Fastweb

Addio a AIM, servizio di messaggistica istantanea di AOL

Milioni di telefoni Android infettati da un Malware nascosto su WhatsApp Smartphone & Gadget #malware #whatsapp Milioni di telefoni Android infettati da un Malware nascosto su WhatsApp Alcuni hacker stanno cercando di sostituire app originali come WhatsApp con versioni false piene di annunci pubblicitari
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Addio a AIM, servizio di messaggistica istantanea di AOL FASTWEB S.p.A.
AOL
Web & Digital
Chiude il famoso servizio di messaggistica istantanea, le tappe principali della sua storia

Una volta AOL era la rampa di accesso alle autostrade di internet. Pochi anni dopo, il servizio di messaggistica istantanea di AOL -AIM- divenne il primissimo sistema di messaggistica. Oggi, 15 dicembre 2017, a distanza di diversi anni, Verizon, proprietaria di AOL, annuncia la chiusura definitiva.

Verizon sostiene che AIM è stata la capofila di tutti i servizi di messaggistica istantanea, ma sebbene non sia così, ha di fatto introdotto centinaia di milioni di utenti all'utilizzo dell'instant messaging.

Come Michael Albers, vicepresidente di Oath – società madre di AOL – ha dichiarato "Se fossi un ragazzino degli anni '90 è probabile che ci sia stato un momento in cui AIM ha fatto parte della mia vita. Il CD di installazione, il primo username, i messaggi accuratamente scritti e le liste di amici? Averlo innescava una lotta contro il tempo per arrivare per primo al computer di casa e chattare con gli amici. È parte della cultura pop."

Vero, ma AIM venne creata essenzialmente per scopi business. Così come uno dei creatori di AIM ha dichiarato, "AIM era il modo con cui si comunicava a Wall Street". Quindi sicuramente fu uno dei primi servizi di messaggistica, uno dei più importanti, ma non il primo in assoluto.
Il primissimo messaggio istantaneo è datato 1965, quando i programmatori crearono il "dot SAVED" su CTSS. Con questo codice gli utenti potevano scrivere direttamente ad un altro utente su un'altra macchina. Nel 1970 il codice CTSS includeva Multics, il sistema operativo avo di Linux e Unix.
Quando internet prese piede, alcuni hacker finlandesi ebbero l'idea di un sistema operativo che includesse una messaggistica basata sulla rete. Nacque l'Internet Relay Chat (IRC), ed era il 1988.
La popolarità di AOL esplose nel 1993, ed in larga parte fu perché AOL invase il mondo dei suoi CD di installazione. AOL fu inoltre il primo servizio online per la massa, che offriva accesso internet alle case dei privati. Nel 1997 più di metà degli americani potevano godere di internet fornito proprio dall'azienda.
Fu nello stesso anno, che AOL introdusse AIM, che nacque come progetto parallelo di un gruppo di tre ingegneri, ma che ben presto divenne uno dei servizi più importanti dell'azienda.

Nel decennio dal '97 al 2007 AIM divenne il servizio di messaggistica istantanea più importante, sebbene sia Yahoo che Microsoft provarono a sfidarlo con Yahoo Messenger e MSN (poi Windows  Live Messenger) dal 1999.  Entrambi riscossero notevole successo, ma dalla fine dei '90 agli inizi del 2000 AIM regnò sovrana.
La sospensione di AIM è iniziata nel 2002. Al 2012 AOL aveva completamente sospeso tutti i fondi destinati ad AIM e la decisione di sopprimere completamente il servizio era ormai questione di tempo.

In larga parte il fallimento di AIM corrisponde a quello di AOL. Il colosso ha distrutto tutto il suo valore negli anni e l'avvento della banda larga ha spostato tutti gli utenti dalla connessione con rete telefonica di AOL.
Allo stesso tempo, AIM ha dovuto affrontare la comparsa di alcuni rivali importanti. Nel 2003 Skype iniziò ad abilitare le comunicazioni fra utenti con messaggistica istantanea vocale. Nel 2005 arrivò Google Talk e il bacino di utenza di AIM iniziò a dirottarsi verso servizi più comodi e semplici.
Secondo le stime di Statista, a gennaio 2017 la top-five dei servizi di messaggistica istantanea comprendeva WhatsApp, Facebook Messenger, QQ Mobile, WeChat e Skype. Interessante notare come, per quattro di queste aziende, il servizio di messaggistica sia il cuore del business.
AOL avrebbe dovuto, probabilmente, rinnovarsi e rinnovare la sua proposta, abbracciando un nuovo modello per AIM. Ad ogni modo, a dicembre daremo il nostro ultimo saluto ad AIM, dopo 20 anni di onorata carriera. Grazie, AIM è stato bello.

15 dicembre 2017

 

Fonte: zdnet.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #aol #whatsapp #telegram

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.