Google

Coronavirus, Google analizza e mappa gli spostamenti nei diversi paesi

Google pubblica i rapporti sulla mobilità con la cronologia delle posizioni degli utenti
Coronavirus, Google analizza e mappa gli spostamenti nei diversi paesi FASTWEB S.p.A.

Google sta fornendo al mondo una visione più chiara di ciò che sa sulle persone - usando la crisi del coronavirus come un'opportunità per riconfezionare il suo monitoraggio di dove gli utenti vanno e cosa fanno nel mezzo di una pandemia.

Oggi, in un post sul blog, il colosso della tecnologia ha annunciato la pubblicazione del COVID-19 Community Mobility Reports, un'analisi interna dei dati di localizzazione usati per alimentare il suo sistema di pubblicità targettizzata, lo sviluppo dei prodotti e una più ampia strategia commerciale, per mostrare i cambiamenti nei movimenti della popolazione in tutto il mondo.

La pandemia di coronavirus ha generato una confusione mondiale di strumenti e dati per tenere informati i governi. Nell'UE, ad esempio, la Commissione Europea si è appoggiata alle Telco per raccogliere dati anonimi e aggregati sulla posizione delle persone e per creare un modello sulla diffusione di COVID-19.

La raccolta di dati di Google vuole ricalcare un'idea simile di utilità alle scelte politiche, fornendo allo stesso tempo un'istantanea che mette gli occhi sui cambiamenti di mobilità attraverso i dati estratti dalla sua base di utenti globale. In termini di utilità effettiva, i suggerimenti di Google sono piuttosto vaghi. I rapporti potrebbero aiutare i funzionari del governo e della sanità pubblica a "comprendere i cambiamenti nei viaggi essenziali, che possono dare forma alle raccomandazioni sull'orario di lavoro o ad informare sulle offerte di servizi di consegna", scrive. "Allo stesso modo, le visite alle stazioni di trasporto potrebbero indicare la necessità di aggiungere ulteriori autobus o treni al fine di consentire alle persone che hanno bisogno di viaggiare, di mantenere un minimo di distanziamento sociale", continua. "In definitiva, capire non solo se le persone viaggiano, ma anche le tendenze nelle destinazioni, può aiutare i funzionari a progettare una guida per proteggere la salute pubblica e le esigenze essenziali delle comunità."

I dati sulla geolocalizzazione che Google sta rendendo pubblici sono allo stesso modo confusi - per evitare di invadere la privacy - con la società che scrive che "utilizza la stessa tecnologia di anonimizzazione di livello mondiale che utilizziamo ogni giorno nei nostri prodotti". "Per questi rapporti, utilizziamo la privacy differenziale, che aggiunge un 'rumore artificiale' ai nostri set di dati, consentendo risultati di alta qualità senza identificare alcuna persona", scrive Google. "Le informazioni dettagliate vengono create con insiemi di dati aggregati e resi anonimi dagli utenti che hanno attivato l'impostazione di Localizzazione, solitamente disattivata per impostazione predefinita."

"In Google Maps, utilizziamo dati aggregati e anonimi che mostrano quanto sono affollati alcuni tipi di luoghi. Abbiamo sentito da funzionari della sanità pubblica che questo stesso tipo di dati aggregati e anonimizzati potrebbe essere utile per prendere decisioni critiche per combattere il COVID-19", aggiunge, collegando tacitamente una funzionalità già esistente in Google Maps a una richiesta del momento legata al coronavirus.

I report sono divisi per paese o per stato (con 131 paesi inizialmente coperti), ulteriormente suddivisi in regioni - Google che offre un'analisi di come la mobilità della comunità è cambiata rispetto alla media di base prima che COVID-19 arrivasse a cambiare qualunque cosa.

Quindi, ad esempio, un rapporto del 29 marzo per tutti gli Stati Uniti mostra un calo del 47% delle attività di vendita al dettaglio e ricreative rispetto al periodo precedente al coronavirus; un calo del 22% di generi alimentari e farmacia; e un calo del 19% nelle visite a parchi e spiagge, secondo i dati di Google. Mentre lo stesso report di data per la California mostra un calo considerevolmente maggiore di quest'ultimo (in calo del 38% rispetto al basale regionale); e diminuzioni leggermente maggiori sia nelle attività di vendita al dettaglio che in quelle ricreative (-50%) e alimentari e farmacia (-24%).

Google afferma di utilizzare "dati aggregati e anonimi per tracciare le tendenze dei movimenti nel tempo in base alla geografia, attraverso diverse categorie di luoghi di alto livello come negozi al dettaglio e luoghi ricreativi, negozi di alimentari e farmacie, parchi, stazioni di transito, luoghi di lavoro e residenziali". Le tendenze vengono visualizzate per diverse settimane, con le informazioni più recenti che rappresentano le 48-72 ore precedenti, aggiunge. La società afferma di non pubblicare il "numero assoluto di visite" come passaggio per la privacy, aggiungendo: "Per proteggere la privacy delle persone, nessuna informazione di identificazione personale, come la posizione di un individuo, i contatti o il movimento, è resa disponibile in qualsiasi momento".

Il rapporto sulla mobilità localizzata di Google per l'Italia, che rimane il Paese europeo più colpito dal virus, illustra l'entità del cambiamento rispetto alle misure di blocco applicate alla popolazione, con vendite al dettaglio e attività ricreative in calo del 94% rispetto al basale di Google; drogheria e farmacia in calo dell'85%; e un calo del 90% nei viaggi in parchi e spiagge.

Lo stesso rapporto mostra un calo dell'87% delle attività nelle stazioni; un calo del 63% dell'attività nei luoghi di lavoro; e un aumento di quasi un quarto (24%) di attività in aree residenziali - poiché molti italiani rimangono a casa invece di recarsi al lavoro.

Una cosa simile avviene in Spagna - un altro paese duramente colpito da COVID-19. Sebbene i dati di Google per la Francia suggeriscano che le istruzioni per rimanere a casa potrebbero non essere osservate tanto attentamente dai suoi utenti, con solo un aumento del 18% delle attività nelle aree residenziali e un calo del 56% delle attività nei luoghi di lavoro. (Forse perché la pandemia finora ha avuto un impatto meno grave sulla Francia, sebbene un numero di casi confermati e decessi continuino ad aumentare in tutta la regione.)

Sebbene i responsabili delle politiche abbiano cercato dati e strumenti per fondare le loro risposte a COVID-19, gli esperti di privacy e gli attivisti per le libertà civili si sono affrettati a esprimere preoccupazioni sugli impatti di tali sforzi alimentati dai dati sui diritti individuali, contestando al contempo l'utilità più ampia di alcuni di questo tracciamento.

Il tracciamento dei contatti è un'altra area in cui le app per le emergenze vengono  pubblicizzate come una potenziale soluzione per far uscire l'Occidente dai blocchi della popolazione che stanno schiacciando l'economia - i dispositivi mobili delle persone potrebbero diventare così uno strumento per imporre i blocchi, come è accaduto in Cina.

"La raccolta su larga scala di dati personali può portare rapidamente alla sorveglianza di massa", è il breve avvertimento di un trio di accademici del Computational Privacy Group dell'Imperial College di Londra, che hanno compilato le loro preoccupazioni sulla privacy rispetto alle applicazioni di tracciamento dei contatti di COVID-19 in una serie di otto domande che dovrebbero essere poste dagli sviluppatori di app.

Discutendo del rilascio di Google dei dati sulla posizione mobile per una causa come il COVID-19, il capo del gruppo, Yves-Alexandre de Montjoye, ha dato un assenso generale ai passi che l'azienda ha preso per ridurre i rischi per la privacy. Sebbene abbia anche chiesto a Google di fornire maggiori dettagli sui processi tecnici che sta utilizzando, in modo che i ricercatori esterni possano valutare meglio la solidità delle protezioni sulla privacy dichiarate. Tale scrutinio, sostiene, è di fondamentale importanza visti i così tanti dati relativi al coronavirus in corso in questo momento.

"È tutto aggregato; si normalizzano in base a una serie specifica di date; si limitano quando ci sono troppe persone e per di più aggiungono 'rumore' per rendere - secondo loro - i dati differenziati come privati. Quindi, dal punto di vista della pura anonimizzazione, è un buon lavoro", ha detto de Montjoye a TechCrunch, discutendo del lato tecnico del rilascio di dati sulla posizione da parte di Google. "Queste sono tre delle grandi leve che è possibile utilizzare per limitare il rischio. E penso che sia ben fatto." "Ma - specialmente in momenti come questo, in cui ci sono molte persone che usano questi dati - penso che sarebbe utile conoscere più dettagli. Ci sono molte ipotesi su come applicare la privacy differenziale, giusto? Che ci vengano rese note." ha aggiunto, chiedendo ad esempio quanto di questo 'rumore' sta aggiungendo Google ai dati personali degli utenti. "Sarebbe bello avere un po' più di dettagli su come hanno applicato la privacy differenziale. Soprattutto in tempi come questo è bello essere estremamente trasparenti."

Mentre il rilascio di dati sulla mobilità di Google potrebbe sembrare un doppione rispetto alla richiesta della Commissione dell'UE per i metadati Telco per il monitoraggio COVID-19, de Montjoye sottolinea che probabilmente ci saranno differenze chiave in base alle diverse fonti di dati. "È un compromesso tra i due", dice. "Fondamentalmente, i dati Telco sarebbero probabilmente meno dettagliati, perché il GPS è molto più preciso nello spazio e si potrebbero avere più punti dati per persona al giorno con un GPS, rispetto a quello che si può ottenere con il telefono cellulare. Ma d'altra parte i dati del gestore Telco sono molto più rappresentativi - non è solo lo smartphone e non sono solo le persone, che hanno latitudine attiva, sono tutti nel paese, inclusi i dispositivi non smartphone."

Potrebbero esserci domande specifiche per paese che potrebbero essere meglio affrontate lavorando con un corriere locale, ha anche suggerito. (La Commissione ha affermato che intende disporre di un vettore per Stato membro dell'UE che fornisca metadati anonimi e aggregati.) Sulla questione attuale se i dati sulla posizione possano mai essere veramente anonimizzati, de Montjoye - un esperto di reidentificazione dei dati - ha dato una risposta "sì e no", sostenendo che i dati sulla posizione originale sono "probabilmente molto, molto difficili da rendere anonimi".

"Puoi elaborare questi dati e rendere anonimi i risultati aggregati? Probabilmente, probabilmente no, probabilmente sì - dipende sempre. Ma poi potrebbe anche essere che esistano dati originali. Quindi è soprattutto una questione di controlli che hai messo in atto a garantire che il processo che porta alla generazione di tali aggregati non contenga rischi per la privacy", ha aggiunto.

Forse una domanda più grande relativa alla quantità dei dati sulla posizione di Google riguarda la questione del consenso legale per monitorare le persone e le domande legali che incombono sul consenso di Google per tenere traccia delle persone probabilmente spiegano i riferimenti ripetuti nel suo post sul blog alle persone che scelgono di aderire e che hanno la possibilità di cancellare la loro Cronologia delle posizioni tramite le impostazioni. ("Gli utenti che hanno attivato la Cronologia delle posizioni possono scegliere di disattivare l'impostazione in qualsiasi momento dal proprio account Google e possono sempre eliminare i dati della Cronologia delle posizioni direttamente dalla loro timeline ", scrive in un esempio.)

 

6 aprile 2020

Fonte: techcrunch.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail