Aggiornamenti macOS

Aggiornamenti macOS, ecco perché aspettare

Mantenere il vostro computer aggiornato è sempre importante, ma ci sono alcuni buoni motivi per cui è meglio ritardare un po', prima di lanciare un grosso aggiornamento
Aggiornamenti macOS, ecco perché aspettare FASTWEB S.p.A.

Partiamo dall'inizio. C'è sempre una grande differenza da un "upgrade" ad un "update". L'update è una correzione relativamente minore alla versione del sistema operativo esistente. Ad esempio, un update minore potrebbe portarci da macOS 10.15.6 a macOS 10.15.7 e risolvere problemi di sicurezza e altri bug.

L'upgrade, invece, è una modifica molto più ampia che può revisionare intere sezioni del sistema operativo. Ad esempio, un upgrade potrebbe portarci da macOS 10.15 a macOS 11.0. E il sistema avrà anche un nuovo nome, come Catalina, Mojave o Big Sur.

Il consiglio è sempre cercare di mantenere il vostro Mac aggiornato installando le ultime correzioni e patch di sicurezza in Preferenze di Sistema -> Aggiornamento software. Se possibile, abilitate gli aggiornamenti minori automatici, in modo che il vostro Mac si occupi di questo da solo.

Un upgrade, inoltre, richiede un maggiore intervento manuale. Si dovrà infatti sempre scaricare l'ultima nuova versione del sistema operativo dal Mac App Store. È anche molto più grande di un update standard (Big Sur è di circa 12,6 GB). Ciò significa che il processo di installazione di solito richiede anche molto più tempo. Il vostro Mac dovrà anche essere riavviato più volte. Gli update risolvono problemi e occasionalmente introducono alcune nuove funzionalità. In un update, ad esempio, un'app come Safari può subire una revisione significativa, ma le eventuali modifiche al sistema operativo sottostante saranno relativamente minori.

Ci sono cose che potrebbero andare storte, col nuovo sistema operativo

Rilasciato il 12 novembre 2020, macOS Big Sur è l'esempio perfetto del motivo per cui sarebbe meglio aspettare, prima di lanciarvi in un nuovissimo aggiornamento.

A pochi giorni dal suo rilascio, sono emerse segnalazioni secondo cui l'upgrade gratuito potrebbe bloccare i vecchi MacBook Pro. È stato segnalato questo tipo di problema sui modelli di fine 2013 e metà 2014 del laptop di punta dell'azienda. Anche le correzioni necessarie, come il ripristino della NVRAM o l'avvio in modalità provvisoria,  non riuscivano a risolvere il problema. Da allora Apple ha rilasciato un documento di supporto per le persone interessate, che invita anche i clienti a contattare il supporto Apple se il problema non viene risolto.

Una serie di altri problemi sono stati segnalati anche dai primi utenti di Big Sur. Apple Watch Series 6, ad esempio, non autentica gli account, sono stati riscontrati dei timeout nel protocollo IMAP nelle Mail, bug visivi nella nuova interfaccia utente e il classico screen saver di Apple che si rifiuta di visualizzare i set di foto corretti. Bug come questi non sono rari con il rilascio di un nuovo sistema operativo. Sebbene i problemi siano di gravità variabile, condividono tutti un tema comune: questa è la prima versione pubblica di un aggiornamento. Aspettare alcune settimane per una patch è un piccolo prezzo da pagare, soprattutto se fare il contrario potrebbe danneggiare il vostro laptop. Anche fastidiosi bug come i timeout della posta possono costare tempo, produttività e l'inevitabile stress mentre cercate di capire il problema.

I problemi con macOS Big Sur sono stati così vasti, che persino la Harvard Medical School ha messo in guardia contro l'aggiornamento fino a quando i bug non saranno stati risolti. Il giorno del rilascio, l'ultima versione di macOS sembra sempre brillante, raffinata e piena di possibilità e funzionalità indispensabili. Dopo alcuni giorni, però, le persone non riescono a smettere di parlare di tutti i bug che hanno trovato. Aspettare qualche giorno vi consentirà di sapere cosa vi aspetta e perché sarebbe meglio aspettare qualche giorno in più.

I vecchi software potrebbero non funzionare più

Apple apporta spesso modifiche al modo in cui i suoi software funzionano con le nuove versioni di macOS. Nel 2019, Catalina è stata la prima versione di macOS a eliminare completamente il supporto per le app a 32 bit. Questo ha colto molte persone alla sprovvista, poiché non potevano più utilizzare software che avevano funzionato perfettamente nella versione precedente. Gli sviluppatori potrebbero essere stati avvertiti, ma alcune app avrebbero ricevuto aggiornamenti solo con grandi sforzi. Questo dovrebbe suonare un avvertimento per chiunque utilizzi strumenti obsoleti, software open source o app create da "in casa".

Le modifiche di Apple a volte richiedono una ricostruzione completa di alcune app da zero. Questo è stato il caso di macOS 10.11 El Capitan, che ha introdotto una nuova funzionalità di sicurezza chiamata System Integrity Protection. Oltre a proteggere alcune parti dell'unità di sistema, la funzione impedisce alle app di iniettare codice in processi come Finder e Safari. Ciò ha reso inutili molte modifiche al sistema e ha richiesto un lavoro serio da parte degli sviluppatori interessati. Bartender e Default Folder X sono due app che hanno dovuto essere completamente riscritte per funzionare bene con System Integrity Protection.

Con il rilascio di macOS Catalina, Apple ha introdotto autorizzazioni più rigide che controllavano le cartelle a cui le app avevano accesso. Alcuni progetti open-source, come GIMP, non sono stati in grado di aprire o salvare file in tutte le directory - tranne quelle poche a cui l'utente ha dato manualmente il permesso. A volte, gli aggiornamenti di macOS interrompono semplicemente le vostre app preferite.

Nel 2019, la rimozione di Catalina del supporto delle app a 32 bit ha colto di sorpresa le persone che utilizzavano versioni precedenti di Microsoft Office. L'unico rimedio era un costoso aggiornamento all'ultima versione. Se dipendete da una determinata suite di app, uno strumento di editing di foto o video freeware, un vecchio emulatore o una porta sorgente o qualsiasi software legacy che non è più aggiornato, avrete sicuramente problemi.

Assicuratevi di ricontrollare sempre che le vostre applicazioni indispensabili funzionino correttamente, prima di eseguire l'aggiornamento a un nuovo sistema operativo.

Anche l'hardware potrebbe essere incompatibile

Proprio come per il software, le modifiche ai sistemi operativi possono influire anche sull'hardware. Oltre ai problemi con alcuni modelli di Apple Watch, Big Sur ha problemi anche con alcune smart card, stampanti Epson e HP e monitor collegati tramite HDMI.

I professionisti che dipendono da periferiche, come tavolette grafiche, interfacce audio USB o apparecchiature CAD / CAM, dovrebbero sempre consultare il sito web del produttore, prima di eseguire l'aggiornamento. Sebbene gli sviluppatori abbiano circa tre mesi per acquisire e prepararsi alle modifiche di Apple, ciò non garantisce affatto la compatibilità al momento del lancio.

Apple fornisce aggiornamenti per anni

Forse il motivo migliore per non preoccuparvi di aggiornare subito il vostro sistema operativo, è che non avete nulla da perdere, ad aspettare. Dopo il rilascio di una nuova versione di macOS, Apple continua ad aggiornarla per anni.

Certo, le nuove funzionalità sono belle, ma magari è più importante che il vostro Mac continui a funzionare nel modo in cui siete abituati, il più a lungo possibile. Potete ritardare l'aggiornamento finché non sarete sicuri che la maggior parte dei bug saranno stati risolti.

Tuttavia, continuate a monitorare gli update normalmente in Preferenze di Sistema -> Aggiornamento software. Tenete presente che non ricevere aggiornamenti importanti per alcune app, come Safari, potrebbe causare problemi di compatibilità con alcuni angoli del web. Ma, non dimenticate, Apple interrompe il supporto per i nuovi aggiornamenti di macOS su macchine più vecchie ogni anno, quindi ci sono sempre molti proprietari di Mac bloccati su versioni precedenti.

Questo consiglio non si applica solo a macOS. Di solito è meglio ritardare qualsiasi aggiornamento principale dei sistemi operativi per almeno alcuni giorni, fino a quando non sapete che è relativamente privo di bug.

Fonte: howtogeek.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail