Fastweb

Arriva Chrome 80, tutte le novità

Acquisti online Web & Digital #e-commerce #amazon E-commerce, cosa cambia con il regolamento europeo 1150 Il nuovo Regolamento Europeo per l'e-commerce affronta tre grandi temi: ranking, condizioni d'uso e oscuramento degli account. Scopri le nuove regole
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Arriva Chrome 80, tutte le novità FASTWEB S.p.A.
Chrome 80
Web & Digital
L'aggiornamento del browser di Google porta con sé una serie di novità, come il supporto per il blocco degli annunci online più pesanti

Il browser web Google Chrome, versione 80, è ora disponibile per il download su tutte le principali piattaforme. Questa versione presenta due importanti modifiche al funzionamento del browser di Google, modifiche che risulteranno utili per gli utenti anche in futuro.

Cookie dello stesso sito

La prima di queste grandi modifiche è stata apportata al modo in cui Chrome gestisce i file dei cookie. I cookie sono stati un punto fermo nel panorama dei browser sin dagli anni '90. Sono semplici file di testo che i siti si scambiano con i browser.

Fino ad oggi, Chrome ha consentito il caricamento di tutti i file di cookie senza limiti, indipendentemente dal dominio web che lo ha creato e dal sito Web da cui è stato caricato. Questo meccanismo, seppur semplice, ha creato l'incubo della privacy che abbiamo oggi, dove le società pubblicitarie e di analisi possono tracciare gli utenti nei loro spostamenti sul web grazie proprio ai cookie caricati nei browser, di solito tramite annunci o script di tracciamento.

A partire da Chrome 80, tutto questo cambierà. Con v80, Chrome caricherà solo i cookie che sono stati creati e caricati nello stesso dominio, noti come cookie proprietari o cookie dello stesso sito.

Se i siti Web dovranno caricare cookie da domini di terze parti, gli sviluppatori devono abilitare manualmente un'impostazione per il loro sito all'interno delle intestazioni HTTP, che diranno specificamente a Chrome di consentire i cookie di terze parti per i loro visitatori.

Per i non-tecnici, il nocciolo della questione è che Chrome, che supporta solo i cookie dello stesso sito per impostazione predefinita, contribuirà a migliorare la privacy e la sicurezza per gli utenti in futuro.

Niente più spam di notifica

Ma mentre la modifica dei cookie nello stesso sito potrebbe risultare difficile da comprendere, per gli utenti non tecnici, la prossima grande modifica non lo è.

A partire da Chrome 80, Google ha cambiato il modo in cui Chrome gestisce i popup di notifica, soluzione di cui molti siti web hanno recentemente abusato creando di fatto una sorta di spam nell'esperienza di navigazione degli utenti.

In futuro, i siti non saranno più in grado di infastidire gli utenti con i popup di notifica, e tutte le richieste di notifica saranno nascoste e contenute sotto un'icona nella barra degli indirizzi dell'URL di Chrome.

Secondo passaggio nell'aggiornamento dei contenuti misti di Google

Chrome 80 segna anche l'arrivo della seconda versione principale del piano in tre passaggi di Google per eliminare i contenuti misti HTTPS.

Il contenuto HTTPS misto si riferisce a pagine web in cui contenuti come immagini, JavaScript o fogli di stile vengono caricati tramite HTTP e HTTPS, il che significa che il sito non viene caricato completamente su HTTPS. L'obiettivo finale annunciato da Google è l'aggiornamento automatico di tutti i contenuti HTTP ai loro URL HTTPS analogici. Tuttavia, farlo all'improvviso è pericoloso in quanto può causare molte rotture su Internet.

Invece, per evitare problemi importanti, Google ha scelto un piano in tre passaggi per questo processo, come descritto di seguito, con Chrome 80 che è il passaggio 2, di un piano che terminerà il mese prossimo con Chrome 81:

  • In Chrome 79, rilasciando un canale stabile a dicembre 2019, ha introdotto una nuova impostazione per sbloccare contenuti misti su siti specifici. Questa impostazione si applica a script misti, iframe e altri tipi di contenuti che Chrome attualmente blocca per impostazione predefinita. Gli utenti possono attivare questa impostazione cliccando sull'icona del lucchetto su qualsiasi pagina https: // e facendo clic su Impostazioni sito. Questo sostituirà l'icona dello scudo che appare sul lato destro della omnibox per sbloccare il contenuto misto nelle versioni precedenti di Chrome desktop.
  • In Chrome 80, le risorse audio e video miste verranno aggiornate automaticamente a https: // e Chrome le bloccherà per impostazione predefinita se non riescono a caricarsi. Gli utenti potranno quindi sbloccare le risorse audio e video interessate con l'impostazione sopra descritta.
  • In Chrome 80, le immagini miste saranno comunque caricate, ma mostreranno un chip "Not Secure" nella omnibox. Prevediamo che questa interfaccia utente di sicurezza sarà più chiara per gli utenti e che motiverà i siti web a migrare le loro immagini su HTTPS. 
  • In Chrome 81, le immagini miste verranno aggiornate automaticamente a https: // e Chrome le bloccherà per impostazione predefinita se non riescono a caricarsi su https: //. Chrome 81 sarà rilasciato nel febbraio 2020.

 

Blocco degli annunci pesanti

Ma proprio come con tutte le recenti versioni di Chrome, anche gli ingegneri di Google hanno nascosto un nugget segreto in questa versione del browser. Mentre in Chrome 79 abbiamo avuto il blocco delle schede, in Chrome 80 abbiamo un nuovo flag di Chrome che consente agli utenti di bloccare gli annunci che utilizzano troppe risorse, come CPU o RAM.

Per abilitare questa funzione, gli utenti di Chrome devono accedere al seguente link e abilitare il rispettivo flag di Chrome.

chrome://flags/#enable-heavy-ad-intervention

URL a frammenti di testo

Ultimo, ma non meno importante, è una nuova API di Chrome che implementa la specifica dei frammenti di testo. In parole povere, questa nuova API consentirà a Chrome di collegare e riconoscere collegamenti a testo specifico su un sito web. Quando Chrome carica uno di questi link, il browser evidenzia il testo e fa scorrere il frammento in vista. Le URL a frammenti di testo dovrebbero rendere il collegamento dei contenuti molto più interessante, purché siano ampiamente adottati.

5 febbraio 2020

Fonte: zdnet.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #chrome #google

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.