Link

Cos'è e come funziona il deep linking

Si tratta di un collegamento 'in profondità' che, aggirando l'home page del portale, permette di raggiungere direttamente un risorsa web specifica
Cos'è e come funziona il deep linking FASTWEB S.p.A.

Non tutti i link sono uguali. Anche se esteriormente i collegamenti che si possono creare tra le varie pagine web sembrano somigliarsi l'uno con l'altro, ci sono delle differenze di fondo che permettono, a chi ha un “occhio allenato”, di creare diverse categorie di hyperlink e collegamenti. In particolare, è possibile suddividere tutti i link web tra deep link (traducibile con “collegamento in profondità”, a volte chiamato anche direct link, ovvero “link diretto”) e surface link (“collegamento di superficie”).

Cos'è il deep linking

In particolare, quando si parla di deep linking, ci si riferisce a un collegamento ipertestuale che indirizza l'internauta verso una specifica risorsa presente nel web (può essere un'altra pagina web, un'immagine, un video o un altro file multimedialE) non presente nell'home page del portale stesso. Il deep linking, quindi, permette di “aggirare” la pagina principale del sito e conduce direttamente (da qui, direct linking) verso una pagina interna del sito web che si vuole visitare. Questo tipo di collegamento permette, dunque, di scendere in profondità (deep in inglese) nella mappa del sito, mentre un collegamento verso la home page del sito fa restare solo sulla superficie (surface in inglese) del sito stesso.

 

Link

 

Tipologie di link

Anche se le specifiche del protocollo HTTP non prevedono una suddivisione gerarchica o tipologica dei link, come abbiamo visto è comunque possibile differenziarli e categorizzarli. Il livello della struttura, infatti, è primariamente logico ed è dato dall'ordine nel quale le pagine web sono presentate all'utente. Ad esempio, anche se la home page non ha una preminenza gerarchica rispetto alle altre pagine, agli occhi del visitatore avrà una maggiore importanza logica rispetto alle altre pagine.

Un link (che altro non è che un URL che indirizza verso una risorsa web) potrà dunque puntare a varie tipologie di risorse presenti nei server web e, in questo modo, “auto-categorizzarsi”.

  • Surface link. Un collegamento può indirizzare l'internauta verso l'home page del sito (ad esempio, www.fastweb.it), ovvero la pagina restituita dal web server nel caso in cui l'utente non inserisca ulteriori informazioni all'interno della barra degli indirizzi

  • Link di profondità. Il deep linking, invece, permette di raggiungere una pagina o una risorsa specifica del sito, specificando l'indirizzo del portale e il nome del file (ad esempio, http://www.fastweb.it/internet/come-testare-software-sul-proprio-pc-senza-correre-rischi)

  • Link di sezione. Inserendo ulteriori informazioni e specifiche, un link può condurre anche verso una specifica sezione di una pagina web: sarà sufficiente aggiungere il carattere “#” al termine del deep link e inserire successivamente il nome della sezione cui si vuole indirizzare (ad esempio, http://it.wikipedia.org/wiki/Sito_web#Tipologie_di_siti_web)

  • Link “applicativo”. Un link, infine, può condurre a un'applicazione che richiede dei parametri. In questo caso si aggiunge il carattere “?” subito dopo l'indirizzo web di superficie in modo da inserire i parametri dell'applicazione cui si fa riferimento (ad esempio, https://www.youtube.com/watch?v=YXwYJyrKK5A)

Tecniche di deep linking

A sua volta, il deep linking può essere suddiviso in varie tipologie, determinate dalle tecniche utilizzate per creare il collegamento diretto tra le varie risorse web. La forma più semplice e immediata di direct linking è quella che esplicita chiaramente, all'interno della pagina, che il collegamento fa riferimento a risorse web esterne al sito che si sta visitando.

Il framing è un'altra tecnica, meno trasparente e diretta, di deep linking. Il link verso la “risorsa-obiettivo” è inquadrato all'interno di una finestra (frame) del sito che si sta visitando, senza però specificare che il collegamento indirizza verso una risorsa esterna al portale stesso. Anche se non si tratta di una pratica in sé illegale o illegittima, potrebbe nascondere diverse insidie per l'internauta: qualche malintenzionato potrebbe sfruttare questo meccanismo per indirizzare il traffico verso un sito di phishing o un portale fraudolento.

 

Link

 

Una variante del framing, infine, utilizza un particolare elemento del linguaggio HTML (lo HTML Iframe) e può costituire una seria minaccia per l'internauta che visita il portale. Questa tecnica, infatti, permette di portare attacchi informatici utilizzando il cosiddetto Cross-site scripting e mettere in pericolo l'integrità del sistema informatico utilizzato per navigare.

Buoni o cattivi?

L'utilizzo del direct linking, pur rappresentando una tecnica pienamente legittima da un punto di vista tecnologico e giuridico, ha provocato non poche polemiche. In alcuni casi, infatti, il deep linking può provocare ingenti danni economici ai gestori del “sito-bersaglio”. Se da un lato il collegamento verso una risorsa del portale farà aumentare il numero di visitatori e, di conseguenza, il consumo di banda, dall'altro permetterà di “aggirare” le inserzioni pubblicitarie e i banner presenti nella home page del sito stesso. Nel caso in cui i proventi pubblicitari siano legati al numero delle visite ricevute, si capisce immediatamente che il deep linking potrebbe provocare una sorta di danno economico al portale “oggetto”.

Negli anni passati si sono avute diverse dispute legali a tal proposito, ma una sentenza della Corte di giustizia europea del 2014 mette fine a ogni dubbio: è perfettamente legale creare dei collegamenti verso contenuti protetti da diritto d'autore ed ospitati su portali esterni a quello di partenza.

Copyright © CULTUR-E
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail