Programmazione

Come trovare qualsiasi lavoro imparando a programmare

La conoscenza dei linguaggi di programmazione potrebbe essere la chiave vincente per chiunque crei annunci 'cerco lavoro'
Come trovare qualsiasi lavoro imparando a programmare FASTWEB S.p.A.

Che la passione tra gli italiani e l'alta tecnologia sia sbocciata in ritardo rispetto alle altre nazioni occidentali è, in qualche modo, confermato da varie statistiche. Nei report trimestrali redatti da Akamai, tanto per fare un esempio, il nostro Paese è sempre nelle ultime posizioni per quanto riguarda la velocità di connessione, mentre il numero di italiani connessi a Internet sembra non riuscirsi a schiodare da quota 20 milioni (secondo un rapporto Istat, il 40% circa della popolazione italiana non si è mai connessa a Internet). Tendenza confermata anche dall'Unione Europea: il nuovo indice continentale che misura i livelli di diffusione del digitale nei Paesi membri (tenendo conto di fattori quali la diffusione della banda larga, l'uso di Internet, e-commerce, e-government, uso del cloud ma anche consumo di film e giornali online) vede l'Italia negli ultimi posti, con valutazione nettamente al di sotto della media.

 

Cerco lavoro

 

E, restando sempre in ambito digitale europeo, l'Italia può "vantare" una delle percentuali più basse di popolazione in grado di utilizzare un linguaggio di programmazione. Secondo i dati diffusi da Eurostat (Istituto statistico europeo) appena il 9% della popolazione italiana possiede le conoscenze basilari del programmatore e sarebbe in grado di sviluppare un software o un'app (contro la media dell11% dei Paesi dell'Unione); tra i giovani (16-29 anni) la percentuale sale al 17% ma non c'è da stare allegri: in Paesi come Finlandia e Svezia la percentuale viaggia attorno al 40%.

Programmare significa lavorare

Un vero e proprio peccato, dal momento che il programmatore sarà (o dovrebbe essere) il lavoro del futuro. Secondo il portale Code.org, entro il 2020 nei soli Stati Uniti ci sarà bisogno di 1 milione di nuovi programmatori (400mila programmatori formati dalle università contro 1,4 milioni di posti di lavoro disponibili): un'opportunità da 500 miliardi di dollari che pochi potrebbero cogliere. Trovare lavoro nel campo della programmazione informatica, insomma, non dovrebbe essere un grosso problema.

 

Programmare

 

Conoscere i linguaggi di programmazione (da C a Basic, da Pascal a Ruby, da PHP a Java sino ad arrivare ai nuovi Swift e Wyvern) potrebbe tornare molto utile in ambito lavorativo a prescindere dalla professione che si vuole svolgere. Saper programmare, infatti, implica la conoscenza di determinate strutture informatiche e tecnologiche (oltre che una forma mentis molto particolare) che potrebbero aprire le porte di qualunque lavoro. Così, imparare a programmare potrebbe essere la scorciatoia che si sta cercando per trovare lavoro.

 

Programmare

 

Quali lavori fare se si sa programmare

  • Scrittore tecnico. Nel caso ci si volesse specializzare nella scrittura tecnica e si volesse trovare lavoro in questo settore, saper programmare potrebbe essere uno dei quei requisiti non richiesti ma molto apprezzati in fase di colloquio. Detto senza troppi giri di parole, conoscere la programmazione permette allo scrittore tecnico di sapere quello di cui sta parlando, soprattutto se dovesse scrivere di software, applicazioni e altri argomenti legati al mondo dell'informatica o degli smartphone

 

Scrittore tecnico

 

  • Designer. Anche se per molti i designer si occupano solo dell'aspetto esteriore di un sito, di un'applicazione o di un programma (e, a grandi linee, è vero), la conoscenza di uno o più linguaggi di programmazione permette loro di comprendere meglio il progetto su cui stanno lavorando. Saper programmare, infatti, permette loro di capire se una soluzione grafica sia applicabile o meno e, di conseguenza, cambiare strada nel caso di impossibilità tecniche
  • Project manager. Presenti in moltissimi settori, i project manager gestiscono il budget a disposizione e decidono i tempi per realizzare il progetto. Un lavoro che richiede una grande varietà di competenze, così che si possa comunicare senza grossi problemi con tutte le figure professionali coinvolte nel progetto. Se si dovesse avere a che fare con programmatori e ingegneri del software, conoscere le basi della programmazione permette di capire quali sono i compiti da svolgere e il ruolo svolto da ognuno. Inoltre, la capacità di programmare permette di studiare eventuali problemi in maniera analitica e trovare soluzioni alternative

 

Marketeer

 

  • Marketeer. Non solo pubblicità: la figura del marketeer richiede un profilo professionale sempre più trasversale, che permetta di offrire soluzioni adeguate alle esigenze dei clienti. Non deve conoscere esclusivamente tecniche di vendita, ma deve essere in grado di analizzare i dati di traffico web e social, "masticare" di grafica, conoscere tecniche di scrittura tecnica e creativa. Deve, inoltre, sapere come impostare campagne pubblicitarie online: necessaria, dunque, la conoscenza delle basi di programmazione web (linguaggio HTML, ad esempio) che permettano di districarsi tra CSS, SEO e tutto quanto concerne il marketing digitale

copyright © CULTUR-E
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail