti italiani) inerenti a 1,2 milioni di link. L'Italia è il quinto Paese Ue per numero di richieste inviate: 26.186, che coinvolgono 85mila link, mentre 21 mila sono i link cancellati finora. A seguire la Francia i cui utenti hanno inviato 73 mila richieste, la Germania 60 mila, il Regno Unito 43 mila e la Spagna 33 mila.

Nel valutare ogni richiesta Google ha tenuto conto soprattutto dei diritti della persona e anche l'interesse pubblico per i contenuti. In Italia, così, Big G ha detto sì alla richiesta di una donna di veder rimossa dal motore di ricerca la pagina contenente un articolo, vecchio di decenni, relativo all'omicidio del marito, in cui era citato il suo nome. Al contrario ha risposto in maniera negativa a diverse richieste inviate da una persona per la rimozione di una ventina di link ad articoli recenti sul suo arresto per reati finanziari commessi in ambito professionale.

Tra i siti più colpiti, si legge nel report, il primo è Facebook, con oltre 10 mila link rimossi. Non sono stati esenti nemmeno Google GruppiGoogle Plus, YouTube e Twitter.

26 novembre 2015

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #google #corte di giustizia ue #facebook #google gruppi #google plus #youtube #twitter

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.