Fastweb

Competenze digitali, cosa chiede il mercato del lavoro

ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Competenze digitali, cosa chiede il mercato del lavoro FASTWEB S.p.A.
Digital Skill
Web & Digital
La capacitÓ di utilizzare PC e altri dispositivi digitali ha un'importanza sempre maggiore nel mondo del lavoro. Ecco cosa cercano le aziende

Che un informatico, un ingegnere o un analista di big data debbano avere delle competenze digitali per eccellere nel loro lavoro è cosa risaputa. Che anche in altri settori a minor impatto tecnologico siano necessarie, quanto meno per i livelli apicali, competenze digitali avanzate in pochi lo avevano messo in conto. E invece è quello che emerge dalla quarta edizione dell'Osservatorio delle Competenze Digitali, condotto dalle principali associazioni ICT in Italia (AICA, Anitec-Assinform, Assintel e Assinter Italia con il supporto di CFMT, Confcommercio, Confindustria e in collaborazione con MIUR e AGID) e che ha esteso per la prima volta l'osservazione alle professioni non informatiche, quelle in cui si colloca il grosso degli occupati e dei candidati all'assunzione.

E, per l'appunto, è emerso un quadro per molti versi inatteso: analizzando le informazioni contenute in 540 mila ricerche di personale via web per 239 figure professionali avvenute nel 2017 (settori manifatturiero della meccanica e del fashion, piccolo commercio al dettaglio della moda, alberghi, ristorazione e settore pubblico) si scopre che nel 15% circa dei casi i candidati devono possedere competenze digitali avanzate, con punte del 63% e del 41% nelle aree "core" di industria e del commercio. E se per chi mastica pane e informatica le competenze digitali sono fondamentali per creare applicazioni o gestire sistemi, gli "altri" devono essere in grado di servirsene con efficacia per comunicare, vendere, produrre, amministrare, gestire il personale e così via.

 

Competenze digitali

 

Competenze digitali per tutti

Dall'analisi dei dati effettuata dall'Osservatorio competenze digitali emerge chiaramente una crescente richiesta di digital skill, indifferentemente dal settore. Se si prende come esempio il settore manifatturiero-industriale, si scopre che la richiesta di competenze digitali continua a crescere, tanto da essere considerata una componente imprescindibile sia per le attività caratteristiche dell'azienda (Core) sia per quelle di Supporto e Management. Nel primo caso, come già accennato, l'analisi ha evidenziato una richiesta di digital skill avanzate nel 15% delle inserzioni; nel secondo la percentuale cresce sino al 20%.

Discorso analogo per i settori dei Servizi e del Commercio, dove la percentuale di inserzioni con richiesta di competenze digitali è, in media, del 15% sia per le attività caratteristiche dell'azienda, sia per quelle di supporto e management. Insomma, indipendentemente dal settore e indipendentemente dalla tipologia di figura ricercata sul mercato del lavoro, possedere adeguate competenze tecniche e tecnologiche è diventato ormai di fondamentale importanza per trovare un'occupazione.

 

Anche nei settori più manuali sono richieste competenze digitali

 

Competenze digitali, cosa cerca il mercato

Visti i risultati ottenuti dall'analisi dei big data, la ricerca dell'Osservatorio è stata poi estesa alla tipologia di digital skill che il mercato del lavoro richiede ai nuovi candidati. Sono state così individuate quattro "aree tematiche" nelle quali racchiudere le varie tipologie di competenze digitali tipiche del mondo ICT e non solo: Applicate (capacità di usare strumenti e software nei processi operativi e decisionali), Tecniche ICT (vicine alle specialistiche, su soluzioni e piattaforme tecnologiche), di Base (per l'uso quotidiano di strumenti informatici) e di Brokeraggio Informativo (utilizzo di strumenti informatici per lo scambio di informazioni e la comunicazione).

Emerge così che le competenze di base – come la scrittura di un documento di testo con un editor informatico, tanto per fare un esempio – sono richieste mediamente nel 48% dei casi, con punte del 54% nel settore del commercio. Diversa, invece, la situazione negli altri settori, dove è maggiore la richiesta di skill avanzate (come quelle applicate e di tecniche ICT). Dai dati dell'Osservatorio emerge che le competenze digitali più complesse sono più apprezzati nei settori del manifatturiero e dei servizi, perché visti come fattori di una più evoluta professionalità. E questo si accentua per le attività più tipiche dell'azienda (Core) ove la rilevanza media degli skill avanzati sale al 63% nell'industria e al 41% nei Servizi.

 

Soft skill

 

Inoltre, emerge sempre più chiara una commistione tra le competenze digitali e le cosiddette soft skill, ossia quelle competenze lavorative trasversali un po' a tutti mestieri: apertura al cambiamento, conoscenza dell'inglese, problem solving, team working, pensiero creativo e così via.

Competenze digitali, le indicazioni dell'Osservatorio per il futuro

Per dare una risposta alla richiesta crescente di digital skill, gli esperti dell'Osservatorio hanno anche individuato quattro aree di intervento sulle quali impostare nuove iniziative e rafforzare quelle esistenti. Affinché ci siano sempre più candidati con competenze digitali elevate è necessario, prima di tutto, investire in formazione, rinnovando i percorsi educativi e formativi a tutti i livelli: dalla scuola secondaria all'università, dalla riconversione professionale alla formazione del management. Necessario, inoltre, ridurre l'eterogeneità nella domanda di competenze digitali nelle professioni, a livello settoriale, funzionale o territoriale, così da creare competenze "standard", più facili da formare e trovare.

 

Fondamentale la formazione

 

Come monitorare e migliorare le proprie competenze digitali

Appurato che le digital skill sono sempre più importanti per affacciarsi sul mercato del lavoro, indipendentemente dal lavoro che si cerca e dal settore nel quale lo si sta cercando, emerge il problema della loro rilevazione e del loro monitoraggio.

Una soluzione, valida e certificata, è rappresentata dal Digital IQ, realizzato da Fastweb con la collaborazione scientifica del dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell'Università Bicocca di Milano e degli psicologi e psicometristi di People&Business Value (azienda specializzata nella formazione aziendale) nell'ambito del progetto #getdigital.

Grazie a una serie di domande e giochi interattivi il test permette di valutare le proprie competenze digitali e soft skill, mettendo a disposizione un profilo personalizzato con una mappa delle proprie competenze e attitudini digitali e un badge digitale che può essere allegato al proprio curriculum o condiviso sui social media.

Digital IQ misura  le skill (sia digitali, sia soft) su 5 macro aree (benessere digitale, sicurezza, creazione di contenuti digitali, comunicazione e collaborazione) così da avere un quadro completo delle proprie abilità e competenze.

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #digital skill #formazione #digital iq

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.