Fastweb

Chrome 79, le novità dell'aggiornamento del browser più utilizzato

Google Chrome Web & Digital #chrome #video Google Chrome dice stop alle fastidiose pubblicità video sul web A seguito dell'aggiornamento a Chrome 80, Google bloccherà i video pubblicitari in riproduzione automatica sui siti web già da agosto
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Chrome 79, le novità dell'aggiornamento del browser più utilizzato FASTWEB S.p.A.
Google Chrome
Web & Digital
Scopriamo tutte le novità della nuova versione del browser di Google

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento, Chrome 79, l'11 dicembre 2019. Aspettatevi un utilizzo della CPU inferiore e una maggiore sicurezza. L'ultima versione di Chrome può condividere appunti anche con telefoni Android.

Freezing delle schede consente di risparmiare CPU (e batteria)

Chrome 79 introduce il blocco automatico delle schede. Non ci farete fatto caso, ma questa funzione ridurrà l'utilizzo della CPU di Chrome, soprattutto quando ci sono molte schede aperte. Il minor utilizzo della CPU significa che anche la batteria del vostro laptop durerà più a lungo. Con il blocco automatico delle schede, Chrome "congela" automaticamente le schede in background per un po'. Queste non utilizzeranno la CPU per sincronizzare, caricare annunci pubblicitari o svolgere altre attività. Chrome semplicemente "mette in pausa" l'attività delle pagine Web fino a quando non si torna ad esse. 

L'obiettivo è che le cose "funzionino" senza che l'utente se ne accorga. Dovreste comunque essere in grado di riprodurre musica o altro audio in una scheda e passare da un'altra parte. Tuttavia, se non si interagisce con una scheda e questa resta aperta in background per un po', Chrome impedirà di utilizzare troppa CPU.

Migliori protezioni con le password

Google ha annunciato anche l'introduzione di "migliori protezioni delle password" su Chrome 79. Queste non saranno immediatamente disponibili, ma arriveranno "gradualmente" nelle prossime settimane, man mano che Google le attiverà.

Chrome avviserà quando una password viene trovata in un database di password decriptate, e fornirà una protezione in tempo reale contro i siti di phishing sul desktop, avvisando quando si inserirà questa password su un sito sospettato di phishing. 

Test DoH per migliorare sicurezza e privacy

Il DoH renderà Internet più sicuro e privato, crittografando le richieste DNS inviate tra il sistema e il server DNS. Attualmente, queste non sono crittografate. Quando ci si collega ad un sito web, chiunque si trovi tra voi e il server DNS, che si tratti del vostro provider o solo di un hotspot Wi-Fi pubblico, può vedere quello che state cercando o qualunque altro dominio stiate visitando. Con Chrome 79, Google afferma che abiliterà automaticamente il supporto DoH per l'1% degli utenti di Chrome supponendo che stiano "utilizzando un provider DNS conforme a DoH". Questi includono DNS pubblico di Google e 1.1.1.1 di Cloudflare.

Sarà possibile andare su chrome://flags/#dns-over-https per abilitare (o disabilitare) DoH per il browser Chrome. Ma attenzione: funzionerà solo se sul vostro sistema è configurato un server DNS abilitato per DoH. Il DNS su HTTPS si è già rivelato controverso per qualche motivo ma DoH non è solo una tecnologia di Google. Mozilla lo supporta già in Firefox e Microsoft creerà DoH direttamente in Windows 10, in modo che ogni applicazione Windows possa trarne vantaggio.

Condivisione degli Appunti tra computer e Android

Se avete abilitato Chrome Sync e utilizzate lo stesso account Google su un telefono Android, Chrome può ora sincronizzare i vostri appunti tra il vostro computer e i dispositivi Android.

Per utilizzare questa funzione, è necessario che Chrome 79 sia installato sia su un computer che su un dispositivo Android. Se soddisfate tale requisito e avete effettuato l'accesso con lo stesso account Google su entrambi, potete cliccare con il pulsante destro del mouse su una pagina Web e nel menu verrà visualizzata l'opzione "Copia su [Nome dispositivo Android]".

Se Google disabilita questa funzione per impostazione predefinita per qualche motivo, visitate la pagina delle flags per abilitarla. Digitate chrome://flagsOmnibox (barra degli indirizzi) di Chrome e premete Invio. Cercate "appunti" utilizzando la casella di ricerca nella pagina e attivate "Abilita dispositivo ricevitore per gestire la funzione Appunti condivisi", quindi "Abilita la gestione dei segnali della funzione Appunti condivisi" e i flag "Sincronizza servizio Appunti".

Addio ai vecchi protocolli di sicurezza (TLS 1.0 e 1.1)

TLS 1.0 e TLS 1.1 sono protocolli di sicurezza meno recenti utilizzati per HTTPS. Con Chrome 79, ora sono messi da parte. Quando ci si connette a un sito Web utilizzando la crittografia precedente, verrà visualizzato un avviso che recita "la tua connessione a questo sito non è completamente sicura" perché "questo sito utilizza una configurazione di sicurezza obsoleta". Ciò dovrebbe fornire ai siti Web che utilizzano ancora questa crittografia obsoleta un motivo in più per aggiornarsi. Chrome 79 non bloccherà ancora il caricamento di tali siti, Chrome inizierà a bloccare queste connessioni in Chrome 81. Gli amministratori aziendali possono riattivare il supporto per questi protocolli per il prossimo anno, ma verranno rimossi da Chrome completamente nel gennaio 2021.

Oltre a Google, anche Mozilla, Microsoft e Apple stanno anche abbandonando il supporto per questi protocolli. Quando vedrete il vostro browser utilizzare HTTPS, saprete che sta usando un moderno protocollo di sicurezza. Questo cambiamento non avverrà immediatamente: avverrà il 13 gennaio 2020, dando agli amministratori dei siti Web un tempo extra per l'aggiornamento. Fino ad allora, Chrome 79 continuerà felicemente a caricare le pagine Web TLS 1.0 e TLS 1.1. Dopo tale data, verrà visualizzato l' avviso "Non sicuro".

Modifiche ai contenuti misti

Chrome già blocca molti tipi di "contenuti misti" sul Web e ne sta lentamente bloccando sempre di più. I contenuti misti si verificano quando uno sviluppatore crea un sito Web sicuro servito su HTTPS crittografato e quindi carica risorse come script o immagini su una connessione HTTP non crittografata. Questo sistema non è ritenuto sicuro. Qualcuno potrebbe manometterli durante il passaggio, modificando la pagina Web protetta, e questo non dovrebbe essere possibile Chrome 79 cambia il modo in cui funzionano i contenuti misti. Per quelli più pericolosi come gli script, Chrome bloccherà silenziosamente il contenuto e affermerà che il sito Web è sicuro. Per abilitarlo, dovrete cliccare sull'icona a sinistra dell'indirizzo della pagina nella Omnibox di Chrome (barra degli indirizzi) e quindi cliccare su "Impostazioni sito". Nella parte inferiore dell'elenco delle autorizzazioni, dovrete impostare "Contenuto non sicuro" al posto di "Consenti", per quel sito Web. Dopo averlo fatto, Chrome caricherà quel contenuto e dirà che il sito Web non risulta "sicuro".

Non dovreste attivare contenuti non sicuri a meno che non abbiate una buona ragione, come ad esempio la necessità di utilizzare un'applicazione di lavoro un po' vecchia. I siti web dovranno sbarazzarsi di contenuti misti e Chrome sta dando loro un'altra spinta.

Realtà virtuale e aumentata sul Web (WebXR)

Chrome 79 abilita l'API WebXR progettata per esperienze di realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR). Questa funzione è disponibile in Chrome da Chrome 67 ma era instabile e risultava disponibile solo a chi aveva attivato un flag. Su sistemi desktop, WebXR supporta i visori Oculus VR, OpenVR (utilizzate da SteamVR) e Windows Mixed Reality. Su Android, funziona con Google Daydream e Cardboard. Gli sviluppatori possono ora offrire esperienze VR e AR via Web.

Altre caratteristiche interessanti

Come sempre, ci sono molte piccole modifiche e funzionalità sperimentali che Google sta inserendo in Chrome. Ecco alcune delle più interessanti:

  • Controlli di riproduzione multimediale: Google potrebbe presto abilitare i controlli di riproduzione multimediale globali per impostazione predefinita. Questa funzione fornirà un comodo pulsante Riproduci/Pausa sulla barra degli strumenti del browser Chrome. Non sarete più costretti a cercare la scheda con l'audio! Questo è stato abilitato automaticamente nella versione beta di Chrome 79 ma non per tutti, suggerendo che Google lo sta ancora testando.
  • Chiudi altre schede: Google ha rimosso l'opzione "Chiudi altre schede" quando ha rilasciato Chrome 78. Questa funzione è tornata a grande richiesta in Chrome 79, ma in realtà era presente, seppur nascosta, anche nelle ultime versioni di Chrome. È possibile cliccare con il pulsante destro del mouse su una scheda e selezionare "Chiudi altre schede" per chiudere tutte le altre schede aperte nella finestra, anche se non avete ancora eseguito l'aggiornamento da Chrome 78 a 79.
  • Cache avanti e indietro: Chrome 79 include una funzione sperimentale, disabilitata per impostazione predefinita, chiamata "cache back-forward". Google avverte che non sarebbe meglio non abilitarla, perché è instabile e potrebbe causare problemi. Tuttavia, gli sviluppatori di Chrome stanno testando un sistema per riportare la cache indietro e in avanti.
  • Scansione Bluetooth Web: Chrome 79 rende la piattaforma Web più potente aggiungendo la scansione del dispositivo Bluetooth Low Energy (BLE) a Chrome. Se gli darete l'autorizzazione, un sito web potrà cercare dispositivi Bluetooth LE nelle vicinanze. Questa funzione è disabilitata per impostazione predefinita e si attiva solo attivando il flag "Funzionalità della piattaforma Web sperimentale".

 

Questo è tutto per questa nuova versione di Chrome. Come al solito, la maggior parte degli utenti non noterà i cambiamenti. Ma, sotto sotto, Google sta apportando importanti modifiche alla sicurezza, alla privacy e alle prestazioni.

Le nuove versioni stabili di Chrome vengono rilasciate ogni sei settimane.
Aspettatevi Chrome 80 il 4 febbraio 2020.

11 dicembre 2019

Fonte: howtogeek.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #chrome #google

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.