Controllare un computer col pensiero

Controllare un computer col pensiero, primi test sugli esseri umani

Il sistema Stentrode consente ad un impianto cerebrale di controllare mentalmente un computer, nei primi test con esseri umani
Controllare un computer col pensiero, primi test sugli esseri umani FASTWEB S.p.A.

I test sull'uomo per un dispositivo unico nel suo genere, progettato per trattare il cervello tramite stimolazione elettrica, hanno portato alcuni risultati molto promettenti. Chiamato Stentrode, l'impianto ha il potenziale per trattare un'ampia gamma di condizioni neurologiche, ma in questi primissimi studi ha portato a significativi miglioramenti della qualità della vita per una coppia di uomini australiani affetti da malattia del motoneurone (MND).

Abbiamo visto per la prima volta il dispositivo Stentrode nel 2016, quando alcuni ricercatori in Australia hanno dimostrato un nuovo tipo di impianto nel cervello delle pecore. L'idea era di offrire un modo per registrare l'attività cerebrale e stimolare l'organo senza la necessità di un intervento chirurgico invasivo per inserire fili ed elettrodi.

Stentrode, invece, può essere impiantato attraverso una piccola incisione nel collo, con il dispositivo delle dimensioni di un fiammifero, quindi guidato attraverso un vaso sanguigno dai raggi X fino a quando non poggia sulla corteccia motoria, la regione del cervello responsabile della pianificazione e dell'esecuzione dei movimenti volontari. Qui è in grado di monitorare i segnali elettrici provenienti dal cervello e stimolare anche regioni cerebrali che corrispondono a particolari movimenti muscolari, come dimostrato negli studi preclinici sugli ovini.

Stentrode è stato impiantato per la prima volta in un paziente umano nell'agosto dello scorso anno, e successivamente in un altro soggetto nell'aprile di quest'anno. Questi due uomini australiani soffrono entrambi di MND, ed entrambi ora utilizzano la tecnologia a casa come parte delle loro attività quotidiane.

Phillip O'Keefe, il secondo ricevente, ha perso forza e flessibilità nelle sue braccia negli ultimi sei mesi a causa della progressione della malattia, che uccide lentamente i neuroni nel cervello e alla fine porta alla paralisi. Ciò gli ha impedito di utilizzare la tastiera del computer con le mani, ma ora sta riscuotendo un certo successo utilizzando invece il dispositivo Stentrode. L'impianto registra la sua attività cerebrale e la trasmette in modalità wireless a un piccolo ricevitore indossato sul petto e poi a un computer che traduce i segnali in comandi su schermo. Durante la prova, entrambi i soggetti sono stati in grado di utilizzare il dispositivo in questo modo per eseguire azioni di clic e zoom con una precisione superiore al 90%. Potrebbero anche essere in grado di digitare ad una velocità fino a 20 caratteri al minuto.

"Si tratta di ri-addestrare il cervello a funzionare in un modo diverso", dice O'Keefe. "È solo concentrazione, ma come andare in bicicletta, diventa naturale."

O'Keefe è ora in grado di utilizzare il sistema Stentrode per navigare in Internet, scrivere e-mail, lavorare part-time nell'inserimento dei dati e controllare il suo online banking. Pensando di muovere la caviglia sinistra, è in grado di eseguire un clic del mouse. "Portare a compimento questa tecnologia, per portarla ora alla fase clinica in cui può effettivamente aiutare qualcuno, è ciò che sognavamo quando abbiamo iniziato", afferma il neurologo Tom Oxley, che ha lavorato sul dispositivo Stentrode all'Università di Melbourne dal 2011.

Parte della motivazione originale per lo sviluppo di Stentrode era di consentire a chi soffre di paralisi di controllare esoscheletri robotici. I ricercatori affermano che questo rimane parte del piano a lungo termine, ma i prossimi sono ulteriori studi che esplorano come può essere utilizzato per svolgere le funzioni di base del computer, con il terzo partecipante alla sperimentazione che ha già ricevuto l'impianto. Il team spera di ricevere l'approvazione della FDA in circa cinque anni.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of NeuroInterventional Surgery

Fonte: newatlas.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail