Mac Apple

8 modi per rendere pių veloce il boot del Mac

Il vostro Mac impiega molto tempo a passare dalla schermata di accesso ad uno stato utilizzabile? Ecco alcuni consigli per renderlo pių rapido
8 modi per rendere pių veloce il boot del Mac FASTWEB S.p.A.

1. Usate la modalità "Stop" (Sleep) anziché spegnere

Lo spegnimento del computer e la modalità di sospensione non sono la stessa cosa. Un arresto prima chiude tutti i processi in esecuzione, incluso il sistema operativo, e quindi interrompe l'alimentazione della macchina. Quando lo riavvierete, tutto dovrà essere ricaricato dalla RAM. Il sistema operativo richiede tempo, per l'avvio, così come qualsiasi software che parte con l'avvio del computer.

La modalità di spegnimento "Stop" (o Sleep) è invece un processo molto più veloce. A seconda che abbiate un computer desktop o un laptop, la modalità di sospensione funziona in modo leggermente diverso. Su desktop, come iMac o Mac Pro, la RAM resta accesa durante la modalità di sospensione, mentre gli altri componenti vengono spenti per risparmiare energia.

Quando si riprenderà la sessione, la macchina si sveglierà rapidamente, poiché tutto ciò che avete lasciato in memoria sarà ancora lì, pronto per partire.

Per laptop, il processo ha una protezione aggiuntiva. Il contenuto della memoria viene lasciato nella RAM e la RAM rimane accesa, ma in aggiunta, il Mac copia tutto ciò che è memorizzato nella RAM sull'unità di avvio. Se l'alimentazione viene interrotta (ovvero, si disconnette dall'alimentazione per un tempo sufficientemente lungo), la memoria immagazzinata nella RAM viene persa, ma può essere ripristinata dall'unità quando verrà riconnesso all'energia.

Potete mettere in sospensione il Mac facendo clic sul logo Apple (lo stesso che usereste per spegnere), quindi cliccando su "Sospendi" (o "Stop" o "Sleep"). Potrete anche impostare il vostro Mac per accedere automaticamente alla modalità di sospensione in Preferenze di Sistema -> Risparmio energia.

2. Se il MacBook è in sospensione, lasciatelo in carica

Come indicato sopra, quando si interrompe l'alimentazione del MacBook, il contenuto della RAM viene perso. Ciò significa che ci vorrà un po' più di tempo per tornare a dove eravate prima, poiché la macchina dovrà ricopiare i dati nella RAM. Questo può richiedere molto più tempo sulle macchine più vecchie, specialmente quelle con poco spazio libero.

Per ovviare a questo problema, lasciate il vostro MacBook collegato all'alimentazione quanto più possibile.

3. Rimuovete gli elementi di avvio e di accesso non necessari

A volte, è davvero necessario dover riavviare o spegnere il Mac. Se la vostra macchina impiega molto tempo per passare dalla schermata di accesso ad essere utilizzabile, potrebbe significare che dovrete rimuovere tutti quegli elementi di avvio non necessari, perché rallentano la macchina.

Andate su Preferenze di Sistema -> Utenti e gruppi. Con il vostro nome utente evidenziato, cliccate sulla scheda "Elementi di accesso". Vedrete così un elenco di applicazioni che si avviano ogni volta che eseguite l'accesso. Evidenziate tutto ciò che non vi serve, quindi cliccate sul segno meno (-) per rimuoverlo dall'elenco.

Potete anche selezionare la casella di controllo "Nascondi" per ciascun elemento che desiderate avviare in background senza che disturbi.

Oltre agli elementi di accesso, è possibile che alcuni elementi di avvio a livello di sistema vengano avviati ogni volta che qualcuno accede. Questi sono memorizzati in una cartella nascosta. Per accedervi, aprite una nuova finestra del Finder, cliccate su Vai -> Vai alla cartella. Quindi digitate (o incollare):  /Macintosh HD/Library/StartupItems/.

Questa cartella potrebbe essere vuota, ma sentitevi liberi di rimuovere tutto ciò che non volete avviare accendete il vostro Mac.

4. Mantenete un po' di spazio libero

Il MacOS ha bisogno di spazio per respirare come parte del suo normale funzionamento. Le operazioni di routine, come il download e la decompressione degli aggiornamenti di sistema o la copia del contenuto della RAM nella memoria dell'unità, possono occupare temporaneamente più spazio di quanto si possa avere. Quando ciò accade, le cose rallentano drammaticamente.

Non esiste un numero magico, per quanto spazio si dovrebbe cercare di mantenere libero, ma circa il 10% dello spazio totale sul disco è un buon punto di partenza. Quando iniziate a visualizzare gli avvisi dal sistema sul raggiunto limite di capacità dell'unità, è tempo di iniziare a liberare spazio.

5. Disabilitate "Riapri Windows"

Quando scegliete di riavviare o spegnere il Mac, avete la possibilità di riaprire le finestre all'accesso. Si tratta di una funzione utile, ma potete anche farne a meno.

Se le vostre app sono state chiuse in modo corretto (cosa di cui macOS si occupa ogni volta che lo spegnete), non dovreste rischiare di perdere nulla. Ad esempio, se chiudete una finestra Safari piena di schede aperte, ma scegliete di non riaprirle al momento dell'accesso, le schede rimarranno comunque tutte lì; dovrete solo riavviare Safari manualmente quando tornate sul desktop.

Se non avete bisogno di ritrovare tutte le app e le finestre che avete aperto l'ultima volta che avete usato il computer, potete disabilitare questa opzione. Andate su Preferenze di Sistema -> Utenti e gruppi -> Opzioni di accesso; basta cliccare sul lucchetto e digitare la password dell'amministratore per apportare le modifiche.

6. Reinstallate MacOS

Se non avete reinstallato macOS da alcuni anni, potreste essere sorpreso dalla velocità che una bella reinstallazione può regalare. Rimuovendo tutti i software di terze parti, è possibile ricominciare da un foglio bianco. Questo è un ottimo modo per rimuovere estensioni del kernel obsolete e altre app che avete dimenticato.

Innanzitutto, eseguite il backup dei vostri dati personali con Time Machine. Ricordate che qualsiasi software o app su cui fate affidamento dovrete riscaricarla una volta completato il processo. Riavviate in modalità di ripristino e reinstallare macOS da zero.

Al termine del processo potrete ripristinare il backup da Time Machine, che copierà i vostri file all'interno del Mac.

7. Usate un disco esterno

Se il vostro Mac è particolarmente vecchio, potreste avere ancora un disco rigido meccanico. Per scoprirlo, cliccate sul menu Apple, quindi su "Informazioni su questo Mac". Selezionate la scheda "Archiviazione" e cercate "Archiviazione Flash" sotto la capacità dell'unità.

Se "Flash Storage" non è elencato, è probabile che il vostro Mac abbia un'unità più vecchia. In tal caso, cliccate sulla scheda "Panoramica", quindi selezionate "Rapporto di sistema". Selezionate l'unità di avvio in "SATA / SATA Express" e cercate "Tipo medio" nel pannello inferiore.

Se questa voce non dice "Solid State", il vostro computer ha un disco rigido meccanico. È possibile accelerare notevolmente il tempo di avvio del computer, nonché il tempo necessario per l'avvio del software e il completamento del trasferimento dei file, installando un SSD.

8. Considerate l'accesso automatico

Un altro modo per accelerare il tempo tra la pressione del pulsante di accensione e la possibilità di utilizzare il Mac è di semplificare il processo di accesso. Se siete gli unici che utilizzano quel determinato Mac, potreste abilitare l'accesso automatico in Preferenze di Sistema -> Utenti e gruppi -> Opzioni di accesso.

Se state crittografando l'unità con FileVault, questa opzione non sarà disponibile. Dovrete prima disattivare FileVault in Preferenze di Sistema -> Sicurezza e Privacy -> FileVault, cosa che però non è consigliabile, specialmente su un MacBook che portate fuori casa o in ufficio.

Se disponete di un Mac desktop in un luogo sicuro e non siete preoccupati che qualcun altro lo utilizzi (o lo rubi ed esamini i vostri file), l'accesso automatico è un'ottima opzione.

L'ovvio pericolo è, poiché non è richiesta una password per accedere, che chiunque possa accendere e utilizzare il vostro computer. I vostri file, la cronologia di navigazione, tutti i siti web a cui avete effettuato l'accesso e altro, saranno a rischio.

Un'opzione più sicura è abilitare l'accesso automatico con il vostro Apple Watch (se ne avete uno). In questo modo, dovrete essere fisicamente presente affinché la vostra macchina vi faccia accedere automaticamente.

Fonte: howtogeek.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail