Fastweb

Biografia dei gemelli Winklevoss

Facebook Social #facebook #wearable Facebook sta sviluppando un werable che potrà leggere la mente Da un'idea un po' strana ad una realtà. Il dispositivo indossabile di Facebook per leggere la mente potrebbe essere realizzato a breve
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Biografia dei gemelli Winklevoss FASTWEB S.p.A.
Cameron e Tyler Winklevoss
Web & Digital
La storiografia ufficiale ci racconta che sia stato Mark Zuckerberg a ideare e realizzare Facebook. I gemelli Winklevoss la pensano diversamente. Scopriamo chi sono questi due fratelli statunitensi e perché rivendicano la paternità del più famoso social network al mondo

 

Prendete due gemelli statunitensi di buona famiglia. Mettete che siano due menti brillanti, molto brillanti. Aggiungeteci che sono alti, atletici e campioni di canottaggio. Catapultateli a Harvard, a inizio del nuovo millennio. Mescolate gli ingredienti e quel che ne verrà fuori potrebbe anche essere un’idea rivoluzionaria, che cambierà per sempre il modo di utilizzare Internet, di relazionarsi con le persone e il concetto stesso dei social network. Semplice fantasia? O supposizione giornalistica? Forse realtà, se si vuol dar retta a quello che Cameron e Tyler Winklevoss raccontano, a mo’ di disco rotto, da almeno un lustro a questa parte. E cioè che l’idea alla base di Facebook fosse la loro e che Mark Zuckerberg se ne sia impossessato indebitamente. Nel frattempo, tra un’udienza in tribunale e l’altra, i gemelli Winklevoss sono riusciti anche a conquistare il pass per le Olimpiadi di Pechino (canoa, specialità 2 senza, sesto posto), dimostrando di possedere doti fisiche fuori dal comune oltre che a un senso per gli affari “leggermente” sviluppato. Tanto che ora si sono tuffati a capofitto nell’avventura SumZero.

Cameron e Tyler Winklevoss nascono a Southampton, nello stato di New York, nell’agosto del 1991, ma subito si trasferiscono nel Connecticut e lì passano la loro infanzia. Essendo praticamente speculari, tanto da aver difficoltà nel distinguerli, i due gemelli svilupparono sin dalla più tenera età grandi doti di cooperazione e collaborazione, esibendosi in eccezionali duetti musicali. Dopo essersi appassionati alla cultura classica negli anni dell’high school (entrambi studiarono Latino e Greco antico), scelsero di frequentare la Facoltà di Economia dell’Università di Harvard. Qui svilupparono ulteriormente un innato senso per gli affari (il loro papà Howard E. Winklevoss, è fondatore di ben due società, la Winklevoss Consulting e la Winklevoss Technology) e, a partire dal dicembre del 2002, iniziarono a sviluppare l’idea per un nuovo social network: HarvardConnect (poi rinominato in ConnectU).

Inizialmente il social network doveva essere riservato ai soli studenti di Harvard, che potevano utilizzare HarvardConnect per mantenere e rafforzare i loro rapporti sociali all’interno dell’università. I due gemelli capirono immediatamente che l’idea funzionava, tanto che volevano espanderla anche alle altre università statunitensi. Purtroppo, le loro competenze informatiche non gli permettevano di sviluppare un’idea così complessa e articolata. Quindi decisero di rivolgersi a un giovane studente di Harvard, tale Mark Zuckerberg. E qui la storia prende tutta un’altra piega.

 

 

Zuckerberg si unì al progetto ConnectU nel novembre del 2003, ma i rapporti con i gemelli Winklevoss non furono mai troppo buoni. La comunicazione tra i tre era piuttosto difficoltosa, tanto che tra dicembre 2003 e gennaio 2004 Mark Zuckerberg decise di mettersi in proprio, creando The Facebook. E i due gemelli notarono immediatamente delle “leggere” somiglianze tra i due progetti. Tanto che nel febbraio dello stesso anno ConnectU citò in giudizio The Facebook e il suo creatore.

Ma l’intera storia sarebbe rimasta più o meno nascosta – almeno al di fuori degli States – se non fosse stato per The Social Network, il film diretto da David Fincher che racconta la genesi di Facebook. Il film uscì nelle sale di tutto il mondo nel 2010, riscuotendo un successo planetario. La causa contro Mark Zuckerberg per furto di proprietà intellettuale risale, come detto, al 2004, ben 6 anni prima. E si concluse con le due parti che si accordarono per un risarcimento di 65 milioni di dollari. Certo, poco più di un decimo rispetto ai 600 milioni inizialmente richiesti, comunque una cifra sufficiente per dare il via a una carriera da businessmen una volta interrotta quella agonistica.

 

 

Infatti, una volta appesa la canoa al chiodo i due fratelli si sono buttati nuovamente a capofitto nella loro vecchia passione. Anzi, nelle loro vecchie passioni. È un dato di fatto che i gemelli Winklevoss, sin dai loro anni a Harvard, hanno tentato di coniugare business e relazioni sociali. Da questi tentativi nacque l’idea ConnectU e prende forma SumZero, il nuovo social network su cui la Winklevoss Capital Fund ha da poco investito un milione di dollari. SumZero più che un normale social network è una sorta di club esclusivo, dove startup innovative si incontrano con finanziatori pronti a trovare la nuova gallina dalle uova d’oro. Nell’impresa è coinvolto anche Divya Narendra, vecchio compagno di Harvard e tra gli ideatori di ConnectU. Quando si dice i casi della vita…

 

28 dicembre 2012

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #the social network #social network #mark zuckerberg #gemelli winklevoss #olimpiadi #cameron winklevoss #tyler winklevoss #divya narendra #sumzero #connectu #facebook #biografie

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.