Nintendo Switch

Nintendo Switch, pro e contro

Se vi state chiedendo se è il caso di comprare Nintendo Switch e cosa potrebbe offrirvi, ecco una velocissima guida per orientarsi nell'acquisto
Nintendo Switch, pro e contro FASTWEB S.p.A.

Se non ve la siete già comprati al lancio, cosa che potrebbe tranquillamente essere successa, forse vi state chiedendo se è il caso di comprare o no Nintendo Switch e cosa potrebbe offrirvi, eccovi dunque una velocissima guida per aiutarvi a decidere.

Nintendo Switch


Cosa non va


Se dovessimo giudicarla come tablet, Switch prenderebbe schiaffi anche dal primo iPad. È grossa, con uno schermo di plastica e una presa dell'aria in alto che sembra fatta per raccogliere briciole. Lo schermo è brillante e molto dettagliato, ma solo 720p, altro che AMOLED. 
Uno dei JoyCon, i controller che possono essere posizionati di lato, sembra avere dei problemi di connessione quando viene utilizzato staccato dalla console e c'è qualche oggetto nel mezzo. Personalmente non ho avuto alcun problema, però le segnalazioni non sono poche e non è un inconveniente che sistemi con una patch.
Per il momento Switch è una macchina costosa che molti hanno comprato solo per giocare a Zelda. Il gioco è un capolavoro, ma se non vi interessa poterlo avere mentre viaggiate per il momento Switch non offre molto altro. Volendo c'è anche 1-2 Switch ma è un giochetto da fare solo con amici, per farsi quattro risate.
I codici amico? Nintendo non ha ancora imparato a utilizzare un sistema più efficiente per farci connettere con i nostri amici online che sia meno noioso dei codici personali da scambiare con gli altri utenti.

Nintendo Switch
Dal punto di vista della comodità i due laccetti con i tasti dorsali non sempre sono facilissimi da mettere e togliere e possono sfuggire se il gioco si fa intenso. Inoltre, se volete giocare in mobilità con gli amici dovete ricordarveli!
Non ci sono applicazioni che non siano di gioco, quindi se vi piace l'idea di utilizzarla come hardware unico sui cui guardare anche Netflix, ad esempio, non potete farlo. Non è un problema insormontabile, ma ormai anche le caffettiere ti fanno vedere le serie TV e sarebbe comunque una cosa in più.


Cosa funziona


Dal punto di vista hardware tutto sembra molto veloce ed efficiente, anche nel download di aggiornamenti e giochi.
Il prezzo non è basso, ma ricordiamoci che stiamo parlando di un sistema che integra tablet, docking station, due joypad dotati di force feedback in maniera molto intuitiva.
La batteria è più che sufficiente. Tre ore di Zelda in mobilità non sono assolutamente poche. 
Per quanto al momento sia un atto di fede, le potenzialità della console sono tantissime, la vera differenza la faranno, come sempre, i giochi. La speranza è che le buone vendite iniziali della console spingano gli sviluppatori a investire tempo e risorse.

Nintendo Switch
Per quanto Zelda sia disponibile anche per WiiU, giocarlo in mobilità è una sensazione incredibile. Non vediamo l'ora di fare la stessa cosa anche con Super Mario. Il processore Tegra forse non sarà sufficiente per una grafica incredibile, ma questo potrebbe spingere gli sviluppatori a creare giochi che puntino meno sull'aspetto visivo.
Per chi ha figli piccoli potrebbe essere la console definitiva, perché permette di giocare con loro, di tenerli tranquilli ovunque, di controllare con l'app quanto giocano e a cosa, di sfruttare la sensibilità di Nintendo nel creare titoli diversi dal resto del mercato. 


E Zelda: Breath of the Wild?


Dopo 100 anni dalla sua ultima battaglia un eroe si risveglia senza ricordare niente, non ha armi, non ha corazza, tutto ciò che possiede è una specie di tavoletta, una sorta di tablet magico che può fungere da mappa, macchina fotografica, inventario e terminale per il teletrasporto. Di fronte a lui si stende un mondo sconfinato che chiede solo di essere salvato. 


Questo è tutto ciò che vi serve sapere per iniziare Breath of the Wild.
Non fatevi ingannare dagli aspetti più fiabeschi, dai nomi buffi e da una trama tutto sommato molto tradizionale, ciò che rende grande Zelda: Breath of the Wild non risiede tanto nel suo aspetto esteriore, comunque bellissimo e neppure nella sua atmosfera. Quelli sono dettagli che appassionano soprattutto i fan della saga.
La sua vera grandezza si trova sotto il cofano, in una meccanica di gioco fatta per esaltare l'intelligenza e la creatività. Breath of the Wild è un po' come una bella macchina da corsa in grado di andare su ogni terreno: la sensazione di libertà sarà unica, ma dovrete guadagnarla e utilizzarla con saggezza.
Dieto la fiaba di Link si nasconde infatti un titolo punitivo, che non vi terrà per mano, non vi dirà sempre cosa fare e in cui ogni scontro può essere fatale se lo affrontate con leggerezza.
Di solito, tutto ciò che sapete è che dovete andare in un posto, come arrivarci, come superare montagne innevate e crepacci oscuri, come superare giganti di ossa e creature di fuoco? beh, dovrete deciderlo voi. Oltre a tutto questo ci saranno un sacco di enigmi che sfrutteranno il motore fisico del gioco e che in alcuni casi vi faranno dannare l'anima, per non parlare di alcuni boss veramente ostici che, una volta battuti, scateneranno esultanze calcistiche.
Ogni centimetro della mappa di Breath of the Wild può riservare una sorpresa. Magari scoprirete un frutto che, se cucinato con gli ingredienti giusti, vi garantirà l'immunità dal freddo o vi farà nuotare più veloce. Magari imparerete a domare i cavalli o costruirvi una casa, magari fare i soldi facendo il boscaiolo o raccogliendo metalli rari. La scelta è solo vostra e quasi sempre vi porterà a fare qualcosa di divertente ed emozionante. 
Il problema di Zelda: Breath of the Wild è proprio questo: la vastità degli spazi e le moltissime opzioni rischiano di farlo diventare una vera e propria ossessione, siete avvisati.

16 marzo 2017

source:fantoni
N3RDCORNER di Lorenzo Fantoni
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail