Gmail

Come accedere a Gmail quando è offline

Il servizio di posta elettronica made in Mountain View non è stato completamente esente da problemi in passato. Ecco come provare ad accedere alla posa se i server sono irraggiungibili
Come accedere a Gmail quando è offline FASTWEB S.p.A.

In passato è capitato più di qualche volta: improvvisamente i server diventano irraggiungibili e tutti i nostri messaggi di posta elettronica scompaiono come se fossero stati inghiottiti da un buco nero virtuale. Nonostante possa vantare centinaia di milioni di utenti (anche se, nel frattempo, sul Google Play Store ha superato il miliardo di download), Gmail ha dimostrato di non essere affidabile al 100%. Nel corso degli anni il servizio di posta elettronica del gigante di Mountain View ha accusato più di qualche incidente di percorso, lasciando “a piedi” i propri utenti.

Accedere a Gmail con altri metodi

Solo perché l'interfaccia web della posta di Google sia fuori uso, questo non vuol dire che siano stati tagliati tutti i ponti con l'esterno e sia totalmente inaccessibile. È probabile – a volte molto probabile – che si possa continuare a consultare la propria mail utilizzando un metodo alternativo al client web messo a disposizione dalla stessa Google.

Gmail offline

Per andare incontro alle esigenze dei professionisti e di tutte quelle persone che, per motivi professionali e personali, non hanno la possibilità di accedere con regolarità a una connessione Internet, Google ha messo a disposizione l'applicativo web Gmail offline. Come lascia intendere il nome, questa applicazione permette di accedere alla propria casella di posta elettronica di Big G anche nel caso in cui non ci sia alcun tipo di connettività alla Rete: tutte le operazioni compiute, saranno sincronizzate non appena ci si connetterà.

 

Sincronizzazione con Gmail offline

 

In questo modo si potrà, senza problematiche di alcun tipo, scrivere messaggi di posta elettronica, eliminare la posta archiviata e “smistare” quella presente nella cartella Inbox. Anche se in un primo momento non avranno alcun effetto pratico sulla propria casella postale virtuale, queste operazioni avranno effetto alla connessione successiva: i messaggi di posta saranno spediti, quelli eliminati cancellati definitivamente, mentre quelli “smistati” saranno assegnati alle varie cartelle o etichette create.

Accedere tramite IMAP/POP3

Nel corso di uno degli ultimi disservizi di cui Gmail è stato vittima, il servizio IMAP/POP3 è rimasto attivo e funzionante. Ciò vuol dire che tutti gli utenti che avevano sincronizzato il loro account con un client di posta elettronica hanno potuto continuare a inviare e ricevere e-mail. Anche nel caso in cui l'interfaccia web sia la porta primaria di accesso al proprio account, può sempre tornare utile avere un “ingresso di servizio” da utilizzare in caso di necessità. Soprattutto dal momento che la configurazione è tutt'altro che complessa: le ultime versioni dei client hanno delle procedure guidate semplificate adatte a tutte le tipologie di utenza. E, se ancora si dovessero incontrare difficoltà, ci sono sempre le istruzioni passo-passo di Google.

Interfaccia HTML semplice

 

Interfaccia HTML semplice

 

A volte i problemi di caricamento sono dovuti a un intasamento del server e conseguente rallentamento generale delle prestazioni del servizio. Per verificare che sia effettivamente così, si può sempre provare a effettuare l'accesso caricando l'interfaccia HTML semplice anziché l'interfaccia di default. La prima, infatti, è molto più snella e anche se la linea dovesse avere dei problemi di velocità, potrà essere caricata senza problemi: sarà sufficiente mettere tra i preferiti del proprio browser questo URL http://mail.google.com/mail/?ui=html e provare a collegarsi ogni qual volta l'interfaccia standard non riuscirà.

Modalità protetta

Nel caso in cui si utilizzino troppe app del Google Lab (applicativi sperimentali rilasciati in versione beta, ma ugualmente utilizzabili), potrebbe anche accadere che vadano in conflitto l'una con l'altra e impediscano di accedere alla casella di posta. In questi casi si dovrà effettuare l'accesso attraverso una sorta di sandbox dalla quale disattivare le varie applicazioni sperimentali attivate e poter tornare a utilizzare la casella Gmail senza grattacapi.

Versione mobile

 

Gmail in versione mobile

 

L'ultimo tentativo da mettere in campo è accedere dal computer come se si provasse a fare l'accesso tramite il browser del proprio smartphone. Anche se non avremmo accesso a molte delle funzioni a disposizione nella versione desktop, permetterebbe comunque di controllare la propria casella di posta e verificare che tutto sia in ordine. Basterà accedere a questo link e sperare che tutto vada per il meglio.

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail