Caso Apple, posticipata l'udienza prevista per il 22 marzo

Caso Apple, il tribunale posticipa l'udienza prevista per il 22 marzo 2016

L'udienza è stata rinviata perché un hacker avrebbe fornito all'Fbi un sistema alternativo per accedere ai dati contenuti nello smartphone
Caso Apple, il tribunale posticipa l'udienza prevista per il 22 marzo 2016 FASTWEB S.p.A.

L'udienza prevista per il 22 marzo 2016, durante la quale si doveva discutere il caso dello sblocco dell'iPhone del killer di San Bernardino, è stata rinviata. La richiesta, accolta dalla giustizia americana, è stata avanzata dall'Fbi che, a quanto pare, avrebbe trovato nuove strade per accedere ai dati contenuti nello smartphone e ne starebbe verificando l'efficacia. "Sono necessari test per determinare se il metodo funziona e non compromette i dati contenuti nell'iPhone. Se la strada è percorribile eliminerà la necessità dell'assistenza di Apple'' si legge nei documenti depositati in tribunale.

Il Dipartimento di Giustizia non ha fornito indicazioni precise sulla questione. Secondo quanto ipotizzato dal quotidiano statunitense New York Times, che ha riportato l'opinione di alcuni esperti di informatica, la chiave per sbloccare lo smartphone sarebbe stata fornita da un hacker che potrebbe aver scoperto alcune falle nel sistema operativo di Apple.

Il colosso statunitense, infatti, al contrario di altre grandi aziende tecnologiche come Google o Microsoft, non offre premi in denaro a coloro che individuano vulnerabilità nella sicurezza dei loro prodotti. Mountain View fino a oggi ha già pagato agli hacker "buoni" sei milioni di dollari. "Se Apple vuole continuare ad essere competitiva nel mondo moderno, deve rinnovare il suo approccio", ha dichiarato al New York Times Katie Moussouris, manager di HackerOne, la piattaforma che aziende come Yahoo, Dropbox e Uber usano per gestire i propri programmi di ricompensa.

In base a quanto rivelato dal quotidiano britannico The Guardian, le prove condotte fino a ora su altri dispositivi sembrano aver avuto esito positivo, quindi il metodo di sblocco sembra funzionare. I primi esiti della strategia sull'iPhone del killer saranno resi noti il 5 aprile 2016.

22 marzo 2016 (aggiornato il 23 marzo 2016)

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail