Fastweb

Apple sotto inchiesta a Milano per frode fiscale

iMac Smartphone & Gadget #apple #macos Mac lento, trucchi per ottimizzare e velocizzare il sistema Anche i computer della mela morsicata possono "perdere qualche colpo" e rallentare vistosamente. Ecco alcuni trucchi per restituire smalto e performance
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Apple sotto inchiesta a Milano per frode fiscale FASTWEB S.p.A.
Apple sotto inchiesta a Milano per frode fiscale
Web & Digital
Cupertino avrebbe nascosto al fisco un 1 miliardo e 60 milioni di euro

Una presunta frode fiscale da oltre un miliardo da parte di Apple nel minirino della Procura di Milano. La notizia, anticipata dal sito del settimanale L'Espresso, è stata confermata da fonti giudiziarie. Un'accusa respinta in serata dall'azienda di Cupertino, il cui direttore delle comunicazioni per l'Europa, Josh Rosenstock, si è detto certo che i controlli dimostreranno la trasparenza dell' operato della società.

Due manager di Apple Italia, probabilmente coloro che si sono occupati dei bilanci, sono finiti nel registro degli indagati con l'accusa di dichiarazione fraudolenta dei redditi. Alcuni giorni fa i funzionari dell'Agenzia delle Dogane, con compiti di polizia giudiziaria, sono andati nelle sede della società in piazza San Babila, a Milano, per una perquisizione portando via materiale cartaceo e informatico. Un sequestro contro cui hanno fatto ricorso al Tribunale del Riesame i legali di Apple.

Il meccanismo fraudolento su cui stanno indagando il procuratore aggiunto Francesco Greco e il pm Adriano Scudieri parte da una costruzione societaria simile a quella di tanti colossi dell'informatica, con base negli Usa e sedi in diversi Paesi d'Europa: una società di servizi in Italia, che dichiara pochi redditi, e una società commerciale in Irlanda, che si prende in carico gli ''elementi attivi'' vista la tassazione più favorevole. Secondo l'accusa, infatti, i profitti realizzati in Italia da Apple sarebbero stati messi in conto alla società di diritto irlandese Apple Sales International.

Così facendo, sempre secondo i pm, Apple Italia non avrebbe dichiarato al Fisco italiano un imponibile di circa 206 milioni di euro nel 2010 e di oltre 850 milioni di euro nel 2011 per un totale di oltre un miliardo. Gli inquirenti ora stanno cercando di conteggiare l'esatto ammontare della presunta imposta evasa su quell'imponibile ma avrebbero già individuato lo schema organizzativo della presunta frode, che sarebbe state messa in atto con false scritture contabili. Da qui le contestazioni ai due manager e le perquisizioni.

''Apple - ha chiarito in serata la società con la nota di Josh Rosenstock - paga ogni dollaro ed euro delle tasse dovute ed è continuamente oggetto di controlli fiscali da parte di governi di tutto il mondo. Le autorità fiscali italiane hanno già sottoposto Apple Italia ad audit nel 2007, 2008 e 2009 e hanno confermato la piena conformità dell'azienda ai requisiti di documentazione e trasparenza Ocse. Siamo certi che l'accertamento in corso giungerà alla stessa conclusione''.

Già la scorsa estate era stato calcolato che Apple - finita anche sotto accusa negli Usa per le sue aggressive politiche fiscali - nel 2012 aveva versato in tasse allo Stato italiano 3 milioni di euro, cifra irrisoria se paragonata ai 41,7 miliardi di dollari di profitti realizzati nello stesso anno a livello globale. In linea, comunque, con altri 'giganti' come Google, Amazon e Facebook, tanto che in Italia, ma anche in altri Paesi europei, si sta discutendo ormai da tempo di ' web tax' (spesso chiamata Google tax), ossia di introdurre norme per far pagare ai grandi gruppi dell'informatica le tasse per ciò che guadagnano sul mercato italiano (o di altri Paesi che non siano l'Irlanda e gli Usa).

13 novembre 2013

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #apple

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.