Arrested Development. Ti presento i miei

Arrested Development. Ti presento i miei torna come webserie

Dopo 6 anni di interruzione per pochi ascolti la serie torna su Netflix
Arrested Development. Ti presento i miei torna come webserie FASTWEB S.p.A.

Dopo sette anni di dolorosa assenza dagli schermi di Arrested Development. Ti presento i miei (il sottotitolo italiano, sembra scontato ribadirlo, è orrida creazione degli adattatori nostrani), la situation comedy migliore e meno vista di sempre torna a far ridere, ma questa volta in Rete.

Arrested Developpment (in Italia mandata in onda in orari improbabili sulle reti mediaset con il titolo appunto di Ti presento i miei) ha sempre sofferto di ascolti poco lusinghieri  nonostante (o forse esattamente a causa di) una struttura intelligente, complessa, ben scritta, colma di un'esilarante autoreferenzialità e di un citazionismo eclettico (Happy Days, i Peanuts, Mrs. Doubtfire, vecchie pubblicità della Volkswagen, cui si agganciano estemporanei riferimenti ad Amleto), ha traversato le acque televisive americane sul vascello Fox tra il 2003 e il 2006. Prodotta da Ron Howard e traghettata dallo show runner Mitchell Hurwitz, la serie è naufragata ingloriosamente dopo una prima stagione completa e altre due mozzate a causa dei bassi ascolti.

Sfruttando la assoluta fedeltà dei fan, che in questi sei anni sono addirittura aumentati, le dementi e grottesche, divertenti e di un'assurda verosimiglianza avventure dei Bluth – il più improbabile gruppo famigliare di sempre, più strambi degli Addams, più disfunzionali e incestuosi dei Forrester, più bellicosi di Montecchi e Capuleti, più ammanicati dei Soprano – trovano finalmente il prosieguo tanto annunciato e tanto atteso dai fan. Dal 26 maggio è disponibile su Netflix – che approfitta dei buoni rapporti con Fox, la quale sfrutta il sito per distribuire serie (come Bad Samaritans) o film (come Shotgun Weeding) prodotti da un suo ramo minore, Fox Digital Studio, specializzato nei contenuti pensati per la rete – una quarta stagione di 15 puntate. Con il pretesto di una casa di produzione che vuole girare un film sui Bluth, i nuovi episodi mantengono lo stile documentaristico/reality show delle serie precedenti e seguono, di volta in volta, un personaggio diverso, andando a colmare i sei anni di gap che li separano dall'ultima stagione. Un revival benedetto dal ritorno dell'intero cast – Jason Bateman, Michael Cera (che ha anche contribuito in fase di scrittura), Portia de Rossi, Will Arnett, Jeffrey Tambor, Liza Minnelli, Henry Winkler, Scott Baio – e da un successo strepitoso: più di un terzo degli utenti di Netflix ha acquistato la serie dal giorno della pubblicazione.

5 giugno 2013

 

Interessante quindi come una serie tv ritrovi nuova vita grazie al web e alle nuove forme di produzione e distribuzione legati allo streaming online, ritrovando così nuova vita e nuovo pubblico. Un esempio sicuramente da seguire...

source:chili
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail