Fastweb

Apple disattiva le chiamate di gruppo in FaceTime

Apple iMac Web & Digital #apple #imac Nuovo iMac, più potente e veloce ma il design rimane invariato Apple ha annunciato la nuova linea iMac, rinnovata dopo quasi 14 mesi
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Apple disattiva le chiamate di gruppo in FaceTime FASTWEB S.p.A.
Apple
Web & Digital
Per ovviare al problema del bug delle intercettazioni, Apple sospende temporaneamente le chiamate di gruppo su FaceTime

Apple ha disattivato la funzione della chiamata di gruppo all'interno di FaceTime mentre lavora ad una patch per correggere un fastidioso bug che permetterebbe le intercettazioni.

La status page di Apple infatti mostra che l'opzione chiamata di gruppo è "temporaneamente non disponibile", una mossa definita stop-gap per il momentaneo disservizio in vista di una soluzione più concreta in arrivo in settimana. Risulta in questo momento effettivamente impossibile effettuare una chiamata di gruppo.

Questa correzione in corso d'opera però può essere vista positivamente, visto che non sarà necessario disabilitare completamente FaceTime a causa del bug, anche se qualcuno sarà un po' riluttante a utilizzarlo.

La vulnerabilità è stata rilevata lunedì e il pericolo si presenta quando un utente partecipa a una chiamata di gruppo, ma aggiungendosi in un secondo momento rispetto all'avvio della stessa.

"Il bug si basa su quella che sembra essere un'errata scomposizione logica nel sistema di chiamate di gruppo di FaceTime. Senza entrare troppo nel dettaglio tecnico dei passaggi, il bug sembra ingannare il telefono del destinatario nel far credere che una chiamata di gruppo sia già in corso. Qualche click e FaceTime inciampa su se stesso e viene acceso il microfono del destinatario senza che questo abbia accettato la chiamata.
Il caso ancora più inquietante è però nel momento in cui il destinatario preme il pulsante di riduzione del volume o di accensione per cercare di silenziare o chiudere la chiamata in entrata, perché in quel momento si accende anche la fotocamera. Da quel momento in poi, anche se il display del telefono mostra la schermata della chiamata, il microfono e la videocamera saranno attivi in modalità streaming."

Apple ha però annunciato che è previsto il rilascio di una soluzione risolutiva più concreta nei prossimi giorni. "Siamo consapevoli del problema e stiamo lavorando a una correzione, che verrà rilasciata in un aggiornamento del software entro questa settimana", ha detto un portavoce.

È comunque interessante segnalare come la funzione di chiamata di gruppo abbia richiesto in realtà più tempo del previsto per essere disponibile in iOS, a seguito di un incidente. Era stata aggiunta e successivamente rimossa dalla versione beta di iOS 12 in agosto, infatti la funzione era assente nel rilascio di iOS 12 a settembre, ma l'abbiamo ritrovata nel lancio di iOS 12.1 in ottobre. Apple a dire il vero non ha mai fornito una motivazione per il ritardo

Il bug risulta, a conti fatti, un incidente imbarazzante per Apple, che ha a lungo sottolineato il suo impegno nel discorso privacy per quanto riguarda i suoi prodotti.
Il tutto enfatizzato da un recente cartellone pubblicitario in occasione del CES di Las Vegas che proclamava trionfalmente: "Quello che succede nel tuo iPhone, resta nel tuo iPhone".

29 gennaio 2019

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #apple #facetime

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.